Chi pratica attività fisica in palestra sceglie di esercitare il corpo con l’ausilio di attrezzature specifiche adoperate a seconda delle caratteristiche fisiche e delle finalità dell’atleta. Qualunque sia lo scopo dell’allenamento, l’alimentazione finalizzata alla pratica sportiva in palestra, è essenziale! Ogni sport, anche la palestra, pretende una sua dieta mirata, ed anche nel caso in cui si segua un regime alimentare particolare, come la dieta vegana, sono necessari alcuni accorgimenti specifici, leggi quindi alimentazione vegana e sport.

L’obiettivo dell’allenamento in palestra può andare dalla tonificazione all’aumento della massa muscolare, dal modellamento del fisico al dimagrimento.

Alimentazione e palestra: perchè l’allenamento in palestra pretende una dieta specificamente pensata in relazione agli sforzi e agli obiettivi dell’atleta?

Per comprendere l’importanza del fattore alimentazione è bene partire da un presupposto logico: ogni qualvolta il fisico si sottopone allo sforzo dell’allenamento naturalmente brucia delle energie e naturalmente spende delle riserve sostanziose, ciò implica un indebolimento del corpo che pretende di essere sostenuto e reintegrato con carburante alimentare.

alimentazione per l'atleta che fa sport in palestraUn buon allenamento necessita di un fisico attivo e ben sostenuto da un potenziale energetico confacente all’attività sportiva. Ciò significa che non si fa sport a digiuno, il corpo mancherebbe delle energie necessarie per attivare i suoi processi fisici, di sintesi e metabolici.

E’ bene ricordare che col digiuno non si dimagrisce, non si scolpisce il corpo, non lo si modella e non si rimane in forma.

L’assenza prolungata di cibo o uno scarso apporto energetico al corpo mettono il fisico in riserva, con conseguente disequilibrio dei naturali processi biochimici dell’organismo.

In altre parole mangiare e mangiare bene è essenziale per un corretto allenamento ed in genere è fondamentale per la salute umana.

L’alimentazione varia a seconda degli obiettivi che l’allenamento in palestra si propone di raggiungere.

Chi si esercita per dimagrire deve prediligere un’alimentazione ricca di fibre.

Frutta e verdura sono alimenti essenziali nelle diete dimagranti ma sono anche alimenti ricchi di vitamine, pieni di acqua e sali minerali, caratteristiche che li rendono cibi ideali anche per chi fa sport.

E’ consigliabile consumare frutta e verdura fresche, di stagione e possibilmente provenienti da una filiera corta (il cosiddetto chilometro 0 è sempre garanzia di freschezza del prodotto).

Riguardo al consumo di verdura è altresì preferibile affidarsi a cotture leggere e possibilmente prive (del tutto o alimentazione e palestra, cosa mangia chi fa palestraquasi del tutto) di condimenti.
Vapore, bagnomaria, griglia sono delle modalità di cottura delicate, light e che non richiedono condimento aggiunto.

Quando lo scopo ultimo della dieta e dell’allenamento è perdere peso le verdure nel piatto dell’atleta giocano un ruolo decisivo.
Qualsiasi verdura ha un alto potere saziante, ciò vuol dire che facilmente un piatto di buone verdure riempie lo stomaco appagando a lungo il senso di fame. Considerato anche il basso apporto calorico delle verdure, è facile comprendere come e quanto convenga consumarle durante le diete.

Chi si esercita per aumentare la massa muscolare non può fare a meno delle proteine che hanno una funzione strutturale nei muscoli umani.

Per una corretta alimentazione da palestra finalizzata al supporto della massa muscolare, è errato assumere la quantità ridotta di proteine come è errato assumerne una quantità eccessiva.

Per costruire i muscoli l’apporto proteico deve essere bilanciato e deve rispettare la capacità di sintesi proteica che l’organismo umano possiede.

L’organismo umano è costruito per sintetizzare e quindi utilizzare una quantità limitata di proteine, si consiglia un consumo proteico pari a 30 grammi per pasto. Il rispetto di questo valore garantisce la migliore assimilazione dei nutrienti da parte del corpo.

Per ottimizzare tale assimilazione  e favorire la strutturazione della massa muscolare, in un’alimentazione orientata all’attività sportiva in palestra, è consigliabile frammentare i pasti ed è persino possibile (quando l’obiettivo sia quello della massimizzazione della massa muscolare) fare piccoli spuntini bilanciati ogni 3 ore.

Uno spuntino bilanciato deve contenere carboidrati, verdura e proteine. Un panino integrale con spinaci cotti al vapore e bresaola, rappresenta per esempio uno spuntino bilanciato nella dieta di un bodybuilder che si alleni in palestra per potenziare la sua massa muscolare.

Qualunque sia l’obiettivo dell’allenamento, per una corretta alimentazione finalizzata all’attività fisica in palestra, l’atleta deve evitare cibi molto grassi, frittura, alcol, bevande dolci e gassate, dolci, zucchero semplice (anche di canna), condimenti eccessivi e cibi in scatola (fa eccezione il tonno che, al contrario, è persino consigliato).

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento