• Sono capace di liberare me stesso rispetto alle aspettative della società di come devo comportarmi per essere considerato “adulto“?

L’uomo ha creato l’illusione di come doversi comportare. Quest’idea è cresciuta di generazione in generazione fino a creare una definizione collettiva di cosa sia “essere adulti”. Ed egli ha imparato a conformarsi a tali aspettativa, per evitare la punizione della società inflitta a coloro che agiscono seguendo il loro bambino interiore. Per arrendersi nell’abbandono estatico l’uomo deve liberarsi dalle grinfie del giudizio, sia il proprio che quello altrui. La rigidità della mente adulta travolge la capacità dell’uomo di arrendersi, e mentre lui lotta per trattenere il suo amore resistendo alla chiamata del suo essere, che chiede l’abbandono estatico, ironia della sorte è proprio nell’abbandono che l’amore si manifesta.

L’ego è la radice per i concetti rigidi della mente, per tutti i presupposti e i modelli che guidano l’uomo, come un pilota automatico, nella sua vita quotidiana. Quando l’uomo esce dalla taverna del suo subconscio e si apre alla luce della consapevolezza, quando opera con questa luce, allora è libero dalla schiavitù dell’ego ed acquisisce la capacità di abbandono estatico.

2 Commenti

Lascia un commento
  • Francesco benesserefisicoementale.com

    Ciao,
    bell’articolo.

    Volevo chiederti cosa consigli per raggiungere la consapevolezza? Qualche forma di meditazione?

    Se si quale ritieni migliore in base alla tue esperienza?

    Un abbraccio

    Rispondi
    • sujith ravindran

      Ciao Francesco, come pratiche ti consiglio anche di utilizzare la lista di domande che c’è alla fine di ogni capitolo del mio libro, le domande sono costruite apposta per far si che ogni uomo possa fare un auto-esame e cominciare ad incarnare la sua Maturità Maschile! Per la meditazione: una tecnica antica e semplice forma di meditazione che mi da benefici immensi è la tecnica Vipassana. ( qui puoi trovare uno dei loro centri in tutto il mondo http://www.dhamma.org)
      Un caro saluto

      Sujith

Lascia il tuo commento

Lascia un commento