trovare autostima nello sportPer essere un vincente occorre innanzitutto credere di poter vincere.

Questa può sembrare una frase superficiale e generica, quasi uno slogan pubblicitario, invece riduce in pochi termini un atteggiamento reale, da tenere se si desidera raggiungere determinati risultati.

L’autostima nello sport fa davvero la differenza nei risultati di qualsiasi gara.

Occorre a questo punto chiarire il significato di simili affermazioni, per concretizzarle ed evitare che risultino incitazioni sportive appunto.

L’autostima è l’idea che ognuno ha di sé stesso e delle proprie capacità. Ora vediamo che cosa si intende per autostima nello sport.

Uno sportivo che si dedichi alla pratica agonistica ovviamente deve avere una autostima alta, altrimenti non avrebbe le prospettive personali giuste per vincere, autostima nello sport, credi in te stesso e migliora la performance.

L’autostima nello sport infatti permette innanzitutto di conoscersi e capire quali siano le proprie caratteristiche.

Quindi lo sportivo ha la consapevolezza delle proprie potenzialità e di come poterle sfruttare per essere vincente.

Un errore che non perdona è la sopravvalutazione delle proprie capacità e delle proprie energie.

Quando ciò avviene, colui che pratica sport agonistico può finire per credere di poter concetrare i propri sforzi in maniera eccessiva, in una gara o in un traguardo che invece non sono alla sua portata, con un grande rischio di fallimento.

Questo non deve accadere, uno sportivo e chi lo allena, dunque il coach, devono sempre considerare le reali qualità fisiche da sfruttare per gareggiare, senza sforzi superflui né facili illusioni.

E’ anche vero comunque che l’autostima nello sport è fondamentale per mantenere sempre un pensiero positivo.

Quando uno sportivo sta per iniziare una gara il proprio pensiero deve comunque essere vincente altrimenti non darà il meglio di sé

 

trovare autostima nello sportUna persona con una bassa autostima parte già sfiduciata e questo inevitabilmente si ripercuote sui risultati della gara stessa, difficilmente riuscirà a vincere chi per primo non crede di potercela fare.

Inoltre l‘autostima nello sport è fondamentale proprio per superare eventuali fallimenti, la perdita di gare può condurre ad avvilimento, alla riduzione della volontà di provarci ancora, alla sfiducia nel lavoro svolto e nelle proprie capacità.

Ciò non deve avvenire, anzi l’autostima nello sport mira proprio a permettere allo sportivo di riprendersi velocemente da una partita o una gara non vincenti, per poter fare tesoro degli errori e recuperare nella prossima occasione.

Inoltre il soggetto deve sempre considerare tutte le variabili che hanno portato all’eventuale fallimento e non necessariamente assumersi tutte le responsabilità appesantendo il proprio umore.
L’autostima nello sport è quindi un fattore spesso decisivo, permette di sentirsi capaci di raggiungere gli obiettivi e di conseguenza funge da motore per riuscire a dare il massimo in fase competitiva, senza sentirsi mai inadeguati e inferiori agli altri concorrenti.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento