Quando si parla di Angeli caduti si intendono quegli Angeli che sono decaduti dal loro stato di grazia e che quindi, come punizione per essersi ribellati a Dio, sono stati allontanati dal Paradiso; poi ci sono gli angeli, quelli buoni, e il loro ruolo nella tua vita.

Angeli caduti: il primo è Lucifero

Il primo degli angeli caduti fu Lucifero o Satana; la Bibbia spiega che Lucifero (il nome significa letteralmente, “portatore di luce”) in origine fu creato da Dio come il più glorioso degli angeli: era un cherubino protettore, e Dio lo circondò di beni e bellezza. Lucifero però orgogliosamente aspirava a divenire simile a Dio, e per il suo orgoglio e per la corruzione del suo cuore cadde.Il primo degli angeli caduti

Egli divenne satana (termine ebraico che significa “l’avversario”). Altri nomi e titoli
con cui è chiamato nella Bibbia sono: maligno, diavolo, apollion o abadon (distruttore), beelzebub (signore delle mosche), beliar (senza valore), il padre della menzogna, il gran dragone, il serpente antico, l’omicida, il tentatore, il dio di questo mondo.

Michele, uno dei tre arcangeli della Bibbia, fece in modo che Satana precipitasse insieme a tutti i suoi seguaci. Il nome Michele infatti deriva dall’espressione “Mi-ka-El” che significa “chi è come Dio?”.

Come detto prima il nome Lucifero significa “portatore di luce”: tale tradizione è basata su un brano di Isaia che parla di un certo Lucifero, riferendosi però ad un re babilonese che veniva identificato con lo stesso appellativo.

L’abitudine di associare il nome Lucifero al “Maligno” non risale ai primi anni dell’era cristiana, ma è successivo. Ai primi tempi, infatti, era considerato un nome molto bello ed esistono anche santi che portano questo nome.

Inoltre, Lucifero era il nome di una divinità greca. E’ quindi probabile che alcuni studiosi e traduttori della Bibbia abbiano più o meno arbitrariamente deciso di assegnare questo nome al demonio, sulla base del passo di Isaia.

Il fatto che la popolazione un tempo pagana credesse già nell’esistenza di un’entità di nome Lucifero avrebbe reso più facili le cose: era sufficiente presentarlo come un angelo malvagio piuttosto che come il dio del mattino.

Molti studiosi della Bibbia concordano sul fatto che un terzo degli angeli cadde in peccato seguendo l’inganno di Satana, divenendo demoni.

Gli altri angeli caduti

La tradizione ebraica presenta molti demoni o “angeli caduti”: Astarte, Belfagor, Belzebù, Belial, Lilith, Asmodeus, Azazel, Baal, Dagon, Moloch, Mammona, Mefistofele, Samael e molti altri ancora.

Derivano dalle divinità adorate dai popoli della Palestina come i moabiti, canaanei, edomiti, sodomiti, gebusei, filistei, amorrei, aramei, fenici, compresi gli stessi ebrei e si contrappongono al culto di Yahweh o di El.

La tradizione cristiana attribuirà a questi demoni ebraici la figura di angeli seguaci del re infernale Satana, caduti dal cielo insieme a lui.

Ecco la spiegazione di alcuni di questi nomi:

Angeli caduti: i nomiAstarte (dal greco Astártē) fu una dea venerata nell’area semitica nord-occidentale. Un’altra translitterazione è ‘Ashtart; nella lingua ebraica biblica il nome è  Ashtoreth, in ugaritico ‘ṯtrt (anche ‘Aṯtart o ‘Athtart, traslitterato Atirat), e in accadico As-tar-tu.

Belfagor è la principale divinità presso alcune popolazioni semite del Medio Oriente. Identificabile col Sole, venne adorato dai Moabiti sotto il nome di Beelfegor, dai Caldei sotto quello di Bel, Belo o Baal, dai Cananei sotto quello di Moloch.

Belzebù (in latino Beelzebub) potrebbe essere direttamente collegato al nome della divinità fenicia di Ekron riportata in ebraico in modo distorto e denigrativo come Ba’al zĕbūb, con il significato di “Signore/Dio di ciò che vola” ovvero come “Signore/Dio delle mosche”, le quali sono definite nella prima cultura ebraica  come qualcosa di fastidioso, al posto del nome autentico di Baʿal zĕbūl, bʿl zbl, ossia “Baal il principe”.

Belial, detto il “malvagio” (anche Belhor, Baalial, Beliar, Beliall, Beliel; dall’ebraico bəliyyáʻal, “senza valore”, “niente di buono”, o anche beli ya’al = “per non rialzarsi mai”, o ancora baal ‘ia’l, “falso dio”, “idolo” o “dio superbo”, “arrogante”) fu una potente figura mitologica demoniaca dell’Antico Testamento e, in genere, di tutta la antica tradizione giudaica, a volte usato come sinonimo di Satana, ma in alcuni casi identificato come il serpente che tentò Eva.

Lilith, nella religione mesopotamica,  è il demone femminile associato alla tempesta, ritenuto portatore di disgrazia, malattia e morte. La figura di Lilith appare inizialmente in un insieme di demoni e spiriti legati al vento e alla tempesta, come è il caso nella religiosità sumerica di Lilitu, circa nel 3000 a.C.

Asmodai (Asmodeo, Asmodaeus, pronunciato all’araba Ashmed; Ashmedeu in ebraico, o anche Chammadai, Sydonai) nella demonologia è il nome di un potente demonio biblico ebraico, ma la sua origine è probabilmente iranica.

Azazel è il demone dei deserti della mitologia ittita, mesopotamica. Il nome Azazel (Sayan) (‘ăzaz’ēl) si crede significhi “Dio è diventato forte”, dall’ebraico ‘ăzaz, terza persona singolare del participio passato di ‘āzaz, “essere forte”, e ’ēl, “Dio“. Un’altra teoria usa ‘āzaz nella sua forma più metaforica di “sfrontato” o “impudente” nel significato di “impudente verso Dio”. Azazel è inoltre conosciuto come una variante di “Azael”, “Aziel” e “Asiel”.

Baal fu una divinità della mitologia fenicia, figura centrale della religiosità dell’antica Ugarit. Baal, come molte altre divinità antiche, è stato assimilato come demone nella religione cristiana.

Moloch (o Molech o Molekh o Molok o Mal’akh o Melqart in ebraico mlk) è sia il nome di un dio, sia il nome di un particolare tipo di sacrificio storicamente associato al fuoco. Moloch è stato storicamente associato con culture di tutto il Medio Oriente, tra cui gli Ebrei, gli Egizi, i Cananei, i Fenici e culture correlate nell’Africa settentrionale e nel Vicino Oriente.

Dagon è il nome ebraico del dio Dagan, importante divinità mesopotamica e semitico orientale; era la divinità della fertilità e del raccolto nel pantheon dei Cananei, che secondo il mito era il padre di “Baal”.

 

 

2 Commenti

Lascia un commento
  • Marinella

    Vorrei sapere Chenopis che Angelo è?

    Rispondi
  • Maria

    Scusate ma vorrei capire Anael è un angelo caduto?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento