I fattori che incidono sulla propria autostima, e che si traducono in una una scarsa sicurezza in se stessi e nelle proprie capacità, sono svariati: tra questi, le esperienze infantili, le relazioni adulte distruttive, una malattia grave, delle nuove responsabilità di lavoro, i fallimenti professionali, l’invecchiamento, la mancanza di competenze o il burnout.

sicurezza in se: come raggiungerla in tre passi L’insicurezza si manifesta in svariati modi, a livello emotivo, fisico e psicologico: dall’incapacità di esprimere i propri sentimenti alla difficoltà di stabilire relazioni con gli altri, dal bisogno di esercitare forme di controllo alla tendenza a rifiutare compiti più impegnativi, dall’accettazione dello status quo sino alla riluttanza a chiedere aiuto. Anche la perdita di appetito, l’insonnia, i disturbi fisici, lo stress o i tic nervosi, possono essere sintomatici di una scarsa sicurezza in se stessi; l’autostima e la sicurezza in se sono importanti per la vita, e lo divengono ancora di più nella prestazione sportiva, leggi tutto.

Sicurezza in se stessi: un allenamento quotidiano

Per alcune (fortunate) persone sembra essere una naturale attitudine. Per tutti gli altri, costruire e consolidare la sicurezza in se stessi così come nelle proprie capacità, comporta un lavoro e un impegno costanti. Tutti ne abbiamo bisogno ma purtroppo non è una condizione completamente sotto il nostro controllo.

Un giorno ci si può sentire fiduciosi e poi, proprio quando se ne ha maggiormente bisogno, la sicurezza sembra abbandonarci, lasciandoci nello sconforto e nell’infelicità. Perché accade questo? Mentre si può pensare che si tratti di una qualità innata, la costruzione dell’autostima e della sicurezza in se stessi richiede una pratica quotidiana, a prescindere dal proprio livello di realizzazione. Le persone di maggior successo sperimentano errori e fallimenti, anche più degli altri, proprio perché tendono costantemente a obbiettivi sempre più ambiziosi.

Questa forte spinta al raggiungimento di un traguardo superiore, implica l’assunzione di compiti via via più gravosi e impegnativi e, dunque, una costante lotta con la propria autostima. Questi individui si pongono continuamente in discussione e, ad ogni passo del loro cammino, la sicurezza in sé e nelle proprie capacità rischia di vacillare.

Se si vuole crescere, è necessario rafforzare la propria fiducia dall’interno, esattamente come se si stesse allenando un muscolo del corpo. La sicurezza in se: un allenamento quotidianocostruzione della sicurezza in sé non è infatti diversa dall’esercizio praticato in palestra. Ciò che serve è infatti allenarsi a convincere se stessi che si ha tutto quello che serve per creare ed esplorare un territorio ancora sconosciuto e inesplorato.

Convincersi che si è in grado di raggiungere un certo obiettivo è un prerequisito per la sua stessa realizzazione.

Come si può costruire e consolidare la sicurezza in se stessi? Ecco tre semplici passi

1- Sapere quello che sai fare meglio Il tuo talento innato è il tuo unico approccio, la tua unica arma, in tutto ciò che fai. Non si tratta quindi del lavoro che fai, ma delle particolari abilità che possiedi e che ti permettono di svolgerlo con successo. Sapere che sarai eccezionale – e sapere anche il perché – ti aiuterà a costruire e a rafforzare la sicurezza in te stesso.

2- Identificare lo scopo Conoscere il tuo scopo è come attingere a una riserva di energia che non sapevi di possedere. Un obiettivo non è qualcosa che si scopre per caso, in maniera fortunosa ma è piuttosto connesso ad un sfida fondamentale. Avere uno scopo catalizza la creatività e l’innovazione, rende entusiasti (ad esempio nel proprio lavoro) e accresce la sicurezza in se stessi.

3- Credere in se stessi ogni giorno La fiducia può sparire in un momento. Per questo, dopo aver compiuto i primi due passi, avrai bisogno di passare allo step successivo: credere in te stesso. Crea la tua pratica quotidiana, un esercizio efficace e che funzioni davvero (potrebbe essere un mantra, un’attività manuale o semplicemente un momento in cui fermarti a riflettere su quello che stai facendo) e ripeti a te stesso che credi nelle tue capacità e che sai che sei pienamente in grado di fare tutto ciò che desideri.

Credere in se stessi accresce l’autostima ed è una delle più potenti leve per affrontare le sfide della vita. Se credi in te stesso nessuno potrà fermarti!

Poche persone si ritagliano il tempo di riflessione necessario per costruire la conoscenza di sé e capire che cosa sanno fare meglio, meglio di chiunque altro. Investire tempo ed energie in questa direzione, renderà più facile muoversi verso nuovi orizzonti, con rinnovata fiducia e maggiore sicurezza in se stessi.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento