0 oggetti | €0

Cosa si mangia nell’alimentazione vegana?

Alimentazione vegana, zuppa che bontàL’alimentazione vegana è una delle varianti più rigide del vegetarianesimo, poichè bandisce tutti gli alimenti di origine animale e i suoi derivati: carne, pesce, uova, latte e derivati, miele, pappa reale e prodotti industriali che contengono tracce di questi ingredienti.

Alla base dell’alimentazione vegana, ci sono spesso scelte di tipo etico-filosofico o anche dietetico che non è il caso approfondire in questa sede; l’importante è segnalare che organismi competenti consigliano l’alimentazione vegana, a patto che sia ben bilanciata, pena l’incorrere dell’assenza di micronutrienti molto importanti (vitamina D, vitamina B12) per il vegano.

L’alimentazione vegana non è l’unico tipi di dieta che viene da molti considerato più sano, ve ne sono infatti molte altre tipologie, come per esempio quella biologica; ma in cosa consiste l’alimentazione biologica?

Ecco i cibi preferiti nell’alimentazione vegana

L’alimentazione vegana, dunque, è ricca di frutta e verdura, che solitamente si preferisce scegliere stagionale e proveniente dall’agricoltura biologica, perchè più ricca di minerali. Ben vengano anche pasta, pane e riso (specie se integrali), così come altri cereali: la soia, nelle sue varianti rossa (funzionalità renale), gialla (acquistare peso) e nera (organi riproduttivi).

Molto utilizzati nell’alimentazione vegana anche il cous cous, il grano saraceno, i legumi, l’avena, il mais, il miglio, il kamut e il farro. E’ chiaramente preferibile, per tutti questi alimenti, una cottura a bollitura, vapore o al forno. Anche le alghe arrichiscono notevolmente la dieta vegana, come la wakame, l’hijiki e l’agar agar.

Fantasia in cucina con condimenti e dolcificanti naturali

 

alimentazione vegana, l'importanza della frutta seccaMa la vera sapienza dei vegani, la marcia in più che questo regime alimentare ha sicuramente in se è la possibilità di attingere a condimenti e dolcificanti completamente naturali, che arricchiscono le pietanze di gusto e di proprietà nutritive, consentendo anche uno sbizzarirsi in cucina all’insegna della fantasia e della creatività.

Tra i consigli più interessanti per rendere l’alimentazione vegana più intrigante tramite i condimenti ed i dolcificanti, il sale può essere sostituito dall’agro di umeboschi (che si ricava dal succo di prugne), dalla salsa di soia e dai semi di sesamo tostati. Ancora, alghe secche, semi di girasole e germogli possono arricchire le insalate, mentre come dolcificanti si preferisce sostituire quelli chimici con zucchero di canna, sciroppo d’acero e succhi di frutta.

La frutta secca è molto importante per stabilizzare il fabbisogno di minerali, quindi dieci grammi di mandorle al giorno sono assolutamente consigliabili, mentre nell’ambito della preparezione dolciaria, oltre al succo di frutta o di limone (vitamina c), irrompe il lievito alimentare in scaglie, il malto d’orzo, di riso, di grano e lo sciroppo d’agave. E una buona tazzina di caffè d’orzo in sostituzione del solito caffè è la degna conclusione del nostro programma di alimentazione vegana.




0 commenti /

Lascia un commento →

Lascia il tuo commento