Lavorare a stretto contatto con le altre persone , soprattutto in un gruppo, è un’esperienza che può essere davvero stimolante e di continuo miglioramento.
Io ho la fortuna di poter lavorare in questo modo tutti i giorni ecco perchè ho deciso di parlare di quest’argomento nei miei articoli.
Essere il formatore e il coach di una squadra composta da così tanti tipi di persone, è il lavoro più gratificante e entusiasmante del mondo…così è per me, questo perchè  trovo in quello che faccio continui stimoli.

E’ come cucinare una torta, servono gli ingredienti giusti, nella dose giusta, e una cottura giusta.
Se tutti questi processi vengono rispettati il risultato non potrà che essere ottimo.
L’ ingrediente essenziale per il raggiungimento degli obiettivi è senza dubbio la MOTIVAZIONE.
Infatti per preparare al meglio la nostra torta chiamata “obiettivo raggiunto”, la preparazione è elementare, ma infallibile:

                                                                                 MOTIVAZIONE E SORRISO in parti uguali.

 

Partendo dal concetto che tutti siamo diversi, anzi unici, anche la motivazione di conseguenza sarà unica per ogni singola persona.
Come fare dunque???
Sembra estremamente complicato, ma in realtà il segreto sta tutto nell Ascolto.
Se ci soffermiamo ad ascoltare la persona prima, il gruppo poi, abbiamo delle risorse immense nelle nostre mani.
Ascoltare una persona , significa riuscire a guardare dentro di essa, capire com’è strutturata la sua personalità, quali sono le sue necessità, i suoi bisogni, le sue aspettative e quando siamo in grado di capire questo, sappiamo su cosa possiamo e dobbiamo fare leva.

E allora non sarebbe più semplice chiedere alla persona interessata che cosa vuole ottenere?
Questo me lo sono chiesta diverse volte e sono arrivata alla conclusione che la risposta è NO!
Perchè non tutti sanno effettivamente cosa vogliono.
Perchè molte volte il loro obiettivo non è coerente con il loro essere.
Perchè non ci si ferma a pensare “dove voglio arrivare”, ma si pensa “quale può essere l’obiettivo più facilmente raggiungibile, più comodo?”
E molte volte..perchè l’obiettivo cercato, è un’obiettivo che qualcun’altro ha scelto.
La motivazione è quindi un fattore soggettivo, tutti noi siamo motivati da fattori diversi ed è indispensabile per ottenere un risultato eccellente, capire a far capire, dove, si vuole andare… in fin dei conti, il marinaio che naviga senza avere una rotta, difficilmente arriverà al suo porto.

Manca ancora un’ ingrediente fondamentale per il raggiungimento dell’ obiettivo: il sorriso =)
E’ una caratteristica preziosa che supporta la motivazione.
Chi vorrebbe dover andare a lavorare dove sono tutti tristi? Nessuno. Tantomeno un  formatore… che motivazione trasmetterebbe?  Il sorriso ha capacità straordinarie, le persone sono nate, per sorridere..hanno solo dimenticato, quanto sia semplice…

Quindi ascoltare, capire e sorridere un pò di più ci agevolerebbe di molto il compito!
 E se tutti questi ingredienti saranno lavorati per bene, l’obiettivo sarà raggiunto.

Da questo lavoro sto imparando tanto,
ho imparato che ci saranno sempre le brutte giornate ma che riuscendo a mettere un sorriso in quell’aspetto negativo, riuscendo a creare un equilibrio tra lati negativi e positivi di ogni singolo lavoro, posso far diventare un obiettivo irraggiungibile un facile traguardo per me e per le persone che mi circondano.

33 Commenti

Lascia un commento
  • Deborah

    Cara Marianna, voglio portare la testimonianza di quanto ciò che scrivi sia vero,e sopratutto,sentito. Io che ho provato su pelle la tua formazione, e il tuo modo di operare, posso dire davvero, che come i migliori chef, sei in grado di creare ricette motivazionali perfette. Quanto al tuo articolo,di cosa può aver bisogno una persona, in un mondo come quello moderno…subissato di stress, di insicurezza, di continue prove…se non di un sorriso? Il tuo articolo e il tuo modo di pensare, fanno capire che, in una reltà in continua evuluzione, a livello aziendale, per fortuna, c’è chi ha capito, che per far ottenere il massimo, le persone hanno bisogno di qualcosa in più, della formazione canonica di 10 anni fa..hanno bisogno di umanità. Spero che il tuo articolo sia d’aiuto a molte persone, per dare una svolta ad un modo di pensare, a livello manageriale, in troppi casi ancora arretrato. Brava, bravissima, perchè hai dimostrato due delle doti più importanti per un formatore, l’innoazione, e la gioia di vivere e fare il tuo lavoro, che dimostri, e trasmetti, con il sorriso. Continua così, al prossimo articolo!

    Rispondi
  • Cristina

    Grazie per la risposta :)
    Sinceramente anch’io mi sono accorta di quanto mi abbiano aiutato i corsi e le letture che ho fatto.L’unica cosa è che la condizione di precaria da anni purtroppo influisce molto non dico sull’autostima perchè per fortuna si è molto solidificata, ma soprattutto nei rapporti per esempio con i colleghi. A volte mi chiedo se ho preso la strada giusta, anche per questo leggo molto, per capire anche come utilizzare al meglio e nel modo più fruttuoso possibile le mie capacità.
    Grazie per la tua atennzione e buona domenica!
    Cristina

    Rispondi
  • Cristina

    Ciao Marianna e grazie per l’articolo :) a me piace molto l’idea di poter aiutare gli altri e so che, date le mie esperienze di vita e il tempo che ho dedicato ad argomenti di crescita personale, posso farlo, anche perchè l’ho già fatto :)
    Io lavoro in un ambiente pieno di pessimismo e spesso stress e tensione che è la scuola, e ci lavoro da precaria per cui sento,forse per la mia sensibilità un pò accentuata :) , maggiormente queste pressioni. Non lavoro solo a scuola mi sto dedicando anche ad altre attività per poter sperimentare altri tipi di persone, soddisfazioni, emozioni di benessere. Secondo te è possibile andare avanti con la crescita personale ma nello stesso tempo confrontarsi con la dura realtà della scuola?Cioè intendo trovare un equilibrio?
    Scusate se mi sono dilungata e spero di aver esposto bene la mia domanda.
    Grazie!
    Cristina

    Rispondi
    • marianna

      Ciao Cristina, grazie a te del commento! è bellissima questa contrapposizione forte che vivi, da una parte la scuola con le sue problematiche dall’altra i corsi motivazionali, credo sia enormemente utile questo tuo cammino, anche se ti sembrerà incredibile ogniuno di questi aspetti è di sostegno all’altro. i corsi di motivazione ti aiutano a trovare il bello, l’altro aspetto, una caratteristica piacevole nel tuo ambito lavorativo, il tuo lavoro invece ti da la possibilità di mettere in pratica quello che impari ai corsi. quindi secondo me SI l’equilibrio lo si puo certamente trovare e anche in maniera molto più semplice di come si possa immaginare! un sorriso!!! =)

  • andre

    Marianna un articolo stupendo!un semplice sorriso può cambiare la giornata sia a te che alla gente che ti circonda!le persone sorridono veramente troppo poco!complimenti!:)

    Rispondi
    • marianna

      Grazie Andre, continuiamo a sorridere allora!!! =)

  • ALEX

    Bella meditazione, sono d’accordo con quanto detto.
    effettivamente ascoltare e sorridere è quello che più manca oggi, sapere ascoltare oggi è una peculiarità. dovremmo riscoprire quest’arte di ascoltare e di saper sorridere, sicuramente ci renderà più positivi! :)

    Rispondi
    • marianna

      Grazie Alex mi fa piacere che anche tu la pensi allo stesso modo, ci vorrebbe solo un po di allenamento e tutto sarebbe piu semplice! :)

  • Gloria

    In poche parole hai spiegato un concetto che sembra semplice ma che pochi riescono a mettere in pratica, chissà che leggendo il tuo articolo le persone riescano ad ascoltare e sorridere di più. Brava!

    Rispondi
    • marianna

      Grazie Gloria, è il mio obiettivo quello!!! Sono sicura che riusciremo a fare la differenza e a diventare sempre di piu!!!

  • anna

    “Un sorriso non costa nulla
    e nel ricordo può essere eterno.
    Nessuno è così povero da non poterlo donare”

    Rispondi
  • Jessica De Zordo

    Un sorriso non costa niente e produce molto arricchisce chi lo riceve,

    senza impoverire chi lo da.

    Dura un solo istante,

    ma talvolta il suo ricordo è eterno.

    Nessuno è così ricco da poter farne a meno,

    nessuno è abbastanza povero da non meritarlo.

    Crea la felicità in casa,

    è il segno tangibile dell’amicizia,

    un sorriso da riposo a chi è stanco,

    rende coraggio ai più scoraggiati,

    non può essere comprato, ne prestato, ne rubato,

    perché è qualcosa di valore solo nel momento in cui viene dato.

    E se qualche volta incontrate qualcuno

    che non sa più sorridere,

    siate generoso,dategli il vostro,

    perché nessuno ha mai bisogno di un sorriso

    quanto colui che non può regalarne ad altri.

    Gino Mazzella

    Rispondi
    • marianna

      Jessica, che testo meraviglioso! Grazie di averlo condiviso e grazie del commento. un SORRISO =)

  • alessandra

    Complimenti Marianna!!
    Sto scoprendo quanto siano vere le tue parole, sforzarsi di sorridere cambia davvero le cose!!

    Rispondi
    • marianna

      Cambia le cose, le semplifica e ce le fa godere sicuramente di più! e nn sarà sempre uno sforzo, arriverà il tempo in cui sarà u7na necessità una caratteristica Tua, che ti distinguerà dagli altri. Grazie del commento =)

  • Luca C.

    Ho letto con molto piacere il tuo articolo e “tra le righe”, oltre a quello che ci scrivi esplicitamente, cosa che condivido in pieno…SORRIDERE SEMPRE!… leggo dei concetti molto affascinanti, che ci ricordano che Noi tutti, nel luogo di lavoro, ma anche altrove…abbiamo una missione molto importante.

    E’ affascinante il concetto che esprimi:

    –E allora non sarebbe più semplice chiedere alla persona interessata che cosa vuole
    ottenere? Questo me lo sono chiesta diverse volte e sono arrivata alla conclusione che la risposta è NO! —

    Questa frase abbraccia in pieno un bel concetto di Einstein: Non risolverai mai una questione, se esamini le cause allo stesso livello degli effetti –> Praticamente, se sei immerso in una situazione e non riesci a distaccarti, guardarla dall’alto, annusarne la dinamica… difficilmente individuerai le radici e potrai decidere se annientarle, o sfruttarle, potare i rami ed ottenere un nuovo albero…MIGLIORE!

    . . . meglio di noi stessi, chi può essere tanto bravo a guardarci da lontano, vedere le dinamiche, servirci su un piatto dorato la frase che ci illumina, mentre siamo immersi nel ruolo del “punto di vista interno” ? —> GLI ALTRI!

    Essere un punto di vista esterno, è una missione :)

    Ci dimostri di esserlo per tanti “altri giocatori” di questo strano gioco chiamato Mondo,

    e quindi… GRAZIE!

    Rispondi
    • marianna

      Grazie Luca hai appreso appieno il significato del mio articolo, e sono certa che il prossimo sarà ancora piu vicino al tuo pensiero! Einstein è anche una delle mie fonti di ispirazione più forti, e quindi sono contenta ancora di più che ti sia venuto in mente. Grazie a te quindi, a presto
      e un =)

  • Roby

    Un giorno senza un sorriso è un giorno perso. (Charlie Chaplin). Brava Marianna!

    Rispondi
  • miriam

    Parole sante!!! Io per prima dovrei ogni tanto mettere in pratica tutto ciò….soprattutto in ambito lavorativo! Complimenti davvero….che tu possa essere di aiuto a molti!!!

    Rispondi
  • stefano

    Salve Marianna, è un onore avere una persona così positiva e spontanea nel team autori. Mi è piaciuta in particolare la frase “…tutti siamo diversi, anzi unici, anche la motivazione di conseguenza sarà unica per ogni singola persona.” Grazie, ciao!!

    Rispondi
    • marianna

      Grazie! davvero! è mio l’onore di poter colaborare con voi, sono pienamente convinta che il sorriso sia un elemento essenziale per il nostro lavoro. Grazie del coomento, a presto!

  • claudio

    Molto bello l’articolo.scritto in maniera semplice ed efficace.Anche tu con questo articolo hai raggiunto l’obbiettivo perchè sicuramente il messaggio viene recepito molto bene dal lettore!!!!!!!

    Rispondi
    • marianna

      Grazie tante, l’articolo voleva essere chiaro, efficace e semplice, così come dovrebbe sempre essere la formazione e la motivazione! Grazie del commento =)

  • dany

    Concordo!!
    “Donare un sorriso rende felice il cuore. Arrichisce chi lo riceve senza impoverire chi lo dona ,non dura che un istante ma il suo ricordo rimane a lungo.”
    Complimenti

    Rispondi
    • marianna

      Grazie Dany, tante volte un sorriso vale molto più di tante altre cose, e se iniziamo tutti a sorridere un pò di più, un pò più spesso, gli obiettivi che ci siamo posti saranno più semplici da raggiungere!
      Grazie del commento a presto, =)

  • Cristiana

    Bellissime parole e bellissimo articolo.
    Spero di rileggerne presto un altro, perchè è davvero coinvolgente.
    Complimenti!!

    Rispondi
    • marianna

      é un piacere per me ricevere tutti questi commenti e complimenti. Ci sarà presto un altro articolo! Grazie a presto!

  • july76it

    Gran bell’articolo!!!
    Il potere del sorriso è immenso per se stessi e per chi ci circonda. Non può che essere sempre un apporto positivo agli sforzi di tutti i giorni e sicuramente la leva giusta per capire e far capire quali sono i veri obiettivi e poter così trovare la motivazione adatta per raggiungerli.
    Volere è potere!!!
    Brava marianna, un bell’articolo semplice, conciso ma chiaro e diretto, complimenti ancora!!!

    Rispondi
    • marianna

      Sono perfettamente d’accordo con te, volere è potere e soprattutto, sapere cosa volere è il potere! Grazie per il commento =)

  • Ilaria

    Complimenti! é un bellissimo articolo, ci sarà sicuramente l’occasione di provare a mettere in pratica, e lo farò, questo è certo! Un abbraccio

    Rispondi
    • marianna

      Sono contenta che sono riuscita a trasmettere la voglia di provare a mettere in pratica tutto questo! Fammi sapere i risultati, ci conto! Ciao e un sorriso !

  • marianna

    Hai ragione! sorridere diventa uno strumento indispensabile che da dipendenza…

    Rispondi
  • Umberto

    Giusto Marianna, una cosa che mi rimprovero spesso è quella di sorridere poco, pur non essendo una persona triste o deprimente.
    Credo che il sorriso sia veramente contagioso e sono convinto del fatto che tutte le cose semplici siano anche le migliori.
    Alla fine se tutti sorridessimo un pochino di più alle persone (estranei compresi) e alle situazioni (soprattutto quelle negative), renderemmo il mondo un posto più bello da vivere.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento