Esistono 2 tipi di desideri o di sogni:
Gli scopi della tua Anima e gli scopi del tuo ego.

Talvolta pensiamo che i desideri dell’ego possano renderci felici in realtà se i nostri desideri non sono allineati con lo scopo o gli scopi della nostra Anima l’obbiettivo sarà solo un illusione e porterà ad una soddisfazione momentanea o a breve termine per poi magari lasciare dietro di sè una scia di delusione.

Cosa significa? Anima ed ego sono 2 coscienze che agiscono su piani diversi:

  • L’ego è la coscienza limitata e condizionata dalla società, dalla cultura, dalla famiglia, dalle amicizie, dal media ecc…
  • L’ Anima è una coscienza pura e luminosa che è allineata con la nostra energia, con la nostra parte autentica, con la nostra fonte Divina che nasce dal nostro cuore.

Questo non è un invito ad essere “ribelli” in quanto viviamo in un contesto sociale ed è “fondamentale” per noi interagire con gli altri.
Spesso accade che i nostri desideri non sono realmente nostri ma sono desideri che rispecchiano credenze che abbiamo assorbito dalla società che ci circonda.

Fin da piccoli veniamo “intortati” su ciò che è giusto e cosa è sbagliato per noi. Per esempio: come “deve” essere la ragazza giusta per lui o il ragazzo giusto per lei e come invece “non deve” essere, come “deve” essere il lavoro ideale (posto sicuro, stipendio, pensione ecc…) e come “non deve essere”. Per poi spaziare in tantissime altre sfaccettature, dalla vita di tutti i giorni. C’è un età per questa cosa e non per questo. Il caffè da energia e concentrazione: convinzione non vera in quanto il caffè contiene delle sostanze eccitanti che vengono metabolizzate velocemente, quindi al momento toglie la concentrazione, la quale si ottiene invece con la calma. Altra convinzione: il caffè va bevuto alla mattina e non alla sera altrimenti ti tiene sveglio la notte. E’ vero che è un eccitante ma l’effetto scompare in brevissimo tempo, addirittura può anche creare sonnolenza appena passa l’effetto eccitante. Quindi siamo di fronte ad un’altra convinzione non vera (il caffè non mi fa dormire) ma che funziona esattamente come effetto placebo. Ci credo e quindi lo faccio diventare  vero.

Veniamo bombardati da nozioni, convinzioni su ogni cosa, credenze di ogni genere, informazioni vere o non vere e che noi rendiamo vere nel momento in cui ci crediamo. Detto cosi sembrerebbe che stiamo vivendo in una grande illusione, un po’ come automi che recitano le parti che ci stono state insegnate e noi seguiamo fedelmente le istruzioni avute per essere sicuri di non sbagliare. E soprattutto quello che riusciamo ad ottenere è sicuramente qualcosa che per tutti noi rappresenta un dato importante: l’approvazione degli altri. Che a loro volta recitano la nostra stessa parte e hanno anch’essi milioni di condizionamenti. Le persone si aspettano qualcosa da noi e a sua volta altri si aspettano qualcosa da loro e la catena infinita non ha mai termine.

Ma qual è il prezzo da pagare per recitare la parte richiesta ed ottenere quindi la tanto ricercata approvazione altrui? L’allontanamento dallo scopo autentico della nostra Anima, che in termini pratici significa: confusione, malesseri psico-fisici, non sapere cosa si vuole veramente dalla vita, e addirittura non riuscire a capire più cosa desideriamo veramente, cosa ci piace veramente, visto che da decine e decine di anni ci siamo abituati a seguire schemi imposti anziché seguire il nostro cuore, cioè il percorso della nostra Anima.

Inconsapevolmente abbiamo preso la strada più difficile, ed in salita, cioè la strada del condizionamento anziché prendere la strada facile ed in discesa, e cioè il percorso della nostra Anima.

Eppure un bambino lo sa. Seguire la propria Anima, i propri desideri autentici, i propri talenti, le proprie aspirazioni dovrebbe essere molto più semplice che non seguirlo.

Abbiamo un termostato interiore che ci indica immediatamente se una cosa ci fa sentire bene o se ci fa sentire male.

Tutto ciò che ci fa sentire bene ci da energia, ci carica e ci porta sul sentiero della nostra Anima.
Tutto ciò che ci fa sentire male ci toglie energia e ci allontana dal sentiero della nostra Anima.


Quando siamo allineati stiamo bene, ci sentiamo pieni di gioia, amore, energia, vitalità.
Quando non siamo allineati ci sentiamo male, proviamo debolezza, spossatezza, magari tristezza.

Il bambino accetta ciò che gli chiedono i genitori, i nonni, i maestri ed inizia ad accontentare tutte le loro richieste. Spesso controvoglia ma lo accetta e lo fa per sopravvivere, spesso sente di non avere  scelta. Crescendo, continuando a fare quello che “bisogna” fare per accontentare le aspettative delle persone alle quali vuole bene e delle quali si fida.  All ‘inizio controvoglia, magari piangendo, e poi adattandosi sempre di più alla situazione di ascolto rivolto all’esterno, il bambino non riesce più ad ascoltare il suo termostato interiore che lo mette in comunicazione con la sua Anima, la sua energia, la sua fonte Divina.

Ecco che l’adulto fa qualcosa che lo fa stare male con la convinzione che sia giusto e che sia la cosa da fare, si preoccupa per questo e per quello, e non riesce più a seguire il reale sentiero della sua Anima:
IL SENTIERO CHE PORTA ALLA LIBERTA’.

Perché l’ Anima ti sta mandando questa indicazione? Stare male o provare disagio. Qual è il significato di questo messaggio? Forse è per farti comprendere che stai sbagliando strada rispetto a ciò che tu stesso vorresti realmente essere o fare. E cosa avviene realmente e fisicamente quando ti senti male? Perdi energia.

Tutto ciò che non fa per te ti da malessere. Invece ciò che fa parte del sentiero della tua Anima ti arricchisce di energia e ti da gioia.

Le aspirazioni dell’ Anima ti danno forza, energia e sono piacevoli per te, e non ti stancheresti mai di farle perché non ti tolgono mai energia, le ami, sei parte di queste aspirazioni. Lo scopo dell’ Anima è “sempre” essere liberi dalle catene invisibili che ti mettono gli altri anche se inconsapevolmente o che talvolta tu stesso ti metti inconsapevolmente.

Per l’Anima cose come “vincoli, compromessi” non esistono, l’anima li rifugge, se ne allontana… ed è per questo che di fronte a queste situazioni ti senti debole.

Anima ed ego si trovano su 2 fronti opposti ed è per questo che nasce il conflitto interiore. L’Anima non accetta i compromessi dell’ Ego perché non lo vede, non ne condivide il mondo, se ne allontana e semplicemente e te lo fa sentire a livello fisico. Solo che tu non la ascolti semplicemente perché ti hanno abituato cosi. Le credenze della società hanno cercato di staccare la connessione con la tua Anima. E quindi quando ti senti “spossato” magari prendi una pillola per il mal di testa, o una soluzione vitaminica per avere più forza, cosi come hai imparato e come ti hanno detto di fare, non è colpa tua, si intende, stai cercando solo di fare l’azione che pensi essere giusta in quel momento in base alle informazioni che hai imparato. L’alternativa potrebbe essere: provare ad ascoltare la tua Anima che cerca solo di renderti libero.
La tua Anima ti parla attraverso le sensazioni e tutti noi abbiamo sensazioni.

  • La tua Anima sei tu, non è nessun altro.
  • La tua Anima è la tua parte più autentica, la tua parte priva di condizionamenti.
  • La tua Anima vuole solo la tua piena e vera felicità.
  • La tua Anima vuole solo essere libera.
  • La tua Anima vuole solo che tu sia Libero!

.

28 Commenti

Lascia un commento
  • davide

    sto cercando in continuazione di ascoltare l’anima ma ormai non sento più nulla. Ricado sempre nelle solite dinamiche nemiche. Sempre più sensibile,ci stanno volendo anni per levarmi di dosso pensieri e condizioni limitanti. L’anima grida ma io non la sento e non sento cosa dice. Come posso fare ?

    Rispondi
  • monica

    sono in ospedale proprio per non aver per lungo tempo ascoltato la mia anima,ad un certo punto il tuo corpo ti dice attraverso la malattia:”allora la vuoi smettere di tapparti le orecchie!! io la tua anima sto urlando e non mi senti??”
    Mentre sono qui nel mio letto di ospedale ricevo da una amica questa frase:
    il corpo grida quello che la bocca tace
    la malattia è un conflitto tra la personalità e l’anima
    molte volte…….il raffreddore COLA quando il corpo PIANGE
    grazie

    Rispondi
  • monica giovine

    Ciao Matteo,
    quando siamo allineati sul sentiero della nostra Anima tutto è più fluido e più naturale e ci riesce meglio, perchè riguarda la nostra natura autentica.
    Per arrivarci abbiamo bisogno di liberarci da tutti i condizionamenti non nostri, dalle credenze limitanti spesso apprese, in poche parole dalla zavorra che ci impedisce di volare. Quando ce ne siamo liberati troviamo la nostra Anima.
    Un abbraccio di LUCE

    Rispondi
  • Matteo Brunetta

    Bene, è un traguardo che si raggiunga tale comprensione ma non basta.
    E’ pur sempre un’azione mentale e non realmente una spinta animica.
    Una allineamento Spirito-Anima-Mente può avvenire solo se Mente cede il posto di comandante (Madre Teresa di Calcutta diceva “sono una matita nelle mani di Dio) allo Spirito Infinito e non è il benessere fisico-mentale il termometro di tale illuminazione… è’ il silenzio.
    Prima o poi si arriverà.

    Rispondi
  • monica giovine

    Caro Mel,
    sono daccordissimo su questo.
    Prima di curare un problema fisico sarebbe utile andare a lavorare sul conflitto interiore che lo ha causato, e potrebbe anche essere remoto, addirittura karmico in certi casi.
    La dieta del gruppo sanguigno è ottima ma sicuramente è importante lavorare sull’origine energetica del problema per risolverlo altrimenti, vale anche per il peso cosi come per moltissime altre problematiche fisiche o malattie e se non viene sciolta la causa con molte probabilità rischia di tornare. Lo vediamo davanti ai nostri occhi nelle casistiche e negli esempi comuni.
    Lavora quindi sempre “anche” sulla causa energetica per rimuovere il blocco.
    Un caro saluto.

    Rispondi
  • mel

    gentile monica,
    anzitutto ti riteovo dopo tanto tempo che….avrei una domanda..che cercherò di formulare a mie parole..per cui correggimi se leggi qualcosa di anomalo o poco chiaro.
    sto leggendo un carinissimo libro sull’alimentazione e i gruppi sangugni.l’autore suggerisce per ogni gruppo sanguigno un alimentazione ad hoc ecc.la lettura e scorrevole ed è carino scoprire attinenze con l’enneagramma,quindi patologie tipiche dell’enneatipo/gruppo sanguigno,intolleranze allergie ecc. insomma riesco ad incrociare i vari argomenti…mi è venuto un dubbio..che voglio esporti:dal mio punto di vista tutte le patologie hanno una radice psicosomaticha,cioè un conflitto interiore…dunque se ho ben capito un intolleranza o allergia alimentare scaturirebbe da un cibo che sollecita il conflitto…giusto(corregimi se sbaglio)..così anche per le altri disturbi , l’alimento è solo scatenante di un disturbo…ma ala base vi è un conflitto “fomentato”dall’alimento..ugualmente per altre patologie..ad esemio una candidosi…se la candida (che abbiamo tutti)diventa aggressiva è perchè magari siamo immunodepressi…ma curandola con un antimicotico non è sempre un pagliativo?ma anche curare l’alimentazione(che non fa mai male come nel caso della candidosi orale) non è un girare intorno al problema?
    mi spiego meglio…se alla base vi è un conflitto interiore,e curiamo la patologia con la medicina tradizionale ed anche con l’alimnetazione…non si ricreano sempre le condizioni e si perpetuano i meccanismi da cui scaturisce il conflitto?
    ammesso che ciò che ho scritto abbia un fondamento…..come arrivare a sciogliere il conflitto connesso alla patologia?
    un saluto

    Rispondi
  • monica giovine

    Cara Ana Maria,
    ti ringrazio sei molto gentile e le tue parole sono dense della luce e della grazia che fanno parte di te. So che sei sincera ed è questo il bello di te.

    La stima è reciproca, entrambe condividiamo il percorso che porta verso l’Anima quindi ti sento molto in sintonia, molto più che una compagna di viaggio.

    Grazie a te, a presto!
    Un abbraccio di LUCE

    Rispondi
  • Ana Maria

    Cara Monica, complimenti per la chiarezza e l’amore con cui hai scritto quest’articolo, si sente profondamente.

    Mentre leggevo, continuavo a dirmi quanto ti apprezzo e ti stimo, quanto siamo simili, quanto sento la tua energia, la tua purezza, la tua Anima…

    E quanto sei importante per tutti noi…sei un punto di riferimento per l’evoluzione della nostra Anima.

    Grazie Monica per ciò che mi stai dando e per ciò che stiamo condividendo.

    Tanta Luce,
    Ana Maria

    Rispondi
  • monica giovine

    Cara Lory,
    capisco cosa vuoi dire, hai ragione, però non possiamo vivere nel rimpianto, perchè il passato oramai è passato e non possiamo tornare indietro e cambiarlo. Possiamo solo pensare ad ORA!
    Capisco e mi spiace davvero che con tutte le tue belle qualità è successo qualcosa che al momento ti aveva impedito di andare avanti. Sono storie molto comuni. Per esempio, anch’io da ragazzina avevo vissuto un episodio dove mi sono trovata ingiustamente a rinunciare ad un’esperienza alla quale tenevo molto. Io sono di Milano e non c’è il mare. Quando avevo 14 anni una mia compagna di classe si era iscritta ad un corso di sub-acquea, prima gli allievi andavano in piscina con gli istruttori, successivamente sarebbero andati al lago ma sempre procedendo per gradi e con la scuola. La mia amichetta era talmente entusiasta che mi aveva trasmesso la sua gioia e la sua eccitazione per il sub, quindi piena di curiosità ed entusiasmo decido di iscrivermi anch’io alla scuola di sub con lei. Ero minorenne e quindi lo dico ai miei, non ti dico, la fine del mondo!!! Vedevano solo i pericoli, sai che rischio con degli istruttori ben preparati, molto esperti ed abituati oltre agli assistenti della scuola per sub. E cosi, mio malgrado, avevo dovuto rinunciare, ero furibonda! Frequentavo le scuole medie quindi ero minorenne, e la mia amichetta mi raccontava di come era stato bello e divertente e delle esperienze fantastiche che aveva avuto ed io ascoltando i suoi racconti soffrivo perchè avrei voluto esserci anch’io. E’ la storia di tutti Lory. Lo so, fa male, ma non serve dire “sarebbe stato bello se… ma non è successo” oppure “avrei potuto essere… se avessi fatto, ma non è stato cosi”.
    Esci dal rimpianto e dal passato. Perdonali, so che non è facile ma lo fai per te stessa, per essere LIBERA, te lo meriti.
    Ed inizia a progettare la tua vita da dove sei ora! Da adesso… cosa puoi fare adesso per te? Cosa vuoi fare adesso per la tua vita? E’ l’unico modo per vivere bene, te lo meriti Lory. Non permettere che queste privazioni del passato riescano ancora a farti del male e a farti privare di qualcos’altro… oggi e domani!
    Un abbraccio!

    Rispondi
  • Lory

    ciao cara Monica,grazie per tutte le parole che hai detto,so benissimo cosa significano,ma il problema è che per seguire quello che mi hanno imposto loro,ho perso delle grandi occasioni,infatti come ti ho detto volevo studiare lettere e filosofia,ero beravissima nelle materie umanistiche,durante le superiori avevo anche vinto dei premi e dei concorsi,ma poi con quelle pressioni negative mi sono convinta di non essere all’altezza,dato che e quello che mi hanno fatto credere per anni,e cosi mi sono trovata senza niente,senza laurea e senza lavoro,fino adesso che ho 47,e dover elemosinare due soldi per mangiare,dandogli motivo di dire che avevano ragione loro,che sono uno zero come dicevano,ecc
    e anche se adesso cerco di rimediare,comunque fare le cose a 47 non e la stessa cosa che farle quando era ora….
    Le cose cambiano,ci sono esigenze diverse,ecc
    quindi il mio problema non e solo perdonare e lasciar perdere,ma proprio il fatto che a quest’ora avrei potuto fare la vita che volevo davvero,invece di ritrovarmi a pregare che qualcuno mi prenda a lavare le scale..
    ( e la cosa piu assurda è che non mi prende nessuno perchè mi dicono che non sono adatta,che sono troppo intelligente e robe del genere) e preferiscono prendere persone diverse..beffa del destino…
    quindi e ancora piu complicato..
    ciao e grazie,un abbraccio anche a te!!

    Rispondi
  • monica giovine

    Ciao Lory,
    infatti il vero senso della nostra vita è seguire la via della nostra Anima. Quando ascoltiamo il nostro cuore siamo connessi alla nostra Anima, siamo più forti, abbiamo più energia, siamo felici e le nostre difese immunitarie sono forti e ci conducono verso uno stato di salute ottimale.
    Quando facciamo ciò che gli altri desiderano per noi, quando soddisfiamo le aspettative altrui anzichè seguire i nostri desideri autentici ci allontaniamo dalla nostra anima quindi perdiamo energia, ci sentiamo frustrati ed infelici e la perdita di energia porta ad ammalarsi.
    La malattia subentra quando ci sentiamo intrappolati in qualcosa che non è nostro, quando ci identifichiamo in qualcun’altro intrappolati da una sorta di dipendenza affettiva o famigliare che ci allontana da chi siamo veramente. La malattia deriva dalla sofferenza e quindi dalla perdita di energia. La malattia è un messaggio che l’Anima ci manda e ci parla attraverso il nostro corpo cercando di mostrarci cosa non va e ci sta dicendo che dobbiamo amarci di più, che non dobbiamo accontentare le aspettative altrui ma seguire la nostra strada, i nostri desideri e spezzare le catene. Anche il conflitto e la rabbia porta alla malattia. Non prendertela con loro, comprendi che la pensano in un modo diverso dal tuo, non è colpa loro. Quando li perdoni sei libera dalle catene e lasci andare dipendenza, senso di colpa, passato, idee non tue, quando perdoni lasci andare tutto quello che non ti piaceva. Quindi renditi libera attraverso il perdono e poi vai oltre. Segui la tua vita, i tuoi desideri. Tutto ciò che ti da gioia è allineato alla tua Anima e quindi ti porta amore e buona salute in quanto rafforza la tua energia.
    Un abbraccio!

    Rispondi
  • Lory

    i miei hanno sempre voluto quasi obbligarmi a fare la donna delle pulizie,mentre io invece volevo studiare lettere e filosofia,infatti ho sempre avuto problemi di ansia,crisi di panico,depressione,ecc
    adesso sto cominciando a fare quello che e davvero nella mia natura e la mia salute e migliorata…mentre prima invece mi sentivo sempre in un ruolo sbagliato,non mio..e -infatti le mie difese immunitarie erano bassissime e mi sono anche ammalata spesso…e invece adesso ho piu energia!

    Rispondi
  • monica giovine

    Ciao carissimo Massimo,
    ti ringrazio per il tuo apprezzamento.
    Sembrerebbe un altro tema, Anima e legge dell’attrazione? Io penso che siano 2 argomenti che cercano solo di portarci su un’unica vera strada. La strada del nostro sè autentico, dei nostri reali desideri che sono motivo di gioia, di crescita e di espansione e quindi fanno parte del piano di vita della nostra Anima. Per la nostra mente razionale spesso non è semplice comprendere la legge dell’ attrazione, si pensa ad una sorta di magia, qualcuno dice “ci credo” qualcun altro dice “non ci credo” oppure “a me funziona” o ancora “a me non funziona“. Frasi cosi dimostrano che si è capito ben poco, ahimè! Non è uno strumento esterno a noi al quale premiamo il bottone “start” e l’accendiamo e poi la mettiamo in “off” e si spegne. E’ molto diverso. La legge dell’attrazione è la legge universale della crescita, è il funzionamento energetico della vita, di ogni forma di vita e cioè di tutto, al di la che ci si creda o no, o meglio, che la capiamo o no. Gli esseri umani, sempre grazie alla loro parte razionale hanno sempre bisogno di capire, di sezionare, di analizzare, di conoscere tutti i dettagli sul funzionamento di qualcosa e solo dopo averlo compreso e analizzato in toto decino se crederci o no. Eppure non abbiamo bisogno di comprendere sempre tutto. L’atteggiamento ideale è la fiducia nella vita, nella legge della crescita. Sappiamo che è cosi. Le 1000 spiegazioni sulla legge dell’attrazione che sono state date in qualche caso possono avere creato maggiore confusione o scetticismo. In realtà è un fenomeno semplicissimo. Non c’è niente da capire o da sezionare. Tutto ciò di cui ha bisogno la nostra Anima (o la nostra parte energetica) lo manifesta. E’ cosi per tutti e per tutto, per gli esseri umani, animali, piante e tutto il resto.
    Quindi se ci atteniamo a questo principio della natura, della legge della vita, possiamo osservare che tutto ciò che ci circonda e che c’è nella nostra vita è il riflesso di ciò che c’è dentro di noi, di come siamo, delle nostre aspettative incosce, dei nostri desideri, delle nostre convinzioni. Quello che ci piace è in linea con la nostra Anima ed è la manifestazione della vita e della crescita, quello che non ci piace rappresenta la manifestazione delle nostre paure, e cioè di ciò che non vogliamo ma che a causa di freni interiori non riusciamo a lasciare andare, spesso problemi non risolti. Anche i problemi di salute, o di soldi o affettivi rappresentano le paure inconsce e quindi blocchi energetici che non sono stati risolti. Il nostro mondo è un grande maestro, ci presenta costantemente il feedback su ciò che vogliamo cambiare. Perchè tante persone non osservano la loro vita in modo costruttivo anzichè lamentarsi? Paura del nuovo? Pigrizia? Tutte cose che tengono fermi. La legge dell’attrazione è la legge della vita e della crescita ed il nostro compito è imparare ad usarla a nostro favore, non solo per realizzare i nostri desideri ma soprattutto per crescere come persone e come Anime.
    La tua domanda è sicuramente in tema con l’articolo.
    Un caro saluto!

    Rispondi
  • Massimo

    Carissima Monica (su piuchepuoi la mia preferita) non sò se siamo in tema, (o se è già stato affrontato in altro post..) ma volevo sapere la tua opinione sulla cosidetta Legge dell’Attrazione, il tuo pensiero…

    Rispondi
  • monica giovine

    Ciao Massimo,
    certo noi siamo energia, spesso viene detto che tutto è energia. Lo è il nostro corpo (energia e materia) e la nostra Anima (energia pura), e tutto ciò che esiste è “energia”.
    Più che cercare l’energia in realtà quello che dobbiamo fare per ottenerla è più semplice, cercare di stare bene, fare ciò che ci fa sentire bene, come giustamente dici tu la troviamo nelle cose buone per noi. Forse non per tutti è facile uscire dagli schemi dai quali siamo abituati, ma con fiducia ce la possiamo fare, dipende da noi, da quanto vogliamo cercare di vivere la nostra vita!

    Rispondi
  • Massimo

    energia, energia e ancora energia, ma anche noi siamo energia ? quindi per stare bene bisogna avere energia, e quindi trovarla nelle buone cose che giustamente come dici non mancano, mai….

    Rispondi
  • monica giovine

    Ciao Josè,
    ti ringrazio. Sei un grande, so che sei stato in grado di comunicare alle persone che anche il successo può essere spirituale e che nella ricerca della proria realizzazione magari anche materiale c’è un disegno della nostra Anima di crescita spirituale. Un argomento spinoso a causa della nostra cultura millenaria che ha creato un netto divario fra materiale e spirituale difficile a morire. E’ lo spirito col quale facciamo le cose che gli da valore. Quando c’è amore, generosità, passione sicuramente siamo allineati con la nostra Anima c’è sempre crescita spirituale.
    Grazie del commento.

    Rispondi
  • monica giovine

    Carissimo Stefano,
    anch’io ti leggo sempre con stima e con passione.
    Per l’argomento aperto sul condizionamento dei genitori sui figli, penso che tua figlia sia fortunatissima ad avere un padre cosi aperto mentalmente e cosi attento e comunque i bambini di oggi sono un po’ tutti più fortunati rispetto ad alcune decine di anni fa.
    Ovviamente quando i bambini sono piccoli è normali proteggerli e guidarli, ci mancherebbe. Una buona dose di adattamento alla società è anche indispensabile per sopravvivere insieme con gli altri.
    Le scuole odierne sono cambiate. Spesso mi riferisco alla nostra generazione (alla mia soprattutto) a quanto ha dovuto lottare per fare sentire la propria voce. Spesso vengono da me a fare sedute di life coaching persone che soffrono perchè la loro vita non è stata scelta da loro ma dai genitori. Ho una cliente che amava studiare le lingue, il suo sogno era lavorare in un’agenzia viaggi e viaggiare. La madre si era opposta, l’ha costretta a fare le magistrali perchè il sogno della madre era che la figlia diventasse maestra. Lei ha seguito (forse costretta) le direttive della madre. Ha fatto la maestra per qualche anno, poi ha smesso ed ha iniziato a lavorare nella segreteria della scuola e si sente immensamente frustrata ed ogni giorno rimpiange di non avere seguito il suo sogno. Ora può cercare di comprendere la sua attuale posizione ed accettarla per non vivere nel rimpianto. Storie simili se ne sentono tantissime. Sabato è venuto da me un ragazzo che aveva una postura rigida. Parlando con lui mi dice che da piccolo i genitori e la nonna gli ripetevano sempre: “stai fermo, non muoverti, devi stare fermo”, oltre a “non si corre, non si salta ecc…” Beh, volevano che fosse “fermo” e ci sono riusciti. Ed ora ha bisogno di ammorbidirsi, di lasciarsi andare.
    La tua bimba cresce sicuramente in un ambiente gioioso, amorevole e creativo. Prova a notare che se insiste tanto nel volere fare qualcosa che non approvi è possibile cercare di capire quale tipo di soddisfazione vuole ottenere e cercare un’alternativa migliore per lei che le faccia ottenere la stessa sensazione. A volte i bambini stanno tanto davanti alla televisione anche perchè magari alcune mamme iper-indaffarate non hanno tempo per mostrare loro che esistono anche i parchi giochi.
    I bambini nati dopo il 2000 sono molto evoluti come Anime. Credo che questo grandissimo dono che tu e la sua mamma avete avuto da modo a tutti di crescere anche spirtualmente.
    Un’ ultima cosa, per esempio molti anni fa si diceva che i bambini devono imparare tutto dai genitori ed era impensabile che i genitori potessero imparare dall’osservazione dei loro figli. Penso invece che possa essere un grande arricchimento reciproco. Spesso i bambini ci riportano al contatto con la nostra Anima con la loro meravigliosa spontaneità, anche attraverso il gioco, il pianto o le risate.
    Grazie per questa osservazione, a presto!

    Rispondi
  • monica giovine

    Caro Giuseppe,
    grazie del tuo commento.
    Bello leggere dell’Anima sulle poesie o nelle canzoni, ma penso che lo scopo della vita di tutti noi è cercare di allinarci con la nostra Anima. Mi rendo conto che nella nostra società non è sempre facile e spesso abbiamo tanti impegni come conseguenza di una vita che ci siamo creati noi, e che ovviamente abbiamo portato avanti adattandoci alla società e alle sue abitudini. E tutto questo è normale, è ovvio. Però senza che noi ce ne accorgiamo il mondo cambia. Guerre, lotte, lamenti, rimpianti di chissà quali epoche passate che non penso essere migliori della nostra. pensa all’epoca dei feudi o delle crociate. Pensa a come vivevano i nostri nonni. Fino a 70 anni fa c’erano le dittature anche in Europa. Oggi anche nei paesi arabi stanno crollando i regimi oppressivi e dittatori. Dico questo perchè da sempre davvero da sempre ognuno di noi fa dei passi avanti. Generazione dopo generazione ci evolviamo, sviluppiamo la nostra intelligenza. Le scuole sono cambiate. I bambini vengono educati con maggiore rispetto della loro età. Quindi quello che tutti noi cerchiamo è la libertà, la pace, la serenità, stare in pace con noi stessi e con gli altri. E piano piano ci stiamo arrivando. Per esempio è quello che cercano di fare i coach, aiutare le persone ad avere una vita migliore, serena, in pace con se stessi. E’ quello che facciamo noi qui su Piu Che Puoi. La nostra speranza è di trovare persone che come noi vogliono vivere meglio, senza fare pressioni agli altri nè a se stessi.
    Ognuno può rendere propria vita migliore per come può. E sono certa che si può fare sempre di più!
    Un caro saluto.

    Rispondi
  • monica giovine

    Grazie di cuore a Lia, ad Ilaria e a Susanna per le belle parole!

    Rispondi
  • Jose' Scafarelli

    Ah, che piacere leggere questo articolo!
    :-)
    Bello, complimenti… è un tema a cui sono particolarmente sensibile… se vogliamo è la chiave di tutto.
    :-)
    1abbraccio
    Josè

    Rispondi
  • stefano bresciani

    Sincero, diretto e sacrosanto articolo, com’è nel tuo stile che ammiro molto.

    Solo su una cosa vorrei riflettere insieme a te, in merito al condizionamento che i genitori impartiscono ai figli, visto che ne sto facendo esperienza diretta. Quando scrivi: il bambino spesso sente di non avere scelta. Crescendo, continuando a fare quello che “bisogna” fare per accontentare le aspettative delle persone alle quali vuole bene e delle quali si fida. All‘inizio controvoglia, magari piangendo, e poi adattandosi sempre di più alla situazione di ascolto rivolto all’esterno […]

    Con nostra figlia Anna, che ha quasi 2 anni, ogni giorno cerchiamo di fare del nostro meglio nel concedergli quella libertà di esprimersi, di essere, ma esistono delle regole che per la sua educazione a volte sembrano imposizioni. Il confine è sottile e non è compito facile quello del genitore coach, amorevole ma pur sempre educatore, nel concedere spazio all’anima del bambino. A volte può voler fare qualcosa di pericoloso, e cerchiamo di farle capire il rischio ma a quell’età di certo non lo percepiscono e quindi siamo costretti talvolta ad imporre, a fare come diciamo noi anche per affermare autorità ed esperienza, oltre all’evitare guai. E così sarà quando dovrà andare a scuola, mi auguro di rendergliela piacevole ma se così non fosse? sarebbe un’imposizione obbligata, giusto?

    Il succo è: quanto è possibile lasciar libero un bambino, così puro ma anche così fragile e ignaro delle conseguenze(anche solo il voler passare ore davanti alla TV, che impediamo per validi motivi!), quanto è lecito lasciarlo libero di essere, di seguire i propri desideri dettati dall’anima senza fuggire dalla (obbligata) realtà?

    Rispondi
  • giuseppe

    Anima, Ego, etc…
    È facile consigliare a tutti di seguire l’altrove o il d’altronde. Poi però la vita è un compromesso continuo che si rinnova quotidianamente. Non tutti, anzi solo pochi si possono permettere di “seguire la propria Anima”, la propria natura. Ai più non resta che impegnarsi ogni giorno per sbarcare il lunario. L’ego l’abbiamo ucciso il giorno in cui siamo diventati adulti, l’anima rimane lo strumento di dialogo con la poesia, l’infinito e il sogno.

    Rispondi
  • monica giovine

    Grazie Josaya,
    anch’io ti seguo sempre e penso che siamo sulla stessa lunghezza d’onda. :-)
    Grazie del commento, un abbraccio!
    Monica

    Rispondi
  • susanna

    Ciao Monica, sei la migliore!

    Rispondi
  • Ilaria

    Si, concordo.
    Quando non siamo allineati avviene una perdita d’energia colossale che ci indebolisce e oscura la visione della realta’ e il perseguimento dei nostri sogni …e l’ego c’entra sempre, con il suo zampino!
    Baci

    Rispondi
  • lia

    bellissimo articolo monica!
    chiaro, semplice e super efficace!!!
    grazie mille e buona giornata!

    Rispondi
  • Josaya

    “Tutto ciò che ci fa sentire bene ci da energia, ci carica e ci porta sul sentiero della nostra Anima.” Impariamo a comunicare con la nostra Anima… lei ci manda messaggi continuamente e il suo linguaggio è quello delle sensazioni, delle emozioni! Semplice no!
    Grazie Monica bellissimo articolo!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento