Questa è bellissima… merita proprio. L’ho ricevuta poco fa dal mio master Antonio, compagno di Daniela non solo nell’insegnamento del Reiki.

Non ha bisogni di commenti, se non il tuo se lo vorrai inserire a fine articolo, più che un articolo una beata consapevolezza che il ciclo del successo corrisponde al ciclo della vita, di gran parte delle persone… che spesso non sanno di averlo!

E allora? Credo che ogni tanto sia bellissimo ricordare cos’è il successo. Ecco una simpatica sequenza di immagini e obiettivi raggiunti (o che mi auguro raggiungeremo) nella nostra vita.

Buona riflessione, Stefano.

A 2 anni il successo è: riuscire a camminare.

A 4 anni il successo è: non farsi la pipì addosso.

A 12 anni il successo è: avere amici.

A 18 anni il successo è: avere la patente.

A 20 anni il successo è: fare sesso.

A 35 anni il successo è: avere soldi.

A 50 anni il successo è: avere soldi.

A 60 anni il successo è: fare sesso.

A 70 anni il successo è: avere la patente.

A 75 anni il successo è: avere amici.

A 80 anni il successo è: non farsi la pipì addosso.

A 90 anni il successo è: riuscire a camminare.

… é così la vita……

Non abbiamo piu’ tempo da sprecare in odio, mancanza di amore, falsità, cattiveria.

Tutti abbiamo lo stesso destino davanti, indipendentemente dalla condizione economica o classe sociale.

Quindi ama, gioca, perdona e goditi la vita. 

6 Commenti

Lascia un commento
  • Umberto

    Che bellino questo schema di vita, l’avevo già letto altre volte ma con le immagini è ancora più carino.
    Beh cosa aggiungere, siamo persone, non robot, e come tali abbiamo esigenze da soddisfare ed obiettivi da raggiungere.
    L’unica cosa che mi sento di aggiungere riguarda la questione tempo, nel senso che ognuno di noi ha i suoi tempi per fare le stesse cose.
    Questi successi sono più o meno validi per tutti fino ai 18 anni e dai 70 in su, ma in mezzo le strade cominciano a diramarsi un pochino e quello che per me può essere un successo a 20 anni, per altre persone magari può esserlo a 50, o viceversa.

    Rispondi
    • stefano bresciani

      Hai perfettamente ragione Umberto, i tempi di questi obiettivi sono giustamente variabili, così come un essere umano è diverso da un altro, ma l’aspetto che più mi ha fatto riflettere (oltre che divertire) è la ciclicità degli obiettivi e la naturale propensione dell’uomo a volerli raggiungere.

  • Sabrina

    Semplicemente vero!!!
    Una riflessione: Il difficile a volte è avere presente il quadro generale, in modo da poter coltivare fin da giovani i veri valori (amore, amicizia, salute) per poter arrivare nella seconda fase a raccogliere i frutti del successo( Buona salute, conmpagnia piacevole di amici e se si è fortunati il proprio amore, etc.).
    Ecco a me sembra che il mio lavoro di introspezione e ricerca mi permetta oggi di avere più chiaro il quadro generale.
    Un saluto.

    Rispondi
    • stefano bresciani

      Grazie Sabrina, saggia riflessione (e verità) la tua, più passano gli anni e più il quadro diventa nitido… è così anche per me.

      un caro saluto, Stefano

  • stefano bresciani

    Grazie Marco, mi fa piacere che ti siano piaciuti gli esempi!

    Anche se non sono farina del mio sacco nella mia vita (35 anni non ancora compiuti) ce ne sono un sacco :-)

    Rispondi
  • Marco Ferraro

    E’ proprio vero che la vita è una ruota che gira :-)
    Begli esempi che hai fatto Stefano.
    Un caroloso saluto

    Marco Ferraro

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento