L’argomento “colori chakra” è tra i più interessanti per comprendere il funzionamento dei chakra, anche perchè sarà la base per diverse tecniche di meditazione e visualizzazione, che spesso vengono utilizzate per ridurre lo stress.

Nella letteratura tradizionale, ma anche nei testi di ultima generazione, i colori dei chakra sono associati al simbolo di ogni singolo “vortice”, in una scala cromatica che dal rosso raggiunge il violetto.

colori e forme dei chakra

Alla larga dalle banalizzazioni: la vulgata secondo cui ogni chakra ha un proprio colore è in realtà più complessa, poiché nei testi sacri indù i chakra hanno molteplici sfumature e varianti cromatiche.

Secondo altre fonti, invece, il colore associato ai singoli chakra può essere letteralmente visto da persone dotate di capacità medianiche, ovvero quei rari individui che possono vedere ad occhio nudo i campi energetici dell’uomo e la sua “aura”.

Quali sono i colori dei chakra?

Ok, quali sono i colori dei chakra?

Muladhara, il primo chakra, è generalmente associato al colore rosso. All’interno del loto rosso, a 4 petali, è inscritto solitamente un quadrato giallo, che simboleggia la terra.

Svadhisthana, il secondo chakra, ha colore arancio-rosso, con una evidente mezzaluna bianca all’interno.

Manipura, il chakra dell’ombelico, è di solito rappresentato con il colore giallo. In molti altri testi, invece, il loto a 10 petali di manipura è blu, con un triangolo rosso nel suo centro.

Anhata, il quarto chakra o chakra del cuore, è per molti il “chakra verde”, ma l’iconografia tradizionale lo vuole anche rosso, grigio o dorato.

Visuddha, situato in corrispondenza della gola, ha i petali rossi ed è blu per la restante parte.

Ajna, il sesto chakra, è bianco oppure indaco, mentre Sahrasrara, l’ultimo chakra, viene rappresentato con il viola.

Colori chakra e simbolismo dei colori

 

Molto ci sarebbe da dire sul simbolismo dei colori nella dottrina dei chakra. Potremmo scomodare Goethe o qualche studioso contemporaneo per ricordare come ogni colore evochi precise tonalità emotive, ma anche un intero spettro di valenze simboliche legate alla cultura di riferimento.

Il ruolo dei colori nei chakra è fondamentale non solo per lo studio del simbolismo, ma anche per quel lavoro sulle “energie sottili” che consentirebbe un approfondimento quasi scientifico della teoria dei chakra.

i 7 colori dei chakra eccoli

 

In pratica, secondo studiosi come A.Keyserling o L.Vinardi, ad ogni chakra sarebbe associata una precisa frequenza vibratoria, cui corrisponde un colore specifico ed un suono.

Dunque i colori possono agire per simpatia sulle frequenze dei chakra (esempio: indossare un abito rosso per lavorare su muladhara), e ricorrere alla cromoterapia garantisce una risposta precisa a livello dei singoli chakra.

Del resto, non è un caso che 7 siano i colori dell’arcobaleno, le note musicali ed i chakra principali.

 

 

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento