Le costellazioni familiari rappresentano un nuovo metodo terapeutico che punta alla soluzione dei problemi personali tenendo conto principalmente dell’approccio sistemico, ovvero considerando il singolo come immerso nel suo sistema-famiglia.

La tecnica delle costellazioni familiari è stata ideata da Bert Hellinger che ne è l’unico inventore riconosciuto. Le basi delle sue teorie sono state da lui spiegate nelle numerose opere pubblicate anche in Italia e trovano espressione in un corso di studi destinato principalmente agli psicologi che porta all’assegnazione di un diploma.

Il corso di studi sulle costellazioni familiari, in particolare, si svolge nella Hellinger LebenShule in Germania e in collaborazione con l’Università Europea di Bruxelles.

In cosa consistono le costellazioni familiari?

La costellazione famigliare e il suo ruoloLa tecnica delle costellazioni familiari permette di risolvere in breve tempo diversi problemi relazionali.

È ottima, per esempio, nell’ambito della terapia familiare quando si hanno problemi di coppia o di comunicazione con i propri figli.

Trova comunque applicazione in numerosi altri ambiti anche esterni alla famiglia in cui gli individui si rapportano l’uno all’altro nella forma del sistema.

Le costellazioni familiari sono, in poche parole, la rappresentazione della famiglia.

Attraverso questo metodo, la persona che chiede aiuto al facilitatore (il conduttore della costellazione famigliare) riesce a individuare in breve tempo la fonte del suo problema così da poterla risolvere.

Le costellazioni familiari prevedono, generalmente, delle sedute con un numero di persone che varia dalle 15 alle 20. La durata di ogni seduta è di circa 45 minuti.

La persona che chiede aiuto espone al facilitatore il suo problema prima di avviare il lavoro con il gruppo; il conduttore, inoltre, gli pone alcune domande sulla storia della sua famiglia (se ci sono stati traumi gravi, per esempio, morti precoci, bambini non ancora nati, atti criminosi o ingiustizie subite e via dicendo) così da avere più chiare, poi, le relazioni tra i diversi membri.

L’esperto in costellazioni familiari, quindi, coinvolge il gruppo che viene informato soltanto in merito al problema che la persona intende risolvere.

Il ruolo della rappresentazione nelle costellazioni familiari

 

La famiglia rappresentata e il suo ruolo

Le sedute di costellazioni familiari procedono con l’individuazione da parte della persona interessata, di coloro che rappresenteranno i membri della sua famiglia.

Singolarmente, quindi, sceglie delle persone del gruppo e chiede loro se se la sentono di rappresentare, per esempio, sua madre, suo padre o un qualsiasi altro familiare per lui importante.

La rappresentazione nelle costellazioni familiari assume, quindi, un ruolo di fondamentale importanza e stando al parere di chi ha avuto modo di partecipare a una di queste sedute, permette di dar vita a un’esperienza molto emotiva.

Le persone chiamate a partecipare alle costellazioni familiari, o meglio coloro che accettano di rappresentare uno dei familiari della persona che ha chiesto aiuto, si calano nei panni della persona che rappresentano e, senza alcuna interpretazione personale, iniziano a dar vita alla famiglia rappresentata come se loro stessi vi appartenessero da sempre.

A emergere, quindi, sono le relazioni che intercorrono tra i diversi membri, dando la possibilità al facilitatore e alla persona che chiede aiuto di interpretare autonomamente e chiaramente gli eventi traumatici vissuti dalla famiglia in oggetto che di volta in volta emergono nel corso delle sedute di costellazioni familiari.

1 Commento

Lascia un commento
  • Angela giuffré

    Trovo molto interessante l’argomento mi piacerebbe fare un corso nello specifico per aumentare le mie capacità di mediatore familiare.
    Mi sono diplomata come Counselor della roprogrammazione esistenziale dopo aver frequentato per anni le facoltà di psicologia senza mai concludere gli studi per mille buoni motivi ma soprattutto perché non amo accettare ciò che secondo me é già superato da un secolo….grazie per questo spazio.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento