Alimentazione naturale; nocciole cibo salvavitaIl contraltare dell’alimentazione naturale è spesso considerata l’alimentazione industriale. Appartengono a questa categoria i best seller della grande distribuzione organizzata ma anche del commercio al dettaglio: nutelle, gelati, patatine, salatini, merendine, cioccolatini ripieni.

Per ognuno di questi cibi, ci sono due o tre marche continuamente presenti negli spot pubblicitari. Anche per questo, sono particolarmente amati da giovani e giovanissimi, che ignorano la natura del cibo artificiale, ricco di ingredienti di scarto e conservanti, componenti chimici e grassi vegetali come l’olio di palma, indispensabile nella cottura industriale; tutto questo ovviamente nell’alimentazione naturale non c’è!

Scopri quali sono i principi per una buona alimentazione.

Alimentazione naturale Vs. nutrizione scientifica

Ma l’alimentazione naturale ha un alter ego, forse più salutare dell’alimentazione industriale, che talvolta, però, può fare allontanare i consumatori dal benessere. Si tratta della nutrizione scientifica, che rimane un approccio positivo, presentandoci i cibi sotto forma di amidi, proteine, sali minerali, carboidrati e segnalandoci quali sono gli apporti calorici per una dieta corretta.

I consigli dei nutrizionisti scientifici sono certamente da accogliere con favore da chi vuole star bene a tavola, ma non si deve dimenticare che è l’alimentazione naturale che concepisce i cibi nella sua interezza e reale fattezza (cioè, come cereali, carne, pesce, frutta e verdura).

Non è un discorso di lana caprina, perché il plus dell’alimentazione naturale è legato allo scegliere cibi freschi, di stagione, coltivati o lavorati senza alterazioni nutritive. Così, ogni stagione ha i suoi prodotti e i suoi metodi di cottura, e il nostro organismo ne beneficia in modo armonico (si pensi ai cibi rinfrescanti) andando aldilà del semplice carico di carboidrati e proteine prescritto.

Al nutrizionismo scientifico preferite l'alimentazione naturaleVanno bene i dosaggi, i corretti rapporti calorici e gli altri consigli provenienti dalla nutrizione scientifica, ma è l’alimentazione naturale a garantire il prodotto stagionale e biologico, con tutti i conseguenti benefici.
E’ una scelta che ci allontana dalla dieta studiata a tavolino, quella che per intenderci contempla sacrifici.

La rivincita dei vegetariani

 

Se si vuole mangiar sano, ecco i cinque alimenti naturali che mai devono mancare nella dieta di un adulto: 1) frutta, anche sei porzioni al giorno; 2) verdura, anche sei porzioni (alternate però alla frutta) giornaliere; 3) una decina di semi: noci, nocciole, mandorle, semi di girasole; 4) cereali integrali (va bene una porzione al dì); 5) una porzione (ogni due giorni) di legumi.

E la carne? E i formaggi? Bè, sembra proprio che abbiano ragione vegetariani e vegani quando sostengono che tali cibi ci sono stati forniti dalla natura in sostituzione a legumi e cereali. Ad ogni modo se si deve, meglio sceglierli in accordo con  la stagionalità e la tradizione della nostra terra e del nostro mare, così sarà alimentazione naturale.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento