0 oggetti | €0

Comunicazione non verbale nella seduzione: la donna

I segnali del corpo - Comunicazione non verbale nella seduzione (donna)Nell’arte della seduzione alla donna è sempre stato attribuito un ruolo piuttosto passivo, da “preda” che attende di essere conquistata. Nella realtà le cose stanno diversamente: ogni donna è infatti in grado di lanciare dei piccoli segnali di comunicazione non verbale che, in modo molto discreto, le permettono di muoversi attivamente all’interno del processo di seduzione.
Anche stando seduta a un tavolino di un bar, una donna può lanciare, attraverso la comunicazione non verbale, espliciti messaggi di seduzione agli uomini attorno.

Una donna vestita e truccata con cura, seduta con la schiena ben dritta e le gambe accavallate, che dondola con finta noncuranza una scarpa dal tacco vertiginoso è un’immagine totalmente diversa da quella di un donnino rannicchiato sulla sua sedia, con le punte dei piedi rivolte verso l’interno e lo sguardo chino sulla tazzina di caffè.

Quali sono i segnali di comunicazione non verbale che una donna deve utilizzare per vincere al “gioco” della seduzione?

Prima di tutto, puntare sugli occhi. Le donne più corteggiate spendono molto tempo per prendersi cura del proprio sguardo. Sopracciglia definite da ceretta o pinzette, scelta oculata dei colori per ombretti e matite, a volte addirittura ciglia finte… tutto per mettere in risalto il proprio sguardo e renderlo più profondo. Ma perché?

Spesso si dice che “gli occhi sono lo specchio dell’anima”, e nel gioco della seduzione, niente è più vero. Una volta ottenuto uno sguardo magnetico, però, bisogna anche usarlo in modo appropriato: il contatto visivo è il primo vero contatto con una persona ed è spesso decisivo per i successivi sviluppi della situazione.

Donna e seduzione - la comunicazione non verbaleQuindi, oltre a rendere i propri occhi esteticamente attraenti, è importante utilizzarli in modo intrigante, seduttivo, per trasmettere desiderio, interesse, curiosità e apertura al dialogo.

Ma soprattutto, mai abbassarli! Sostenere lo sguardo di chi si ha davanti denota sicurezza in sé stessi; il contrario, invece, esprime nervosismo, ansia, insicurezza, stati d’animo da evitare con decisione nel processo seduttivo.

Sfiorare, accarezzare, toccare

Oltre alla vista, anche il tatto è un valido alleato della seduzione. Accarezzarsi la mano, le spalle o il contorno del viso sono segnali di comunicazione non verbale sottili ma che qualsiasi uomo ben ricettivo coglie facilmente.

Sfiorarsi il braccio o, soprattutto, il collo in modo provocante invece è un gesto molto più eloquente, che anche i più distratti riusciranno a decifrare.

Giocare con i capelli è un altro “trucchetto” di comunicazione non verbale molto efficace. I capelli, specialmente se lunghi, sono infatti il simbolo di seduzione femminile per antonomasia. Si possono accarezzare, ravvivare, far ricadere sulle spalle o buttarli all’indietro. Tutti modi di comunicare che si vuole portare la conoscenza del proprio interlocutore a un livello più intimo.

È importante quindi per una donna riconoscere i segnali di comunicazione non verbale tipici della seduzione, ma è importante soprattutto imparare a utilizzarli con naturalezza, giocandoci. Perché la seduzione, in fondo, non è nient’altro che questo: un gioco.




0 commenti /

Lascia un commento →

Lascia il tuo commento