Alimentazione fitness: nutrirsi bene e stare meglio

L’alimentazione fitness dello sportivo si differenzia per alcuni aspetti dalla dieta equilibrata di una persona sedentaria. La quantità di calorie (il carburante che soddisfa le richieste energetiche) è misurata in base al fabbisogno del fisico sottoposto a sforzi particolari. Alimentazione fitness quindi significa dieta bilanciata in base alle aumentate necessità muscolari, attraverso una grande varietà di cibi e sapori.

Per essere certi di introdurre tutto ciò di cui abbiamo bisogno non dobbiamo rinunciare a cereali, legumi, latte, carne, verdura e frutta. Il fabbisogno calorico di chi pratica fitness in maniera regolare può essere compreso tra le 2000 e le 5000 unità al giorno, calcolate anche in base all’età, al sesso e all’intensità e la durata dello sforzo.

Comunque anche se non si pratica nessuna attività fisica, l’alimentazione rimane fondamentale per lo stato di salute generale dell’uomo, sono infatti molte le malattie provocate da un regime alimentare sbagliato; leggi in proposito l’alimentazione sana e le malattie cardiache.

Alimentazione fitness, benessere in movimento

I classici integratori risultano superflui in una dieta bilanciata, basta infatti rispettare la corretta ripartizione tra tutti i nutrienti. Vediamo tale classificazione nel dettaglio.

Carboidrati: corrispondono al 55% / 60% delle calorie quotidiane e sono la fonte principale di energia

Proteine: rappresentano il 12% / 15% delle calorie giornaliere (per chi non pratica sport la percentuale si abbassa al 10% / 12%)

Lipidi: sono il 25% / 30% delle calorie quotidiane, rappresentano la fonte energetica più concentrata e trasportano le vitamine liposolubili

Minerali: indispensabili per una salute ottimale e la crescita

Vitamine: regolano i processi e le reazioni chimiche, partecipano ai processi di rilascio dell’energia

Acqua: bisogna assumerne almeno 1,5 litri al giorno e comunque almeno la stessa quantità che viene dispersa attraverso il sudore

I segreti dell’alimentazione sportiva

 

Alimentazione per sportivi, ecco cosa cambiaÈ utile sapere che non esistono particolari cibi in grado di migliorare la prestazione sportiva: una alimentazione fitness corretta garantisce una salute ottimale. L’eventuale utilizzo degli integratori deve essere concordato con il medico e rispettare le necessità effettive dell’organismo.

Chi svolge sport di fatica e resistenza come maratona, nuoto, sci di fondo, ciclismo, dovrebbe seguire il seguente schema di apporto di nutrienti: 60% di zuccheri, 25% di grassi e 15% di proteine. La dieta quindi sarà caratterizzata da una costante presenza di pasta, patate, riso, verdura, pane, frutta secca e frutta fresca.

Chi pratica sport di forza come il sollevamento pesi, il lancio del peso o del disco, dovrebbe seguire invece la seguente proporzione: 55% carboidrati, 20% proteine e 25% lipidi. In questo modo l’organismo non intaccherà le riserve proteiche.

Infine, per gli sport di velocità come i salti in lungo, la corsa veloce, il nuoto sulle brevi distanze, è fondamentale un corretto apporto di zuccheri, che garantiscono energia immediata. La ripartizione dei nutrienti quindi diventa 60% carboidrati, 20% proteine e 20% lipidi, con una alimentazione fitness ricca di carne magra, pesce, prodotti integrali.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento