Comunicazione non verbale al lavoroLa comunicazione non verbale è una componente molto importante in un colloquio di lavoro, perchè tramite il canale non verbale passano numerose informazioni sul nostro modo di essere, che il selezionatore è senza dubbio in grado di comprenndere e interpretare, quindi dobbiamo essere in grado di padroneggiarla.

La comunicazione non verbale è cruciale in tutte le tipologie di colloquio a cui assistiamo oggi: colloquio individuale, in serie, di gruppo. Anche nei cosidetti colloqui hi tech, svolti grazie all’ausilio del telefono o della web cam, la comunicazione non verbale conserva il suo peso.

Prima del colloquio vero e proprio, abbiamo già fornito il selezionatore del nostro curriculum vitae, con dati anagrafici, studi, esperienze lavorative, lingue, esperienze lavorative; ecco, quindi, una prima impressione emergere già dalla carta, ma anche al telefono con le nostre pause e in web cam con tanti altri aspetti della comunicazione, continuiamo ad arrichire la quantità di informazioni sul nostro conto.

La comunicazione in generale conta nell’ambito lavorativo, ma anche nella vita di tutti i giorni e si ripercuote sulle nostre relazioni sociali; comunicazione, ecco quanto conta nella vita quotidiana.

Comunicazione non verbale, i fattori che la determinano

Tanto per la comunicazione verbale, quanto per quella non verbale, è utile cercare di essere efficaci nell’interazione, con un dialogo spigliato e ponendo la massima attenzione all’entrata in ufficio, al saluto e alla stretta di mano, alla postura e all’aspetto esteriore.

Conviene, dunque, ispirarsi all’assertività, tecnica che ci consente di essere socievoli, rispettosi, fermi sui propri diritti, aperti al confronto: in una parola, sicuri di se. Questo elemento dell’assertività deve coinvolgere anche la comunicazione non verbale, capace di esprimere e comunicare emozioni, regolare l’interazione, esprimere atteggiamenti circa l’immagine di sè, aiutare le presentazioni e disperdere l’ansia.

Di cosa si compone la comunicazione non verbale?

 

Comunicazione non vernale al lavoroLa comunicazione non verbale si compone di mimica facciale, ma anche di gestualità, contatto oculare, postura e aspetto esteriore. E’ fondamentale per fornirci la prima impressione di un qualsiasi attore sociale, e anche al colloquio di lavoro è decisiva per ottenere dal selezionatore un parcezione positiva, o per averne una noi del selezionatore.

Quando la percezione è positiva, il dialogo e l’interazione scorrono in un clima sereno e propizio. Quando la percezione è negativa si moltiplicano gli stati di disagio e ansia e il dialogo diventa irto di contrasti, poco costruttivo. Altri fattori della comunicazione non verbale che contribuiscono ad un’impressione favorevole sono il trucco, i profumi, gli atteggiamenti, gli abiti e gli accessori, con gli obiettivi di riuscire a gestire il colloquio, controllare le proprie emozioni e sicurezza e apparire affidabile e motivato grazie anche alla comunicazione non verbale.

0 Commenti

Lascia un commento

    Lascia il tuo commento

    Lascia un commento