l'alimentazione può far molto per contrastare la ritenzione idricaRitenzione idrica e cellulite sono problemi che affliggono molte donne e in qualche caso anche gli uomini. Esse si presentano con dolorosi fenomeni localizzati, capaci di sfociare in accumuli di cellulite soprattutto nelle gambe e nelle cosce. L’uso di cosmetici nella risoluzione del problema è consigliato, ma anche l’alimentazione può rappresentare un valido aiuto per risolvere il problema.

Attraverso un’alimentazione mirata, la ritenzione idrica può infatti essere sconfitta dall’interno, in modo efficace e sicuramente duraturo. Il trucco è preferire alimenti dalla natura disintossicante ed evitare al contempo di assumere cibi con determinate caratteristiche.

L’alimentazione può essere causa di diversi disturbi e patologie della salute umana, per questo quello che mangiamo è strettamente connesso con la durata della nostra vita; longevità e alimentazione sono correlate, ecco perchè.

Ecco l’alimentazione giusta per eliminare la ritenzione idrica

Essa si compone di scelte intelligenti, votate a salvaguardare l’organismo dalla presenza di sostanze che ne sono la causa. La ritenzione idrica si basa infatti su un accumulo di liquidi che il corpo non riesce a drenare nella maniera corretta.

Il principale protagonista della ritenzione è in assoluto il sale. Esso andrebbe comunque evitato, o per lo meno moderato nel consumo, in quanto esso si presenta nocivo anche per il funzionamento dei reni e del sistema ematico.

Oltre alla presenza aggiunta, il sale è contenuto in tutti gli alimenti già pronti, e in forma indiretta negli insaccati e nei formaggi stagionati. Ecco che la regola numero uno per combattere la ritenzione idrica chiede di preferire alimenti preparati con le nostre mani, magari più lunghi nella cottura, ma capaci didonare soddisfazioni grandi e di farci conoscere esattamente quali siano le sostanze contenute.

Il sale può essere sostituito con ottimi triti di erbe aromatiche, capaci di donare tanto gusto alle pietanze e di aggiungere anche effetti depuranti ai cibi. Timo, salvia, maggiorana, origano e basilico, sono piante officinali molto facili da coltivare anche in un vaso all’interno della propria abitazione. Una volta cresciute cogliere dei rametti per preparare buoni insaporitori diventerà un gesto di amore per se stessi dal valore aggiunto.

A queste benefiche erbe va aggiunto il consumo di tisane aromatiche, a base di liquirizia, equiseto e finocchio, dal potere drenante e altamente sgonfiante e di tarassaco e achillea dal forte potere depurante. Consumate alla sera esse rappresenteranno un valido aiuto anche nella distensione dei nervi, dopo un’intensa giornata passata magari sedute davanti ad un computer.

Come si compone la dieta più corretta contro la ritenzione idrica?

 

le ciliegie sono parte importante di alimentazione votata a sconfiggere la ritenzione idricaLa dieta perfetta per combattere la ritenzione idrica chiede di seguire alcuni importanti punti:

– deve essere ricca di fibre, quindi via libera a cereali integrali e di legumi.

– deve essere molto idratante, quindi con abbondante presenza di frutta e di verdura e con un consumo assoluto di liquidi. Almeno due litri di acqua naturale minerale vanno consumati durante il giorno, al quale affiancare centrifughe fresche, nettari preparati con le proprie mani e caldi infusi di erbe benefiche.

– deve evitare la presenza di cibi troppo elaborati e di cotture prolungate. Via libera alla cottura al vapore e alla piastra, da preferire ai fritti e ai cibi stracotti. I cibi troppo eleborati sono difficili da digerire, con conseguente diminuzione del transito intestinale e un accumulo di tossine via via sempre più intenso.

Per combattere la ritenzione idrica la diuresi deve essere aiutata, e con essa il transito intestinale. Meglio quindi preferire cibi poco cotti, quasi crudi, capaci di mantenere l’acqua in essi presente e di non disperderla durante la fase delle cottura.

– deve prevedere il consumo di cibi disintossicanti. Tra essi si annoverano alcune tipologie di frutta molto utili a raggiungere lo scopo. Mele, ciliegie, ananas, uva e fichi si presentano come frutti capaci di favorire la diuresi, apportando buoni sali minerali e al contempo favorendo il transito intestinale.

– può prevedere l’assunzione di elementi antiossidanti quali il thè nero, il thè verde ed integratori come le bacche noni e speciali preparati di origine fitoterapica. Il thè verde va preferito al the nero se si soffre di tensione nervosa, in quanto esso è privo di teina. Il the nero invece può porsi come valido sostituto del caffè al mattino, per un pieno di antioissidanti fin dalle prime ore del giorno!

In un’alimentazione votata a sconfiggere la ritenzione idrica la presenza di questi alimenti è consigliata, in quanto sono alimenti dalle virtù davvero magiche. Ad esse vanno affiancate buone pratiche quotidiane, come l’eliminazione del fumo e degli alcolici e soprattutto lo svolgimento di una costante e positiva attività fisica.

0 Commenti

Lascia un commento

    Lascia il tuo commento

    Lascia un commento