Angeli e demoni sono creature che molti stentano a classificare nettamente. Per tradizione i primi tendono a rientrare nella categoria dei buoni e i secondi, sempre tradizionalmente, annoverano nelle file dei cattivi ma non è per tutti così.

C’è chi s’interroga sulla reale esistenza di angeli e demoni e chi vive la propria vita senza minimamente occuparsene; è nel cuore e nell’anima dei primi, però, che la vita quotidiana può finire per mescolarsi alla paura. Ecco come mai.

Angeli e demoni reali: tracce di animismo e pensiero magico

La paura nei confronti di angeli e demoniAvere una concreta paura degli angeli e dei demoni è una condizione mentale che sembra andare a braccetto con due caratteristiche della mente umana primitiva, tipica delle prime fasi della vita e di alcune popolazioni che vivono lontane dal progresso e in cui il reale e il mondo spirituale non hanno confini molto netti.

Si tratta del pensiero magico e dell’animismo che, associati al tema degli angeli e dei demoni prendono forma non solo nel credere nella loro esistenza come esseri spirituali ma anche nella loro personificazione.

È tipico dei bambini essere suscettibili alla paura degli angeli e dei demoni: verso i primi nutrono una sorta di timore reverenziale mentre verso i secondi, in alcuni casi, arrivano a provare vero terrore soprattutto se cresciuti all’interno di famiglie spiccatamente religiose.

Lo sviluppo psichico, lo studio e la crescita fisica e psicologica, però, portano a superare con il tempo queste emozioni tanto che l’attenzione e le energie personali finiscono per essere spostate verso attività più costruttive e utili.

Condizioni come queste soprattutto se accompagnate da paura ed altre emozioni che finiscono per condizionare la vita, in una società come la nostra in cui angeli e demoni diventano reali soltanto nei film e nei romanzi, vengono considerate sintomo di vere e proprie malattie mentali.

Come stabilire, quindi, se il proprio comportamento e il proprio credere nell’esistenza degli angeli e dei demoni siano da considerare dei campanelli d’allarme? La risposta è presto detta.

Se la paura degli angeli e dei demoni arriva a condizionare la vita (se per esempio quando s’incontra una persona nuova si finisce per chiedersi se appartenga all’una o all’altra categoria, o se non si esce più di casa nel timore di incontrarne uno) allora è il caso di prendere in mano la situazione per risolverla.

Altre paure insensate del nostro secolo

I timori del nostro tempo

La paura degli angeli e dei demoni, e/o degli angeli caduti, è soltanto uno dei numerosi timori che finiscono per condizionare la vita di alcune persone. Tra le altre paure, una è ugualmente forte: quella della fine del mondo.

All’indomani del 21/12/2012, il giorno, il mese e l’anno in cui è terminato il calendario dei Maja, altre profezie catastrofiche si sono fatte avanti proponendo ai timorosi delle nuove date in cui il mondo “certamente” finirà.

Angeli, demoni e paure di questo tipo non permettono di vivere la propria vita pienamente. La soluzione è vivere a prescindere da tutto: amare, divertirsi, soffrire, crescere ed emozionarsi.

È questo l’unico modo per tenere sotto scacco angeli, demoni e catastrofisti vari.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento