Esiste una bassa autostima negli adulti cosi come esiste una bassa autostima nei bambini.

Abbiamo già parlato in generale dell’autostima nei bambini e del fatto che iniziano a formare un’idea di sé da neonati e continuano a svilupparla con il passare del tempo grazie alle esperienze di vita.

Come abbiamo visto nell’articolo “L’autostima nei bambini”, questa può diminuire o aumentare a causa di conseguenze esterne come, ad esempio, una critica da parte del genitore per aver preso un brutto voto a scuola.Il ruolo dei genitori nell'autostima dei bambini

Gli adulti con una bassa autostima, molto spesso hanno avuto problemi  durante l’infanzia, come ad esempio una personalità fragile o un’immagine negativa di sé. Bisogna però ricordare che se è vero che per un bambino è facile sviluppare un’idea negativa di sé, è, per lui, altrettanto facile formare un’immagine positiva.

Un bambino con una bassa autostima di solito è meno propenso ad affrontare un compito impegnativo e continuativo in quanto non crede di riuscirci; non ama  affrontare nuove sfide e provare cose nuove; segue e cerca attività familiari in quanto il cambiamento lo spaventa e ha paura dell’indipendenza; ha, infine, bisogno di tempo per adattarsi ad una nuova situazione in quanto gli manca fiducia in sé.

Come aiutare un bambino con una bassa autostima

In questo articolo vedremo quindi come aumentare la bassa autostima nei bambini. Sia insegnanti che genitori hanno il compito educativo di aiutarli nell’ accrescere la fiducia e la percezione di sé stessi.

In primo luogo un genitore deve aiutare il bambino nella crescita come individuo facendogli capire cosa gli sta succedendo sia mentalmente che fisicamente. Deve quindi anche saper utilizzare strumenti adatti per sostenerlo nell’apprendimento, indicandogli i progressi che ha ottenuto e premiandolo per questo.

Un secondo modo per aiutarlo nell’aumento di una bassa autostima di sé, riguarda il riconoscimento dei propri punti di forza. Molto spesso non riuscendo ad individuare delle qualità facili da riconoscere, un bambino credo di non averne. Bisogna quindi far vedere loro che esistono attività che riescono a raggiungere con successo e facilità.

Inoltre il genitore deve far si che il bambino non si paragoni forzatamente a qualcun altro. Crescendo ci si confronta e si notano come alcune persone hanno qualità positive, causando ansia per quello che non si ha. In questo caso è importante far capire che esistono persone superiori o inferiori a noi per certi aspetti e che bisogna invece concentrarsi su di sé per ottenere successo.

Un bambino deve anche capire e comprendere il proprio valore intrinseco  e non guardare solamente ai risultati che può raggiungere.

Purtroppo questo valore può perdere di importanza a causa del tipo di educazione ricevuta, del gruppo di amici, dell’influenza dei media.  Per aiutare un  bambino a non perdere di vista il proprio valore di persona, sia i genitori che le maestre devono far capire che non è determinante far bene un compito in classe od essere popolari.
Come aumentare la bassa autostima nei bambini
I bambini quindi che riescono ad avere una buona autostima riescono ad essere più bravi a scuola, a farsi degli amici più facilmente e ad essere più felici. Bisogna quindi investire nell’aumento dell’autostima fin dall’età precoce ricordando che l’autostima influenzerà ogni aspetto della loro vita anche da adulti. La bassa autostima nei bambini deve essere combattuta fin da subito.

0 Commenti

Lascia un commento

    Lascia il tuo commento

    Lascia un commento