raggiungere il massimo potenziale con il coach for life

Scopo del percorso con un coach for life è portare l’individuo ad esprimere il meglio ed il massimo da se stesso.

Degli studi hanno individuato alcune caratteristiche principali che, indipendentemente dalla personalità e dalle strategie utilizzate, caratterizzano queste persone come individui che riescono ad esprimere il massimo potenziale, persone di successo dunque.

Queste variabili sono i capisaldi che determinano o meno il raggiungimento degli standard necessari a raggiungere il massimo potenziale, ed è proprio qui che entra in gioco l’importanza del coach for life.

Diventa consapevole delle tue potenzialità con il coach for life

Una delle variabili fondamentali è: il locus of control (LoC), indica il grado d percezione rispetto al controllo di ciò che accade e della propria vita. Ad esempio un LoC “esterno” non permette di esprimere il massimo potenziale poiché porta ad attribuire agli altri il controllo di quello che accade.

Un LoC interno vede la persona esprimere meglio tutto il suo potenziale, perchè più orientata a considerare ciò che gli accade come qualcosa su cui può intervenire.

In locus of control è una variabile psicologica che permette all’individuo di raggiungere il massimo potenziale perchè rappresenta l’atteggiamento mentale con cui la persona si sente in grado di determinare le proprie azioni, di determinarle, rispetto al controllo che potrebbero esercitare il caso o gli eventi esterni su di lui.

Rinforzare il proprio locus of control interno

 

locus of control

Con l’aiuto di un coach for life si ha un rinforzo dei propri comportamenti e atteggiamenti che sviluppa la capacità di assumere una visione del mondo più propositiva,

esprimendo al massimo il proprio potenziale e che si basa su un locus of control interno. Un rinforzo positivo potrebbe essere ad esempio affrontare una nuova sfida dimostrando carattere o scegliere di intraprendere una scelta difficile per poi esserne

premiati.

Il LoC esterno spegne il potenziale dell’individuo poichè genera un vissuto di rassegnazione e abbandono e soprattutto di impotenza e sconfitta nei confronti della vita. Si crea cosi un senso di retroazione anziché di proattività da parte del soggetto che lo porta a perdere spirito competitivo e rinunciare.

Al contrario un soggetto con un forte e spiccato LoC interno è più portato a raggiungere il suo massimo potenziale poichè il LoC è strettamente legato anche alla competitività personale. Le esperienze temporali dei soggetti con un locus of control esterno sono più inefficienti e confuse rispetto a quelli con un locus of control interno.

“Non c’è nessuna passione nel giocare in piccolo,

nell’accontentarsi di giocare una vita minore di quella che,

sei capace di vivere”  Nelson Mandela

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento