Alimentazione per migiorare gli addominaliLo diciamo subito: per diminuire la pancetta esiste si un’alimentazione per addominali, ma se si vogliono ottenere risultati da copertina e arrivare alla famosa tartaruga allora bisogna ricorrere ad un allenamento e all’assunzione di sostanze che poco hanno a che vedere con una semplice dieta naturale e qualche esercizio.

Prima di addentrarci nei dettagli dell’alimentazione addominali, i consigli sul fitness consistono in una corsa di mezz’oretta tre giorni la settimana. Negli altri tre giorni, alternando, potete fare dopo pranzo qualche serie di esercizi addominali (crunch alto o basso). Consigliabile anche l’uso di alcune creme modellanti e riducenti.

Detto questo non dimentichiamo che nell’ambito dei risultati nel fitness, cioò che conta davvero è il regime alimentare che s’intende seguire e che ci porterà o meno al raggiungimento del nostro obbiettivo, infatti l’alimentazione per gli sportivi è la prima cosa.

Alimentazione per addominali, i cibi più adatti

Quanto all’alimentazione per addominali, iniziamo col preferire piccoli pasti ma frequenti rispetto all’abitudine di sederci a tavola affamati. Impegno massimo, quindi, nel rispettare la merenda delle 11,00 e lo spuntino delle 17,00.

Dimenticate i cibi industriali e quelli più elaborati, le bibite alcoliche, l’alcool, troppo zucchero o troppo sale. Avanti tutta, invece, con carboidrati naturali, fibre (verdura, frutta e cereali) e proteine (legumi, carne bianca uova, qualche formaggio). Come modalità di assunzione, a colazione consigliamo una tazza di latte (o tè, caffè, spremuta) con due fette biscottate e un cucchiaino di zucchero, oppure solo uno yogurt con due fette biscottate.

Le alternative per uno spuntino sono yogurt magro, crackers o un frutto. La pasta va mangiata due o tre volte la settimana, il pane solo nei giorni in cui non si mangia la pasta, ma massimo 50 grammi e accompagnato da legumi, carne bianca o pesce e contorno. Sempre carne bianca o pesce alla sera (100 grammi), con contorno di verdura fresca (100 grammi) e un po’ di pane.

Un prezioso aiuto dal tè verde

 

Alimentazione e tè verde per gli addominaliCurate l’alimentazione per addominali anche dal punto di vista delle bibite. Una volta eliminate quelle alcoliche e zuccherate, otterrete il massimo dei benefici assumendo due litri giornalieri di tè verde, che aiuta a smaltire i liquidi in eccesso come nessun altra bibita. Andrete in bagno più frequentemente, ma starete espellendo numerose impurità. Se proprio il tè verde non lo gradite, provate allora con tre litri di acqua al giorno.

Gli ultimi consigli sono legati al non mangiare troppo poco perchè durante l’allenamento perdereste massa muscolare o liquidi che invece servono; non puntare a perdere eccessivamente peso (accontentatevi di un chilo perso ogni settimana); rifornite la cambusa di mandorle, noci, spinaci, fagioli, lenticchie, uova, latticini, cereali, frutta e farina d’avena: sono i cibi che non vi possono e devono mancare nella corretta alimentazione per addominali.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento