Chi chiama gli angeliMolta gente nel mondo, al giorno d’oggi in particolare, Chiama gli Angeli nella propria vita, al fine che questi esseri celesti possano proteggerla, vegliarla e consigliarla durante il percorso della propria esistenza, affinché non cada nelle tante tentazioni del mondo o possa riscoprire una nuova natura dentro di Sé.

Ma solo il credente Chiama gli Angeli vicino a sé, oppure è una pratica anche di appartenenti ad altri culti, se non addirittura di agnostici ed atei? La risposta vi sorprenderà in quanto vi è una sfera di persone che crede come gli angeli abbiano un aspetto totalmente distaccato dal discorso teologico.

Perché e come la gente chiama gli angeli nella propria vita?

Tutti, prima o poi, nella vita subiamo un periodo di sofferenza, stanchezza mentale e di incredibili difficoltà, sia che siano sentimentali o economiche. Molta gente, così, cerca nuova fiducia e nuova forza cercando un aiuto, estrinseco o intrinseco che sia,  ed infine Chiama gli Angeli a sé.

Alcune però, stranamente, compiono questo gesto nonostante non siano credenti o non ci abbiano mai creduto veramente. E’ infatti in costante aumento il numero di non credenti che si affida all’angelologia ed all’aiuto degli spiriti guida per superare alcune difficoltà o per riniziare la propria vita.

La psicologia alternativa viene così in aiuto di queste persone, fondendo metafisica e pensiero jungiano, scoprendo come esistano delle concezioni attraverso le quali anche atei ed agnostici scoprono delle nuove possibilità. Così l’essere Chiama gli Angeli attraverso l’introspezione e la scoperta del proprio inconscio collettivo.

L’inconscio collettivo è una sfera psichica comune a qualsiasi essere umano, la quale è già parte del nostro bagaglio dalla nascita e che, rispetto al concetto di inconscio secondo Freud, Jung sottolineava essere colmo di concetti ancestrali ed eterni come gli archetipi e le rappresentazioni, tra le quale quest’ultime vi sarebbe appunto quella degli Angeli e dell’Angelo custode.

Come comunicare e riscoprire gli Angeli

Chi sono costoro?Chi Chiama gli Angeli nella maniera che potremmo chiamare profana, solitamente decide di riscoprire la parte più ancestrale ed antica della propria psiche. Fare ciò, comunque, non è affatto facile, in quanto richiede una grande costanza ed un grande impegno.

La meditazione, solitamente, viene consigliata in questo tipo di casi, in quanto permette l’annullamento di tutti i meccanismi di difesa che non permettono alla mente razionale di rapportarsi con l’inconscio collettivo. Paure e timori, molte volte, sono una barriera molto ardua da superare, ma con una volontà determinata, in molti raggiungono il proprio intento.

Chi chiama gli Angeli attraverso il proprio inconscio giunge così in una dimensione al di là dello spazio e del tempo, un mondo che fino a quel momento era sconosciuto, ma che in realtà ci appartiene da sempre. Qui la rappresentazione degli spiriti guida è viva da sempre e, di fatto, è il ponte di collegamento con le loro essenze spirituali.

Gli angeli però portano veramente benefici nella vita di un uomo? Ovviamente non dobbiamo aspettarci che, dal momento in cui entriamo in contatto con un’entità di tale portata, i nostri problemi finiscano in men che non si dica. No, perché essere in stretto contatto con gli angeli significa più che altro avere nuove forze e nuove energie per superare, non annullare, gli ostacoli.

Chi Chiama gli Angeli infatti non desidera una vita di fasti, denaro e quant’altro, ma una vita semplice, di tranquillità ed immensa gioia dovuta alla consapevolezza che Noi tutti facciamo parte di un qualcosa di immenso che permea ogni cosa nell’universo, che lo chiamiamo Dio o con un altro nome.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento