0 oggetti | €0

L’autostima nello sport per diventare campioni

Autostima, sport, motivazioneIn quest’ articolo ci occuperemo di valutare autostima nello sport.  L’ approccio che utilizzeremo sara’ quello di un parallelismo, tra vita quotidiana e sport.

In tal senso si cercherà di aprire una breve discussione sul concetto di motivazione, ovvero l’ insieme di comportamenti virtuosi che portano con determinazione ad un obiettivo.

Il rapporto individuale tra vita quotidiana e sport, risulta quindi legato in modo notevole, con l’ aspetto motivazionale.  Appare quindi chiaro come la motivazione possa riuscire a creare i presupposti per poter intraprendere un certo percorso, e come l’ oscillazione di quest’ ultima possa determinare un rallentamento o una interruzione in tale percorso.

L’autostima nello sport è solo uno dei rapporti che la considerazione di se stessi ha con le sfere della vita dell’uomo, infatti il concetto di autostima è applicabile, e incide, su tutti gli ambiti, sociale, lavorativo e seduttivo; ecco come essere sicuri di sè per vincere nel gioco dell’amore.

Autostima nello sport: trova la motivazione

Dobbiamo partire dal concetto per cui, il principio di motivazione risulta essere esteso in modo trasversale a tutti i livelli di sport, sia dilettantistico che agonistico, e che tale approccio rappresenta una proiezione caratteriale del proprio modo di essere. In particolare, possiamo affermare che lo sportivo di alto livello, sarà, (diversamente dal dilettante), preparato psicologicamente ad un approccio adeguato allo sport. 

In tal senso, l’ approccio all’ attività fisica ed allo sport rappresentano il modo di poter usufruire di una serie di benefici utili sia al nostro corpo che alla nostra mente, e quindi potremmo affermare come i benefici, e l’ attività sportiva possano portare ad un circolo virtuoso.

Possiamo individuare, sulla base di studi psicologici autorevoli, alcuni aspetti fondamentali che riguardano la motivazione, ed in particolare,  i benefici nel mirare all’ obiettivo, la determinazione nel raggiungerlo, e i vantaggi nell’ aver raggiunto un tale traguardo.  Proseguendo, la motivazione, risulta incentivata da una serie di meccanismi utili ad evitare l’ insuccesso, e quanto ne consegue. Di conseguenza, iniziano a delinearsi tutti i presupposti per poter iniziare a praticare uno sport, con maggior beneficio nell’ ipotesi di aver raggiunto gli obiettivi pattuiti in precedenza.

La mancanza di motivazione

 

La mancanza di motivazioneLe considerazioni fin qui esposte, possono essere facilmente “capovolte“, cioè osservate in modo esattamente inverso. In tal senso, la mancanza di motivazione, ed il senso di frustrazione personale, scaturiscono dal timore di fallire, non raggiungere l’ obiettivo prefissato. E’ vero in tal senso ricordare che la paura costante di non centrare l’ obiettivo, ovvero il principio di non assumersi mai dei rischi, non potrà mai portare a dei risultati positivi.

Siamo sicuri del fatto che interrompere il cerchio vizioso, del pessimismo possa portare a dei benefici di tipo psicofisico, a breve, medio e lungo andare. Lo sport rappresenta forse una sorta di microrealtà, nella quale le sfide continue portano alla determinazione, e sacrificio, ma anche a saper reagire agli insuccessi e a far tesoro in ogni caso delle passate esperienze.




0 commenti /

Lascia un commento →

Lascia il tuo commento