La comunicazione e i social networkI social network hanno modificato radicalmente il mondo della comunicazione, inutile negarlo. A seconda dei punti di vista però il cambiamento può essere considerato un enorme passo avanti o, al contrario, come un’involuzione sociale.

Il mondo 2.0 ha sicuramente apportato dei vantaggi nell’universo delle interazioni, accorciando distanze ed annullando il fattore-tempo.

Tuttavia, c’è chi nutre delle legittime preoccupazioni circa il futuro verso cui siamo diretti, dove la co-presenza fisica sembra non essere più un fattore determinante anche per quel che riguarda la comunicazione di tutti i giorni, anche se in determinati ambiti come quello della seduzione, la presenza fisica è ancora indispensabile per andare oltre la comunicazione tra le braccia della passione; scopri il nesso tra comunicazione e seduzione.

La comunicazione nell’era di Facebook e Twitter

Il più grande cambiamento riguarda senza dubbio il numero di persone con cui oggi possiamo interagire. In passato questo insieme era circoscritto ad individui in carne ed ossa, dislocati su di un territorio relativamente limitato.

Oggi invece abbiamo la possibilità di interagire con persone provenienti da tutto il mondo in modo istantaneo, intrattenendo conversazioni come se si fosse nella stessa stanza. Questo ha il grande vantaggio di poter conoscere culture diverse e, soprattutto, di poter condividere opinioni con una varietà molto più ampia di persone.

Un altro grande cambiamento dovuto ai social network è l’eliminazione del “filtro” tra emittente e destinatari finali del messaggio. In passato, per rendere pubblica un’opinione personale, era obbligatorio passare per degli intermediari prima di poter avere visibilità.

Era possibile scrivere una lettera alla redazione di un giornale, o intervenire in una trasmissione televisiva, ma tutte queste azioni erano soggette ad una sorta di “censura” interna. Al contrario, grazie ai social media, chiunque può postare il proprio pensiero e renderlo pubblico e disponibile al mondo intero.

Il rovescio della medaglia

 

Comunicazione 2.0Non tutto però è così positivo come sembra. Esistono alcuni inconvenienti nell’uso dei social network che non devono essere sottovalutati. Il primo e più grande lato negativo è la tendenza alla formazione di gruppi omogenei, composti da membri che condividono tutti la stessa opinione e la pensano allo stesso modo. Il risultato è una sorta di chiusura a parti stagne nei confronti di tutto ciò che è diverso e che si discosta anche solo lievemente dal pensiero comune del gruppo.

Il messaggio di fondo è: “Se la pensi come noi sei il benvenuto, altrimenti sei fuori”. In questo modo il rischio di sfociare verso estremismi anche violenti è più alto, mentre si abbassa notevolmente il livello di tolleranza.

Infine, uno degli aspetti peggiori dell’uso delle piattaforme social, specialmente nei più giovani, è la perdita delle abilità sociali. Molti ragazzi si trovano ad essere totalmente incapaci di interagire con le persone reali senza la mediazione di un computer, semplicemente perché non sono più abituati a farlo: la maggior parte delle loro comunicazioni avviene online.

Quest’ultimo fattore è molto preoccupanti, perché sembra essere alla base di un futuro in cui una normale processo di comunicazione faccia a faccia può diventare una fonte di ansia incontenibile, con tutte le conseguenze del caso. Non tutto si può fare online: mantenere un contatto con la realtà è imprescindibile per poter vivere serenamente.

0 Commenti

Lascia un commento

    Lascia il tuo commento

    Lascia un commento