Recentemente ho avuto un’accesa discussione con un’amica che soffriva per amore. Se non fosse perché lei soffre veramente, la discussione sarebbe estremamente banale.
Lui è uno st…, lo sa che mi fa star male. Si nega al cellulare, non mi chiama per settimane, e poi arriva all’improvviso, con i fiori, tutto carino, e passiamo ore bellissime. E io ci ricasco.
Chi non ha mai fatto questi discorsi, scagli la prima pietra!

Ovviamente mi ha chiesto la lettura dell’I Ching.

  • Tornerà?
  • Mi ama?
  • Smetterà di farmi soffrire?

Care amiche, conoscete bene anche queste domande, vero?
Purtroppo, o per fortuna, quel giorno ero piuttosto stanca, e piena di problemi miei, così invece del solito pat pat sulla spalla e delle solite frasi consolatorie mi sono tuffata in una discussione.

Perché sul lavoro riesci ad essere reattiva e propositiva, trovi spazi e soluzioni, e in amore sei così terribilmente passiva?

È ovvio, perché il lavoro dipende da me, riguarda solo me, invece in amore siamo in due, riguarda anche lui.

Avreste risposto così anche voi?

È una risposta tipicamente femminile.
Ma … È ovvio un accidente!
Come se sul lavoro non ci fossero altre persone, come se il lavoro non riguardasse anche capi, colleghi, clienti, fornitori. Eppure quelli riusciamo in qualche modo a gestirli, a volte bene, altre volte meno bene, un po’ ci lasciamo sfruttare, ma ne siamo consapevoli.
In amore no. Sempre modello tappetino: calpestami pure!
E, chiaramente, le domande fatte all’I Ching manifestano questo atteggiamento.

E l’I Ching, nella sua onestà, manda spesso in confusione con le sue risposte.

  • Perché magari dice che sì, tornerà, ma tu sarai profondamente infelice.
  • O risponde che ti ama, ma sei tu che non ami te stessa, e quindi non troverai pace.
  • E ancora che no, non smetterà di farti soffrire finché tu non smetterai di voler soffrire.

Le domande “giuste”, utili, costruttive, da porre all’I Ching sarebbero piuttosto:

  • è  la persona giusta per me?
  • Che tipo di rapporto possiamo avere?
  • Cosa posso fare per farlo tornare?
  • Che uomo è nei miei confronti?
  • Il mio, è un amore costruttivo?
  • È opportuno che continui ad aspettarlo?

Per amore si cambia: cambiano le donne, ma cambiano anche gli uomini. Quando vogliono. Quando ritengono che ne valga la pena.
Ma chi cambierebbe una situazione comoda e vantaggiosa per evitare sofferenze ad una persona chiaramente masochista?
Persino l’I Ching, che è maschilista, retrogrado e tradizionalista, impone ad ogni piè sospinto, come prima regola di vita, il rispetto di se stessi!

1 Commento

Lascia un commento
  • Tiziano

    Ti condivido sul gruppo facebook, sono cose che continuiamo a ripetere a tante donne che si rivolgono all’area discussioni… senza risultato, perché continuano a fare le stesse domande! :)

    Non sono d’accordo solo sull’ultimo punto: non è l’I Ching a essere “maschilista, retrogrado e tradizionalista”, ma i suoi commentari neoconfuciani che ci sono arrivati tramite Wilhelm. In origine non lo era affatto…

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento