come avere la pancia piattaPancia piatta e alimentazione, un binomio vincente che da sempre ha portato ai risultati che tutti sperano e vogliono. La pancia piatta è uno dei sogni nel cassetto di ogni donna, ma come spesso succede, molti sogni sono fatti di false credenze e consigli errati. Spesso ci si sottopone ad incessanti torture alimentari, quali il digiuno o la dieta liquida per raggiungere, appunto, “l’obiettivo pancia piatta”, tralasciando le conseguenze del fastidioso effetto yo-yo.

Questa “ricaduta alimentare” colpisce chi, sottoponendosi a lunghi periodi di digiuno, perde peso in maniera immediata favorendo così l’accumulo di grassi e centimetri sul punto vita. Dunque pancia piatta e alimentazione sono un qualcosa che deve andare di pari passi per raggiungere l’obiettivo prefissato.

La pancia piatta è qualcosa che va conquistato, col sudore della fronte. La maggior parte delle “diete fai da te” incentiva il digiuno e l’astensione dal cibo, non tenendo presente che ciò che rende un ventre realmente perfetto, sono l’esercizio e l’attività fisica. Ovviamente, non si tratta di praticare sport a livello agonistico, bensì di semplici passeggiate a passo svelto o magari alcune serie di addominali. La mancanza di attività fisica, oltre a queste “diete improvvisate” non portano altro che a scompensi dal punto di vista muscolare e dermatologico; ecco la giusta alimentazione dello sportivo.

Le conseguenze più comuni, oltre all’effetto yoyo,sono la perdita di massa muscolare con conseguente stanchezza fisica, oltre alla poca tonicità dei tessuti stessi. La fatidica e tanto ambita pancia piatta deve avere muscoli tonici e allenati; ed il nemico numero uno del sogno proibito delle donne è,appunto,la pigrizia.

I mantra della pancia piatta sono costanza e un’alimentazione sana e varia:l’apporto di tutti i gruppi alimentari come, proteine, vitamine, minerali e fibre,favoriscono la riduzione dei grassi, che affiancato da un giusto allenamento, che sia mirato per raggiungere questo obiettivo, portano alla diminuzione dei centimetri del ventre.

Pancia piatta e alimentazione: ecco i segreti

Il primo consiglio per una pancia piatta perfetta è senza dubbio dividere gli alimenti in cibi da favorire e quelli da evitare. Questa scissione deve essere ben organizzata e strutturata; deve tenere conto della quantità di energia necessaria per il metabolismo in questione ed anche della struttura fisica dell’individuo. I cibi da evitare sono,in primis, le fritture che appesantiscono lo stomaco e ritardano il metabolismo, i cibi molto conditi,i quali affaticando i reni favoriscono un alto grado di ritenzione idrica; ed infine i famigerati alcolici, la birra specialmente,e le bibite gassate, che gonfiano l’addome.

I cibi da favorire per il raggiungimento dell’obiettivo pancia piatta sono le carni magre, per il loro apporto di proteine utile ai muscoli, il pesce, e le verdure; in particolare gli asparagi ed i carciofi per le loro proprietà depurative. Inoltre, molto utili alla depurazione dell’organismo, sono le tisane, specialmente se a base di finocchietto, per avvantaggiare il lavoro dei reni e depurarli dalle scorie azotate che vengono rilasciate dalla sintesi delle proteine.

Un segreto, poi, nell’alimentazione per la pancia piatta,è quello di bere molta acqua. L’acqua, meglio se naturale, e a temperatura ambiente; incentiva la velocità metabolica dell’individuo e la digestione dei pasti. Inoltre, l’acqua è un’ottima alleata contro la cellulite, e quei rotolini che si formano sul basso ventre. E’ importante, però, tener presente la qualità dell’acqua, andando a vedere su ogni bottiglia la tabella nella quale vengono riportati tutti i dati relativi alla stessa. L’acqua che aiuta nel processo di smaltimento dei grassi dell’addome, è quella priva di sodio e con un residuo fisso molto basso.

Massima attenzione ai condimenti, se si vuole una pancia piatta

 

mangiare benePancia piatta e alimentazione non vanno tanto d’accordo con i condimenti come per esempio il sale, l’olio (solo in quantità eccessive e cotto), lo strutto ed il burro. Il sale, in particolare, apporta una grande quantità di sodio, che favorisce l’insorgenza di ritenzione idrica. Il burro e lo strutto,invece,apportano un gran numero di grassi saturi,che oltre a depositarsi sul girovita,invadono le arterie, aumentando anche il colesterolo. La soluzione a tutto ciò è l’utilizzo in cucina di erbe aromatiche e spezie, come ad esempio il basilico, il rosmarino,il prezzemolo, la salvia, la cipolla e l’aglio; e come condimento olio d’olive a crudo.

Avere la pancia piatta non vuole dire rinunciare a qualche golosità. Questa si può avere direttamente dagli zuccheri della frutta. La frutta che più si addice ad un’alimentazione “pancia-off” è l’ananas, che brucia i grassi e facilita la digestione, la papaia ricca di enzimi disintossicanti e rigeneranti; ed infine i kiwi, che oltre a favorire un equilibrato controllo dell’attività intestinale,apporta importanti vitamine. Ecco come nutrirsi con gusto e leggerezza,tralasciando quei cibi nemici, che distruggono la linea, ed accentuano il gonfiore addominale.

Ovviamente la “dieta della pancia piatta” è da integrarsi ad una regolare attività fisica: numerose ricerche riportano che una passeggiata a passo svelto, è un ottimo mezzo per riattivare la circolazione; di conseguenza indispensabile per chi volesse eliminare la cellulite, e quei rotolini che circondano il ventre. L’attività sportiva mirata alla pancia piatta, inoltre può essere supportata da alcuni integratori alimentari come l’argilla bianca, il carbone vegetale oppure il finocchio ed il cumino.

Per concludere, se si vuole avere una pancia piatta, l’alimentazione giusta non può prescindere dai consigli che sono stati elencati in questo articolo. Come detto è indispensabile abbinare a tutto questo, anche una giusta attività fisica, svolta regolarmente, perché solo così si potrà raggiungere l’obiettivo prefissato. Sacrifici, sudore, e tantissima buona volontà, questa è la ricetta vincente per riuscire a sfoggiare un ventre piatto tutto l’anno.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento