Definire quanti tipi di comunicazione esistono rappresenta un’ operazione ardua. A tal proposito ho voluto individuare una possibile ed ulteriore metodologia di valutazione qualitativa operabile nella comunicazione, la quale si sofferma su ulteriori aspetti qualitativi, e che supera le tradizionali categorizzazioni diffuse. La comunicazione esiste in tutti gli ambiti della vita, e non fa eccezione quello imprenditoriale, scopri quindi cosa è la comunicazione aziendale.

3 Modi per dire comunicazione 

ecco tutti i tipi di comunicazioneComunicazione Interpersonale 

Se vogliamo comunicare in modo efficace, dobbiamo ricordare che in pratica non esistono regole comunicative univoche, considerato il notevole numero di variabili che intervengono nel sistema come p. es.:  il contesto socio-culturale, la predisposizione emotiva del soggetto, l’interlocutore e le sue caratteristiche, gli strumenti impiegati come il colloquio ’’faccia a faccia’’,discussione di gruppo, Email, sms, ma anche il luogo fisico dove avviene la relazione.

 

È indispensabile inoltre saper ascoltare proficuamente l’ interlocutore, riuscendo a decodificare il messaggio altrui.  La comunicazione avviene sempre in 2D, cioe’ sul piano dei contenuti: cosa si dice e sul piano relazionale: come ci si rivolge, per cui è possibile affermare che esiste una disposizione 3D, con tre livelli diversi in ogni situazione:

  • cosa affermo: parole utilizzate e utilizzo adeguato delle medesime, nonche’ di verbi e aggettivi, etc. 
  • Elementi paraverbali nella relazione, come il tono, le pause, la velocita’ dell’ eloquio, la prosodia etc. 
  • Elementi non verbali nella relazione quali la prossemica, la postura, gesti, etc. 

Secondo l’assioma di Watzlawick,  non si puo’ non comunicare, perché anche quando non si ha voglia di comunicare, in realta’ , ma in modo implicito, si manifesta sempre un comportamento, anche attraverso il semplice silenzio.

Comunicazione Intrapersonale

Tale tipo di comunicazione fa riferimento ai pensieri personali, sentimenti e valori che caratterizzano il nostro mondo di essere interiore e che si strutturano mediante un dialogo continuo interno che regola i comportamenti esteriori.

Le competenze atte a sviluppare la comunicazione intrapersonale, avvengono attraverso specifici percorsi formativi atti a percepire al meglio la realta’ che ci circonda mediante i 5 sensi (udito, gusto, vista, tatto, olfatto, etc. ) ed in particolare tale percorso avviene nei bambini e nei ragazzi. Affinare la potenzialita’ comunicative interpersonali permette di poter raggiungere una migliore conoscenza di se stessi.

Essa porta al risultato dell’ automotivazione e autostima, riuscendo a reagire positivamente alle sollecitazioni emotive frustranti. Si riesce, mediante questi percorsi a superare gli sforzi e a migliorare il problem solving, cioe’ la capacita’ di raggiungere un obiettivo, attraverso un’ azione dinamica che permetta di agirare eventuali ostacoli.

Comunicazione pubblica 

La definizione del concetto di comunicazione pubblica ha confini incerti. In genere si fa uso di due definizioni per cui, la prima si concentra sul soggetto della comunicazione, l’ altra invece sull’ oggetto.

Secondo la strategia soggettiva, s’ intende qualunque forma di comunicazione direttamente legata alle istituzioni pubbliche. Tuttavia bisogna capire i confini del settore pubblico. Parleremo dei cosidetti enti pubblici, cioe’ disciplinati dalla legge, ma sono presenti anche una serie di realta’, che contribuiscono come indotto, a fornire servizi al pubblico ma che di fatto sono gestite non direttamente dal settore pubblico. Quindi possiamo affermare chiaramente che la comunicazione pubblica, non e’ necessariamente coincidente con la pubblica amministrazione.

Secondo la definizione oggettiva,  l’ elemento coinvolto è l’oggetto, ovvero l’ interesse generale della materia trattata. In questo caso, parleremo di almeno tre differenti categorizzazioni:

  1. La comunicazione dell’istituzione pubblica (comunicazione istituzionale), cioe’ la definizione soggettiva.
  2. La comunicazione sociale operata da soggetti sia pubblici che privati per sensibilizzare l’opinione pubblica su problematiche sociali.
  3. La comunicazione politica, operata dai partiti, movimenti e altre organizzazioni, con lo scopo di costruire il consenso e influenzare le scelte del governo su temi controversi.

L’ evoluzione della comunicazione dei mass media e della rete

 

ecco le tipologie di comunicazioneComunicazione mediatica

Con il termine comunicazione mediatica, intendiamo un’ evoluzione della comunicazione pubblica. In questo caso, il relatore non ha la possibilita’ di ricevere in modo immediato feedback dal proprio uditorio (mediatico), o almeno questi ultimi non arrivano in modo immediato, ma attraverso sondaggi, interviste, ricerche e’ possibile valutare la reazione della platea mediatica. E’ spesso effetto voluto quello di imporre alla platea stessa opinioni e idee in modo univoco.

Comunicazione dei new-media 

Il limite della comunicazione mediatica, (tipica dell’ era della carta stampata, radio e maggiormente attraverso la televisione) che consisteva in un rapporto asimmetrico a vantaggio degli stessi mass media. Oggi siamo in grado di scambiare e modificare in continuo i contenuti della rete. Se tale principio permette di costruirsi una propria identita’, delle proprie opinioni, e di accrescere le proprie conoscenze, dall’ altro puo’ agire in modo negativo su soggetti che hanno scarsa autostima per sè stessi portandoli a dotarsi di una barriera dovuta all’ uso dei social Network, invece di poter affrontare a viso aperto l’ interlocutore ed a costruirsi delle vere e proprie identita’, molto diverse dalla vita reale.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento