La comunicazione senza le paroleLe parole sono lo strumento principale con cui gli esseri umani interagiscono tra loro, ma considerando la comunicazione in senso più globale, non sono l’unico. Un’infinità di messaggi vengono infatti trasmessi da un individuo all’altro attraverso un linguaggio definibile “non-verbale”, che comprende aspetti come gestualità, contatto visivo, postura, espressioni facciali, modo di muoversi nello spazio o di stare seduti, abbigliamento, eccetera, e che appartiene appunto alla comunicazione non verbale.

Una grossa fetta di interazioni avviene quindi tramite la comunicazione non verbale: ogni giorno inviamo e rispondiamo a migliaia di messaggi non veicolati dalle parole ma generati da strette di mano, sguardi, sorrisi, e da tutto quello che comunica senza l’ausilio della parola; parlare senza voce, questo è la comunicazione non verbale.

La comunicazione non verbale del viso e del corpo

Le espressioni facciali rivelano una quantità enorme di informazioni. Pensa a quanto significato può avere un sorriso in determinate situazioni, o un sopracciglio aggrottato durante una lite! Inoltre, questo tipo di comunicazione non conosce bandiere o confini: mentre la comprensione della lingua è fortemente condizionata dal luogo in cui ci si trova, le espressioni che trasmettono sentimenti universali come felicità, tristezza, rabbia, paura e sorpresa sono riconoscibili da chiunque in tutto il mondo.

Postura e modo di muovesi nello spazio sono altre fonti di messaggi non verbali. Permettono di capire se una persona è aperta al dialogo oppure no, se sta mentendo, se ha una personalità forte o se è invece insicuro, se si sente a suo agio in una situazione, se è nervoso, rilassato, timido e così via.

Anche i gesti sono un modo molto efficace per comunicare senza parole. Alcuni vengono interpretati allo stesso modo in tutto il mondo (per esempio, indicare con il dito un oggetto di cui si sta parlando, è un modo per rafforzare la comunicazione verbale ed evitare ambiguità), mentre altri sono strettamente legati al luogo e alla cultura… basti pensare alla colorita gestualità italiana, che tanto incuriosisce il resto del mondo.

Comunicazione e paralinguistica

 

Comunicazione: non solo paroleLa paralinguistica si riferisce alla comunicazione che la voce è in grado di trasmettere senza però utilizzare le parole, e include aspetti come il tono di voce, il volume, il ritmo, la velocità, le inflessioni. Ha un ruolo molto importante all’interno di una conversazione perché permette di disambiguare messaggi per facilitarne l’interpretazione.

Anche una frase semplice come “Torna a casa” può acquisire decine di significati diversi, che vengono chiarificati dal tono di voce, o da altri fattori relativi alla paralinguistica.

Durante una conversazione, un colloquio di lavoro, o una presentazione davanti ad un pubblico è importante ricordare l’influenza che la comunicazione non verbale può avere e i significati che veicola. Usandola nel modo corretto si potrà incrementarel’efficacia dei messaggi inviati attraverso le parole migliorandone l’effetto e la capacità di persuasione.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento