Le costellazioni familiari e la psicoterapiaLa teoria delle costellazioni familiari è sempre più in voga: il suo approccio rivoluzionario e la sua capacità di intervenire dove le altre psicoterapie hanno fallito le consente di raccogliere consensi giorno dopo giorno.

La teoria delle costellazioni familiari in particolare è stata ideata ed è tutt’ora portata avanti dallo psicologo tedesco Bert Hellinger: come avremo modo di approfondire, però, nonostante il suo appeal e i suoi effetti positivi sulle persone che la provano, non è ancora riconosciuta come metodo terapeutico vero e proprio; costellazioni familiari, di cosa si tratta?

Il possibile nesso tra psicoterapia e costellazioni familiari va cercato nel loro comune obiettivo

A differenza della psicoterapia, quindi, la teoria delle costellazioni familiari non ha ancora valore scientifico.

Molti quando si riferiscono a questo innovativo approccio lo definiscono terapeutico ma, in realtà, ancora non si può parlare di terapia vera e propria.

Sotto questo punto di vista, infatti, sembra rientrare maggiormente nel counseling un’attività volta a orientare le scelte delle persone, a sostenerle, ad aiutarle a superare le difficoltà incontrate e nello sviluppare al meglio le proprie capacità.

La psicoterapia, inoltre, ha un ambito di intervento abbastanza ampio che abbraccia sia il generico disagio esistenziale, sia le vere e proprie malattie mentali: dai disturbi d’ansia a quelli di personalità, ecc.

La teoria delle costellazioni familiari, sebbene possa intervenire anche nei casi gravi rappresentati dalle malattie mentali e fisiche ha l’unico vantaggio di migliorare come queste vengono considerate all’interno della famiglia e dallo stesso individuo che ne è portatore. In fin dei conti, non ha un vero e proprio aspetto terapeutico.

L’unico possibile nesso tra la teoria delle costellazioni familiari e la psicoterapia è il porsi come tecniche per la cura dell’anima ma anche qui sono necessarie delle differenziazioni. L’anima in psicoterapia è soltanto un concetto marginale legato al fatto che anticamente la psiche veniva ritenuta la sua sede.

Nella teoria delle costellazioni familiari, invece, l’anima o spirito assume un carattere più sostanziale e si lega a concetti come: gli Ordini dell’Amore, gli Irretimenti, il bisogno di espiare antiche colpe o l’ottenere giustizia in seguito a ingiustizie passate.

Le costellazioni famigliari e gli elementi pseudoscientifici che hanno alle basi

 

Differenza tra la teoria di Hellinger e la psicoterapiaSebbene la teoria delle costellazioni familiari sia basata in parte su approcci psicoterapeutici riconosciuti scientificamente, quindi, alcuni aspetti che la contraddistinguono non le permettono di essere pienamente definita una terapia.

Tra gli elementi alla base della teoria delle costellazioni familiari che sono ancora oggetto di disputa, in particolare, c’è il suo spiegare determinati fenomeni con concetti come la memoria dell’acqua, gli stati di coscienza legati all’ipnosi eriksoniana e la teoria dei campi morfogenetici.

Affiancare la psicoterapia alla teoria delle costellazioni familiari, quindi, non è ancora possibile ma nonostante ciò sono molte le persone che hanno già beneficiato degli effetti di questo nuovo approccio.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento