L’angelo custode è una creatura leggendaria introdotta per la prima volta dalla religione ebraica e ripresa successivamente da quella cristiana. Il suo compito è quello di proteggere e guidare l’essere umano che gli viene affidato per aiutarlo a compiere le scelte migliori durante la vita terrena.

La figura dell‘angelo custode, però, con il trascorrere del tempo si è sganciata sempre di più dall’ambito religioso diventando, di conseguenza, più universale.

Gli angeli custodi, infatti, sono legati oggi soprattutto alla spiritualità e l’alone di mistero che li avvolge ha spinto numerosi scrittori a donare loro sentimenti molto più umani che divini.

L’angelo custode tra leggenda e realtà

L'esistenza dell'angelo custodeConsiderate le origini antiche dell’angelo custode andare alla ricerca di prove concrete che ne dimostrino o meno l’esistenza reale è un compito difficoltoso, irto di insidie che difficilmente può dar vita a indizi, prove e teorie inconfutabili.

Secondo l’antica Cabala ebraica l’angelo custode esiste realmente: ce ne sono ben 72 che proteggono gli esseri umani a loro affidati in base al giorno e all’ora di nascita.

Ogni angelo ha un nome e delle caratteristiche specifiche e ci si può rivolgere a lui con delle preghiere. Chi crede nella loro esistenza spesso non ha dubbi in merito ai benefici che queste creature possono portare nella vita di tutti i giorni.

La tradizione religiosa cristiana fa dell’esistenza dell’angelo custode un atto di fede anche se, in realtà, tende semplicemente a considerare gli angeli come messaggeri di Dio.

Sebbene esistano delle preghiere e delle festività dedicate a queste creature, l’impressione che ne deriva è che siano esseri che raramente hanno un ruolo esplicito nella vita degli esseri umani.

L’angelo custode e l’elaborazione del lutto

L'angelo custode e la sua esistenza

L’angelo custode è connesso, nel suo aspetto più spirituale, anche al lutto: sono molti, infatti, coloro che in seguito alla perdita prematura di una persona cara iniziano a credere nell’esistenza degli angeli.

L’angelo custode, infatti, permette di mantenere una sorta di legame con la persona prematuramente scomparsa: si crede che questa resti a vegliare sui vivi, proteggendoli e guidando dall’alto le loro scelte.

L’angelo custode in questo caso ha un ruolo sganciato dalla religione di appartenenza: diventa un’esperienza intima e la sua esistenza tende a essere percepita spesso in modo vivido dalle persone che ci credono.

Per loro, quindi, l’esistenza degli angeli custodi non è in dubbio e nemmeno una questione di fede o di tradizione religiosa: è un’esperienza che vivono giorno per giorno e che li aiuta a superare il dolore legato alla persona cara scomparsa.

Nessuno, però, ha prove obiettive e certe in merito all’esistenza dell’angelo custode. Chi crede nell’esistenza di queste creature riesce a trarne dei benefici che, però, possono avere interpretazioni diverse e talvolta opposte.

Se vi state interrogando, quindi, sull’esistenza dell’angelo custode anche a voi è richiesto un atto di fede. Nonostante non ci sia alcuna prova obiettiva e tangibile in merito alla loro esistenza, molti non hanno dubbi: l’angelo custode esiste davvero.

1 Commento

Lascia un commento
  • Stefania

    L’angelo custode esiste davvero. Io ne ho avuto una forte percezione quando ero in gravidanza, anche con prove tangibili.
    Tuttora mi capita di sentirlo.
    Pregate il vostro angelo e riuscirete a sentirlo. Vi sarà di grande aiuto nei momenti di difficoltà.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento