Comunicazione al lavoroMolto spesso la comunicazione al lavoro è un insuccesso. Ci rendiamo conto di sbagliare qualcosa, di generare incomprensioni con i colleghi, e questo ci fa sentire inadeguati.

In realtà il problema sta nel fatto che abbiamo appreso le regole della comunicazione nella sfera familiare, con gli amici, all’interno della coppia e all’università, ma gli ambienti di lavoro sono sempre una novità, e se siamo da poco tempo in una nuova realtà lavorativa non abbiamo fatto a tempo a interiorizzare determinate regole.

La comunicazione può risultare importante non solo negli ambiti lavorativi ma anche in quelli sociali, scopri per esempio la comunicazione nelle sfere emotive.

Qualche regola di comunicazione per la sfera lavorativa

Regole di comunciazione che devono essere improntate al buonsenso e alla cooperazione; in primis, bisogna sapere ascoltare. E’ importante per studiare chi si ha di fronte, capire le sue problematiche ed esigenze. Saper ascoltare, inoltre, manda un riflesso benefico sulla nostra presona, che sarà valutata in grado di essere disponibile e accogliente.

Altro elemento importante della comunicazione in ambito lavorativo è il linguaggio non verbale: raccontiamo molto al nostro interlocutore semplicemente gesticolando, o per la postura assunta in piedi o seduti, o per come ci vestiamo e ci presentiamo: la comunicazione non verbale va dunque studiata a fondo, dobbiamo sincerarci di dare un impressione positiva già prima di aprire la bocca.

Quando apriamo la bocca, poi, meglio non urlare: il tono di voce è molto importante, e intonazioni stridule e aggressive respingono l’interlocutore, che prova fastidio; che la comunicazione, quindi, avvenga con un tono di voce caldo e tranquillo. Nella comunciazione al lavoro, poi, l’interazione è importante: rispettare le pause e i turni di conversazione è molto meglio che dire tutto e subito, senza assicurarci di aver recipito o aver trasmesso correttamente il messaggio. Diamo spazio agli altri, è molto importante.

Successo nel lavoro, questione di gergo?

 

Comunicazione e successo al lavoroInfine, va fatta una considerazione sui contenuti e il contesto socioculturale nel quale avviene la comunicazione; dobbiamo comprendere se ciò che stiamo dicendo appartiene all’universo di riferimento del nostro interlocutore, se dobbiamo modificare il nostro gergo, eliminando tecnicismi e virtuosismi di linguaggio.

Un capitolo a parte meriterebbe il caso in cui ci troviamo, per lavoro, a dover coordinare un team: non dare ordini, non ammonire e minaccire, non moraleggiare, non sottrarsi e cambiare argomento sono alcuni buoni consigli sulla comunicazione da tenere.

Queste e altre abilità possono essere apprese grazie le tecniche di programmazione neuro linguistica, un approccio alla comunicazione comparso negli anni Settanta in California. Secondo tale tecnica, certi schemi comportamentali assimilitati con l’esperienza possono essere organizzati per raggiungere determinati obiettivi e migliorare la nostra comunicazione.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento