0 oggetti | €0

L’alimentazione per lo sportivo dilettante


ecco la giusta alimentazioneEcco la giusta alimentazione per lo sportivo dilettante.

Sono molte le persone che praticano sport, ma soltanto una piccola parte ne trae giovamento, mentre la maggior parte tendono a peggiorare la loro qualità di vita a causa di una cattiva interpretazione dell’attività fisica e di una cattiva alimentazione.

Al contrario, se lo sport viene praticato in maniera corretta, si possono ottenere dei buoni e validi benefici:
- riduzione di malattie cardiovascolari
- miglioramento del proprio aspetto fisico

Erroneamente a quanti molti pensano, qualunque sport praticato a livello dilettantistico non richiede un’alimentazione particolare. Basta solamente rispettare le norme di una corretta alimentazione; ecco quindi tre consigli per una sana alimentazione.

Ma come regolarsi con l’alimentazione?

La verità è che quando si pratica uno sport l’individuo ha bisogno di una carica energetica maggiore dal momento che consuma molta energia durante l’attività sportiva. Ma questo non vuol dire appesantire il proprio organismo con un eccesso di cibo.

Ma ecco la giusta alimentazione dello sportivo dilettante:
Nell’alimentazione dello sportivo dilettante non devono mai mancare i carboidrati, in quanto costituiscono la fonte di energia nella prima fase dell’attività sportiva.

Anche le proteine sono essenziali al fine di sviluppare al meglio i muscoli e riparare allo stesso tempo le fibre danneggiate che vengono utilizzate quando si effettuano degli sforzi intensi.

Infine i lipidi sono indispensabili per l’organismo e costituiscono la riserva di energia utilizzata per attività protratte a lungo.
Tutti i nutrizionisti raccomandano 5 pasti al giorno: colazione, pranzo, cena e due spuntini.

La prima colazione deve essere caratterizzata da proteine e da carboidrati, poiché costituiscono il principale substrato energetico per i muscoli in movimento. Quindi via ai cereali, farro, mais, avena, orzo. A seguire pasta, riso, patate.

Uno o due porzioni di secondi piatti al giorno: pesce, carne, uova, formaggi, affettati al fine di coprire il fabbisogno di proteine.
La frutta invece, va bene come spuntino o come fine pasto.

Ci sono tuttavia, alcuni alimenti che è meglio evitare come le fritture, i condimenti eccessivi, il burro, la panna, gli aperitivi e stuzzichini ipercalorici.

Naturalmente per coloro che si allenano molte ore al giorno, avranno bisogno di integrare nel proprio regime alimentare più calorie derivanti da carboidrati e da proteine, e non solo. Ma è necessario aumentare l’apporto di elementi energetici quali acqua e sali minerali.

Durante lo sforzo prolungato è necessario bere in modo regolare in modo da evitare la disidratazione.

 

ecco la giusta dieta per lo sportivo dilettanteIn aggiunta prima di praticare qualsiasi attività fisica bisogna evitare di appesantirsi con l’alimentazione: l’ultimo pasto deve risultare facilmente digeribile.

Un’ultima considerazione che ci tengo a fare per chi pratica sport a livello dilettantistico: non esistono in commercio ne integratori in grado di migliorare le prestazioni fisiche e ne prodotti dietetici per sportivi.

Si tratta solamente di pura illusione poiché non ci sono prove scientifiche che attestino la validità di tali alimenti.

Tuttavia è possibile ricorrere all’integratore soltanto nei casi in cui l’organismo abbia bisogno di supplementi aggiuntivi di vitamine, proteine e di carboidrati, altrimenti è meglio porre l’attenzione soltanto su un’alimentazione sana e corretta associata ad un allenamento personalizzato.




0 commenti /

Lascia un commento →

Lascia il tuo commento