Le caratteristiche della comunicazione Il termine comunicazione  deriva dal latino cum (con) e munire  (legare), ed inoltre e’ legato al verbo, sempre di radice latina, communico ( mettere in comune ).  A partire da tali premesse, e’ in sintesi l’ insieme della fenomenologia che prevede il trasferimento e la diffusione di informazioni e contenuti.

Volendo analizzare nel dettaglio il concetto di comunicazione, siamo in grado di risalire al relativo modello analitico, nel quale sono presenti alcuni importanti elementi.  Questi ultimi, in particolare riguardano: il sistema che emette le informazioni (uomo, animali, dispositivi elettronici o meccanici, etc. ), un mezzo di trasmissione idoneo a trasmettere l’ informazione, il contenuto della medesima comunicazione, un codice in grado di rendere comprensibile l’ informazione medesima, ed infine il ricevente.

Conosci i molteplici significati della comunicazione? Allora scopri la storia della comunicazione dal telegrafo ai social network.

Le caratteristiche dei processi di comunicazione

Nel caso ideale, questo processo permette di veicolare le informazioni in modo perfetto dall’ emittente al ricevente, ma sappiamo bene che, per una serie di cause tutto cio’ e’ realmente non possibile.  Le motivazioni alla base del mancato rendimento ideale possono dipendere da vari fattori come ad esempio le problematiche di esatta condivisione del codice, le potenzialita’ dell’ emittente nel saper utilizzare in modo adeguato il primo, ed ancora le condizioni del ricevente e non ultimo il contesto che puo’ determinare talune alterazioni alla completa ricezione del contenuto.

E’ bene ricordare che il processo di comunicazione riguarda vari ambiti della vita quotidiana: la pubblicita’, i rapporti umani e le relazioni pubbliche, ma anche i settori delle scienze umane, etc.  Bisogna tuttavia ricordare che uno dei fini ultimi nella comunicazione consiste nella creazione di simbologie, che spesso derivano dalle caratteristiche sia dell’ emittente che del ricevente, con il conseguente dilemma per il quale le macchine sono in grado di comunicare in modo realmente efficace.

La comunicazione bilaterale o monolaterale

 

Comunicazione bilaterale e monolateraleAbbiamo compreso come la comunicazione necessita la peculiarita’ di far interagire soggetti diversi, ma in che modo questi ultimi sono in grado di agire ?  L’ emittente e’ in grado di produrre informazioni che sara’ in grado di diffondere ad un certo numero di soggetti riceventi, ma non e’ detto che questi ultimi siano in grado di condividere quanto e’ stato diffuso.

Ovviamente la condizione migliore si ha quando emittente e ricevente riescono ad instaurare un fattivo rapporto di collaborazione basato sulla comprensione dei contenuti e successiva attivita’ inversa.

La condizione nella quale ci si trova, considerando i diversi contesti, oscilla proprio tra queste due possibili situazioni. Il problema riguarda spesso il non rendersi conto di subire passivamente determinati contenuti.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento