0 oggetti | €0

In cosa consiste l’alimentazione biologica?

Alimentazione biologica, piace agli italianiL’alimentazione biologica non conosce crisi, e nel 2012 gli acquisti delle famiglie italiane in questo comparto sono aumentate del 7,3%.

Si apprezzano molto, dunque le tecniche non industriali di allevamento, la cura degli animali con metodi omeopatici, l’alimentazione per mezzo di mangimi naturali. In agricoltura, invece, si limita la rotazione colturale e si evitano concimi chimici e diserbanti, tutto questo è alimentazione biologica.

Alimentarsi in modo corretto è sinonimo di salute e di longevità, ecco come vivere più a lungo con l’alimentazione sana.

Alimentazione biologica, ricerche a confronto

Sta di fatto che l’alimentazione biologica in Italia ha oggi i suoi cavalli di battaglia: il consumo di pasta, riso e pane biologico sono aumentati (sempre nel 2012) dell’8,9%, quelli di bevande analcoliche del 16,5% e i dolciumi biologici del 21%.

La ragione di tanto successo sta, con ogni probabilità, nella percezione di un maggiore benessere per l’organismo. I cibi biologici, infatti, escludono la coltura di prodotti OGM, limitano l’utilizzo dei prodotti di sintesi. Il biologico, anche nel tipo di coltura, è un processo che rispetta la biodiversità, la naturale fertilità del suolo e il risparmio energetico nel ciclo produttivo e distribuitivo.

Le ricerche condotte sull’alimentazione biologica, ad ogni modo, non sono ancora riuscite a certificare con la dovuta profondità i reali benifici per la salute dell’uomo. Bisogna procedere incrociando i diversi dati e interpretarli: una ricerca condotta dalla Comunità Europea e pubblicata sulla rivista New Scientist, ad esempio, ha mostrato che i giardinieri che utilizzano pesticidi contraggono il Morbo di Parkinson con maggiori probabilità (9%).

Occorrenze simili sono state osservate anche nei casi di stress metabolico e danni all’apparato riproduttivo. L’alimentazione biologica, sempre secondo questa ricerca, ha effetti positivi sulla salute, perchè i prodotti coltivati con tale modalità sono più ricchi di nutrienti come zuccheri, minerali, vitamine, aminoacidi essenziali, ma questo ottimismo è confutato da altre autorevoli ricerche.

L’indagine di Legambiente Pesticidi nel piatto 2007 ha evidenziato si che l’alimentazione biologica ha residui minimi di fitofarmaci, ma tali prodotti non appaiono meno salubri. Anche una ricerca dell’Università di Stanford coglie la diminuizione dei fitofarmaci, ma l’alimentazione biologica non ne risentirebbe e non risulterebbe più nutritiva.

Altri vantaggi dell’alimentazione biologica

 

Alimentazione biologica, allevamenti saniConsiderando tuttavia che l’alimentazione biologica certo male non fa, non si possono non sottolineare i benefici indiretti che essa può garantire. Sembra educare, infatti, a una cultura del cibo che spinge il consumatore ad essere più critico su ciò che acquista e di cui si nutre.

Da qui il rispetto di corrette norme alimentari (piramide del mangiar sano, dieta mediterranea, scegliere prodotti stagionali) e di riflessione su stili di vita e processi incentrati alla sostenibilità. Scegliere l’alimentazione biologica, infatti, spesso vuolo dire preferire i cibi chilometro zero e le aziende che operano sforzandosi di limitare i consumi energetici.

Una tendenza degli ultimi anni, infine, indica che anche nella ristorazione tradizionale e collettiva il consumatore cerca ormai una cucina che privilegia l’alimentazione biologica.




0 commenti /

Lascia un commento →

Lascia il tuo commento