tutto quello che si deve sapere sull'alimentazione iperproteicaSecondo le ultime fonti, l’alimentazione iperproteica non fa bene alla salute. Sono numerosi i nutrizionisti, medici, e dietologi che affermano che l’efficacia del regime alimentare iperproteico è soltanto apparente, poiché la facilità con cui si perde peso è dovuto esclusivamente alla diretta conseguenza dello stress cui si sottopone il corpo.

Purtroppo chi desidera perdere peso in poco tempo non mette in conto i rischi che possono insorgere quando si adotta un’alimentazione poco corretta; il modo in cui mangiamo incide quindi sul nostro stato di salute e di conseguenza sulla durata della vita; alimentazione e longevità, esiste un nesso reale?

Infatti uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine, ha dimostrato un incremento della  mortalità in seguito all’apporto di un’alimentazione poco salutare seppur valido per il dimagrimento, affermando che una dieta povera di carboidrati ma ricca di alimenti di origine animali possa contribuire all’insorgenza di disturbi non poco indifferenti:

– malattie renali
– malattie cardiovascolari
– alterazione del metabolismo del glucosio
– stipsi
– alitosi
– disturbi del sonno
– atonia muscolare

Ma oltre ai rischi che interessano il corpo, con l’alimentazione iperproteica ci possono essere delle ripercussioni anche sulla sfera psicologica.

L’organismo per adempiere al suo corretto utilizzo ha bisogno di una dieta sana ed equilibrata caratterizzata dall’apporto di proteine, carboidrati e lipidi, tutti ripartiti nel seguente modo:

40% carboidrati
30% proteine
25-30% lipidi

Non si possono eliminare dal proprio regime alimentare i carboidrati, poiché essi insieme all’ossigeno, costituiscono una fonte di energia vitale per tutto l’organismo.

E’ vero che se si eliminano dall’alimentazione i carboidrati e i grassi, si perderà il sistema adiposo, ma eppur vero che se si assumono soltanto delle proteine con il passare del tempo l’organismo ne risentirà, poiché l’esclusiva introduzione di soli proteine non assicura un vero e proprio nutrimento per il corpo.

Ma un eccessivo utilizzo di proteine, va incontro alla formazione di acido urico, provocando danni renali e non solo.

Ricorrendo a questo tipo di alimentazione, anche il metabolismo del calcio viene danneggiato favorendo un disturbo molto comune: l’osteoporosi.

 

ecco gli effetti collaterali che possono insorgere Inoltre si possono verificare stati di malessere e un’intossicazione generale dal momento che l’eccesso di proteine determina nell’organismo la formazione di sostanze tossiche.

Quindi è fondamentale stare attenti al tipo di alimentazione che si vuole assumere. Un invito alla prudenza è rivolta soprattutto a quelle persone che soffrono di problemi al fegato, alle donne che progettano una gravidanza, ai cardiopatici e agli anziani.

Seguire un’alimentazione scorretta non fa altro che arrecare problemi a volte anche molto gravi all’organismo. Quindi quando si vuole iniziare una dieta, la prima regola da prendere in considerazione è quella di rivolgersi ad un nutrizionista o ad un dietologo i quali prescriveranno un piano alimentare personalizzato realizzato in base al proprio stato di salute e in base ai propri bisogni.

0 Commenti

Lascia un commento

    Lascia il tuo commento

    Lascia un commento