L’autostima è una componente importante della propria quotidianità, avere un’austostima bassa oppure alta determina e condiziona il nostro stato emotivo e il nostro modus vivendi in mezzo agli altri, aumentare l’autostima è possibile.
L’autostima dipende dalla concezione che ognuno ha di sé stesso e tale pensiero si plasma soprattutto in base al riconoscimento che percepiamo dagli altri che ci sono intorno e che influenzano la nostra vita; aumentare l’autostima? Ecco come raggiungere questo obbiettivo.

Ma aumentare la propria autostima è possibile, laddove non sia adeguata e non permetta di vivere serenamente.

Questo è possibile perché l’autostima è continuamente in divenire e si tratta di un concetto dinamico di sé, fortunatamente, nel senso che quindi è possibile modificare i propri pensieri più intimi e che riguardano sé stessi.

come aumentare autostima

Una bassa autostima determina infatti pensieri e concezioni negative nei confronti di sé stessi.

Da tale atteggiamento derivano ansie, paure, fobie, manie di persecuzione, atteggiamenti demotivati, poca responsabilità per paura della responsabilità stessa, continuo senso di inadeguatezza, di solitudine ineluttabile, di non accettazione.

In primis comunque per aumentare l’autostima, per quanto derivi dal rapporto esterno, occorre fare uno scarto all’interno di sé stessi.

Iniziare a riconoscere ed accettare i propri limiti, le proprie debolezze.

 

Solo in questo modo anche i fallimenti possono essere ritenuti parte di un percorso di vita che, anziché indebolire o fare paura, può rendere il soggetto più forte, più pronto ad affrontare la propria quotidianità.

E’ la consapevolezza delle proprie caratteristiche che determina l’autostima, l’accettazione anche degli aspetti che non ci piacciono ma l’idea che si possono migliorare, permette di non sovrastimarsi o avere concetti di potenza di sé ma tutt’altro stimare la propria personalità e darle il valore che merita.

Spesso infatti si tende a non riconoscere i proprio bisogni, i proprio desideri alla pari di quelli degli altri.

Invece per aumentare l’autostima bisogna ammettere che non sempre la pensiamo come il mondo esterno ma ciò non significa tagliarsi fuori oppure sentirsi costretti a mettere da parte le proprie idee in nome del quieto vivere.

Saper affrontare le situazioni vuol dire non temere di esporre sé stessi per il raggiungimento di un desiderio.

come aumentare autostima

Per aumentare l’autostima dunque occorre cambiare il rapporto con sé stessi ma anche cambiare il proprio rapporto con l’azione.

Questo significa non far parlare sempre il proprio io interiore che critica ogni passo compiuto, nella paura che non sia quello più adatto, ma considerare le attività quotidiane come dei mezzi per rafforzare il controllo su sé stessi, in modo anche da potersi mettere in discussione.

Per aumentare l’autostima occorre anche correre il rischio di non piacere all’interlocutore, con ciò si intende concedersi la possibilità di esprimere la propria opinione, senza il peso e la condizione di dover assecondare per forza le idee altrui.

Il tutto può essere ben accettato nel momento in cui ci si rivela empatici, quindi capaci di ascoltare l’altro, di coglierne gli stati d’animo, in modo tale da suscitare ascolto reciproco, nel momento in cui si esprime la propria opinione anche che essa risulti dissonante.

Per aumentare l’autostima il rapporto con l’esterno è fondamentale ma non deve mai sopravvaricare la capacità di sentirsi bene con sé stessi, all’interno della propria pelle.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento