La melatonina è una molecola naturale secreta dalla ghiandola endocrina pineale, assolutamente innocua, decresce nell’organismo con l’avanzare dell’invecchiamento.

La melatonina non è un farmaco, ma una molecola naturale i cui effetti ed innocuità sono molto ben conosciuti. E’ presente ovunque (nei vegetali, nel latte, in tutti gli esseri viventi).La melatonina si limita fondamentalmente a proteggere la ghiandola pineale, restaurando indirettamente i ritmi ormonali giovanili. La sua carenza rappresenta un importante segnale di invecchiamento : quando il livello di melatonina diminuisce, si invecchia.

La somministrazione prolungata di melatonina non può indurre atrofia della pineale, infatti l’inibizione della sintesi dopo somministrazione orale non sembra dipendere come accade per gli ormoni classici dall’inibizione della sintesi dei fattori trofici, ma da una semplice inibizione retroattiva prodotta dalla stessa melatonina. Se si somministra melatonina esterna gli enzimi dell’organismo umano non si attivano per produrla, semplicemente invece la ghiandola si mette a riposo. Quando cessa la somministrazione di melatonina, la produzione endogena riprende come prima, anzi si afferma anche meglio di prima. Qualche studioso ha iniziato a pensare che restaurando i ritmi notturni di melatonina, i quali hanno a che fare con i cicli ormonali, è possibile ottenere dei benefici.Questa molecola pare risincronizzare l’organismo, mantenendo integri sistema neuroendocrino, ormoni e sistema immunitario.Sembra inoltre lavorare in sinergia con vari farmaci migliorandone sensibilmente l’efficacia.

Evitare alla ghiandola pineale di invecchiare pare quindi aiutare a ritardare l’invecchiamento dell’intero organismo.

La melatonina protegge la ghiandola pineale dall’invecchiamento, avendo una potente azione antinvecchiamento sulla ghiandola. Questo è dimostrato sui topi da studi scientifici. In caso di somministrazione di melatonina dall’esterno, la ghiandola pineale invecchia meno rapidamente, rallentando tutto il programma di deterioramento dell’organismo.La ghiandola pineale mantenuta giovane rallenta l’invecchiamento dell’intero organismo, di conseguenza la melatonina rallenta l’invecchiamento della pineale mettendola a riposo, la quale sembra impartire l’ordine di invecchiare, questo in evidenza il concetto.

Altri effetti della melatonina sono documentati : sostiene la funzione immunitaria, abbassa i livelli di colesterolo nel sangue, protegge dagli effetti negativi dello stress, ripristina i ritmi del sonno, aiuta a difendersi dal cancro e dalla malattie cardiache, stimola e sostiene la funzione sessuale (mettendo a riposo la pineale e risincronizzando i ritmi ormonali giovanili).La somministrazione deve avvenire la sera prima di spegnere la luce e dormire : durante il giorno altererebbe il ritmo. Assumendola di sera non si fa che assecondare la natura, mettendo a riposo la pineale che non si deve sforzare di produrla e permettendo la resincronizzazione dei ritmi ormonali.

Attenzione però : chiedere sempre al proprio medico prima di fare da sé. Questo sito non si assume alcune responsabilità.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento