Comunicazione assertiva: considerazioni generaliIn quest’ articolo parleremo di comunicazione assertiva, ovvero l’ insieme di problematiche riguardanti la comunicazione efficace nei rapporti interpersonali.  Vorrei partire dai contesti in cui la convivenza, viene resa un fattore fondamentale, come ad esempio in ambito lavorativo.  In una condizione ideale, le persone guidate dal buon senso, tendono a non essere poco rispettose nei confronti del prossimo, in modo da considerare le proprie e le altrui esigenze.

Ovviamente tale condizione, e’ solo teorica, in quanto la realtà dei fatti è ben diversa. Il problema nasce dal fatto che, sul proprio cammino, nel raggiungere i nostri obiettivi, possiamo creare delle difficoltà agli altri, e viceversa. E’ chiaro quindi riuscire a sviluppare un opportuno sistema che permetta di poter creare una certa area di sicurezza, dove poter esprimere la propria comunicazione assertiva.

Esistono molti tipi diversi di comunicazione, da quella oggetto del presente articolo, passando per quella aziendale e fini ad arrivare alla comunicazione formativa; ecco di cosa si tratta.

Comunicazione assertiva: considerazioni generali

Con il termine assertività, intendiamo l’ insieme delle capacità atte ad esprimere e far valere il proprio punto di vista, senza peraltro mancare di rispetto agli altri.  Diversamente dal regno animale, in cui le uniche opzioni riguardano la reazione o la fuga, esiste nella cultura umana, la terza opzione, rappresentata appunto dall’ assertività.

Possiamo affermare quindi che l’ assertività rappresenta il modo di esprimere i contenuti presentandoli con le dovute precauzioni e nel modo migliore.  Quest’ ultima è legata sempre ad una certa autostima personale.

Comunicazione assertiva: 3 stili di comportamento

 

Comunicazione assertiva: 3 stili di comportamentoVediamo adesso di poter approfondire i 3 stili di comportamento tipici che possono caratterizzare ogni individuo. Partiamo dalla vittima, ovvero una persona poco avvezza ad esprimere il proprio punto di vista, nell’ incertezza di essere ritenuta stupida, o di ricevere reazioni negative dagli altri.

Queste persone, spesso rappresentano delle vittime di soggetti poco raccomandabili, o di persone a loro volta insicure, che sfoggiano una finta sicurezza.  Lo stile “fantozziano”, rappresenta a pieno (ovviamente in modo esasperato) il soggetto vittima.

Il tipo con atteggiamento aggressivo, o altrimenti detto prepotente. Si tratta di un soggetto spesso in attrito con gli altri, egoista, egocentrico, riuscendo ad essere veramente pedanti nei confronti degli altri. Il tipico atteggiamento del corpo, è rappresentato da un tono di voce sostenuto, ed un’ espressione del volto truce e burbera.

Infine il tipo assertivo, è in grado di esprimere in modo chiaro ed inequivocabile il proprio punto di vista, pur mantenendo un ottimo controllo nelle situazioni. Questa condizione risulta essere basilare per poter evitare di subire ingiustizie nei confronti degli altri, e stare bene con sè stessi. La comunicazione assertiva quindi permette di poter avere sostanziali benefici nella vita quotidiana.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento