l'alimentazione biologica non prevede l'uso di chimica massiccia al suo internoPer alcuni scelta puramente legata al cibo, per altri importante decisione etica, l’alimentazione biologica si pone tra le varianti disponibili nel mercato dei nostri giorni. Molti sono infatti i negozi specializzati destinati ad ospitare questa tipologia di prodotti, assieme a mercati e angoli dei market appositamente dedicati.

L’alimentazione biologica si presenta in continuo aumento tra le scelte alimentari, grazie alla bontà delle sue caratteristiche e alla possibilità di conoscere a fondo gli alimenti dei quali ci nutriamo. Molte volte, infatti, i cibi consumati sono di provenienza sconosciuta, soprattutto nei componenti più nascosti.

A fronte di uno stile di vita leggero e superficiale tutto ciò può non rappresentare un problema, ma qualora si decida di dedicare più amore a se stessi e alle persone che ci sono vicine, la scelta di un’informazione più profonda e consapevole si pone come punto di partenza verso un’alimentazione felice e sana.

Oltre l’alimentazione biologica esistono diversi modi di mangiare in funzione degli obbiettivi che si vogliono raggiungere o di specifiche necessità anche legate alle attività che si svolgono, come nel caso degli sportivi; ecco l’alimentazione proteica nella performance sportiva.

Alimentazione biologica, per mangiare in modo sano e in equilibrio con la natura.

Le colture bio si distinguono dalle altre in quanto al loro interno non prevedono l’uso di fertilizzanti e pesticidi dannosi. In Italia esiste una normativa atta a definire i canoni del bio e a certifcarlo nel modo più corretto.

Per questa ragione le colture biologiche si pongono rare in comparazione alle ‘normali’ coltivazioni, in quanto le caratteristiche sono davvero diversi. Se si tratta di agricoltura il processo inizia dai semi, che non devono essere OGM (organismi geneticamente modificati) , per proseguire con la coltura che deve seguire dettami naturali e aiutarsi con prodotti provenienti da una chimica considerata ‘buona’, per concludersi al momento del raccolto e della conservazione. Il bio, infatti, contraddistingue tutti i passaggi della produzione agricola, per preservarsi in modo completo e sicuro nel prodotto finale.

Se l’equilibrio con la natura è visibile, le conseguenze sull’organismo diventano molto importanti e legate ad effetti anche a lungo raggio di tempo. Mangiare biologico significa introdurre meno veleni e di conseguenza evitare problemi di salute quali intolleranze alimentari oppure allergie.

E’ infatti emerso dagli studi più recenti che un largo numero di intolleranze e allergie devono la loro nascita al consumo prolungato di cibi ‘avvelenati’, modificati nella loro struttura chimica in nome di una produzione più massiccia.

Applicazioni delle culture biologiche e nei prodotti animali

 

l'alimentazione biologica è applicata anche alle carni, ai latticini e alle uova

Il biologico non si applica solamente ai prodotti agricoli, trovando la sua applicazione anche nelle carni, nel lette e latticini e nelle uova. In questo caso l’allevamento prevede una serie di regole dall’alimentazione dgli animali, fino al loro trasporto, votate a salvaguardare la loro salute in ogni momento.

Molte volte consumiamo prodotti di origine animale provenienti da allevamenti intensivi o crudeli e purtroppo non lo sappiamo perché ovviamente…non viene indicato nell’etichetta! Neache il biologico può donare una sicurezza al 100%, ma i suoi canoni e i controlli sull’operato, garantiscono che buona parte dell’allevamento e della fasi conseguenti vengano realizzate secondo determinati e positivi dettami.

Anche il mondo dei cosmetici viene interessato dal biologico, con preparati che utilizzano ingredienti di provenienza bio nella composizione.

Ecco che scegliere un’alimentazione biologica può divenire una fonte di benessere dalle molte sfumature. I sapori si rendono più intensi, non vi sono effetti collaterali e soprattutto si da una mano al nostro fragile ecosistema, il cui stato di salute si presenta ogni giorno più preoccupante.

 

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento