La terapia familiare ha da qualche tempo un approccio diverso che, seppure non sia stato ancora scientificamente provato, permette di risolvere determinati problemi. Si tratta della cosiddetta teoria delle costellazioni familiari ideata e sostenuta da Bert Hellinger e da altri studiosi in linea con il suo pensiero, che, tra le altre cose, è anche applicabile alla terapia di coppia.

La terapia familiare proposta da Hellinger prevede un lavoro sistemico perché la persona che chiede aiuto non viene considerata singolarmente ma in relazione alla sua famiglia. Il suo scopo è quello di portare alla luce situazioni, eventi ed eventuali persone dimenticate che possono dar vita a irretimenti inconsci che tendono a manifestarsi nella vita delle persone sotto forma di problemi psico-fisici e/o relazionali.

Il ruolo del sistema nella terapia familiare di Hellinger

La terapia sistemica di HellingerLa terapia familiare di Hellinger considera l’intero nucleo familiare come un vero e proprio sistema: non un semplice insieme di persone unite da vincoli di sangue o parentela ma come un organismo più articolato che reagisce secondo regole proprie.

Il principale obiettivo di ogni sistema è quello di tendere all’equilibrio e all’ordine e quando vigono queste due caratteristiche ci si trova di fronte a famiglie “sane”.

La terapia familiare basata sulla teoria delle costellazioni familiari, al contrario, è utile quando il sistema subisce l’influsso di pressioni interne.

Queste possono essere provocate da fattori diversi: persone appartenenti al nucleo familiare che negli anni sono state dimenticate a causa di un triste destino; colpe non espiate; situazioni e fatti che non sono stati adeguatamente risolti dalle persone mentre erano in vita; e altro.

Il concetto alla base della terapia familiare di Hellinger è che in un modo o nell’altro tutte le precedenti situazioni portano a degli irretimenti, ovvero tendono a manifestarsi in uno o più posteri al fine di poter essere riportate alla luce e risolte.

Gli irretimenti tendono, secondo gli specialisti in questo tipo di terapia familiare, a coinvolgere maggiormente i bambini in virtù del loro senso di unità familiare e della loro tendenza al sacrificio per amore.

Il ruolo delle costellazioni familiari

 

L'albero genealogicoLe costellazioni familiari hanno il compito di affrontare i problemi che emergono nel corso della terapia familiare in modo diretto, senza concentrarsi troppo sull’analisi personale.

In una seduta “tipo”, il conduttore chiede alla persona interessata a risolvere il problema di rappresentare la sua famiglia nello spazio aiutandosi con dei collaboratori.

Nel corso della terapia familiare, poi, il conduttore pone delle domande alla persona in modo da spingerla a ricordare, ovvero a portar fuori l’irretimento inconscio che è causa del suo problema.

Quando l’inconscio torna a essere svelato, la terapia familiare ha avuto buon fine e la persona ha maggiori probabilità di tornare a vivere serenamente.

Il sistema famiglia, quindi, ha un ruolo chiave in questo nuovo tipo di terapia familiare proprio perché non si considerano le singole persone ma l’intero albero genealogico.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento