A differenza di quello che si crede comunemente, è possibile ricorrere ai vari rimedi naturali per combattere diversi disturbi. Infatti la cura con le erbe può essere davvero significativa, se viene naturalmente eseguita in maniera corretta, come ad esempio succede nel caso della depressione.

3 rimedi naturali per combattere 3 classici disturbi

In questo post, oggi parlerò di 3 classici disturbi che possono essere tranquillamente risolti grazie ai metodi naturali.

Ad esempio, uno dei più insidiosi mali della stagione è proprio il raffreddore. Infatti almeno 1 volta l’anno tutti facciamo i conti con questo disturbo.

Soprattutto con il maltempo di questi giorni che sembra non volerci proprio abbandonare, ecco che torna puntuale. Ma è possibile rimediare, grazie alla cura con le erbe.

Le cure naturali possono aiutare nel trattamento del comune raffreddore, noto anche come rinite acuta. Esso è caratterizzato da un’infiammazione delle alte vie respiratorie. Solitamente dura dai 3 giorni fino ad un massimo di 10 giorni. I sintomi che si possono avere sono i seguenti: mal di gola, mal di testa, starnuti, naso che cola e via dicendo..

Il miglior trattamento per il raffreddore è una dieta adeguata. E’ molto importante assumere in questo periodo acqua calda con del miele e qualche goccia di limone. Infatti sia il miele che il limone posseggono delle proprietà antisettiche. Una dieta liquida infatti, è necessaria al fine di neutralizzare la condizione acida nel sangue. Anche un’alimentazione basata su frutta e verdura può essere molto utile durante questo periodo. Invece è bene evitare per i primi 3 giorni, la carne, le uova e i formaggi.

Per quanto invece riguarda la cura con le erbe, ecco alcune piante in grado di poter curare naturalmente il raffreddore:

cure naturali per il raffreddore
Echinacea: una pianta in grado di poter trattare le malattie da raffreddamento e non solo. Grazie alle sue proprietà immunostimolanti e antivirali aiutano a rinforzare le difese dell’organismo. L’Echinacea può essere di aiuto non solo in prevenzione, ma anche a raffreddore contratto.
Sambuco: è un’altra pianta efficace utilizzata contro il raffreddore. Si presenta sotto forma di tisana o di sciroppo. Si ritiene inoltre che il sambuco possa seccare la mucosa nasale diminuendo la secrezione.

Anticamente questa pianta era denominata “la medicina dei poveri”perchè era possibile curare ogni male a buon mercato.
Tiglio: ha proprietà anticatarrali, in particolare calma la tosse, e l’infammazione sia dei bronchi che della gola. E’ noto l’infuso di fiori di tiglio. Si può prendere anche 10 minuti prima di andare a letto addolcita con qualche goccia di miele.
Mentre un altro classico disturbo che colpisce un po’ tutti è la tosse. La tosse può essere di due tipi: secca o grassa. Per quanto riguarda la tosse secca, essa non è produttiva quindi bisogna ricorrere a qualche sedativo della tosse, mentre per quanto riguarda la tosse grassa, essa è caratterizzata dalla presenza di catarro. L’obiettivo è di utilizzare qualche mucolitico in grado di espellerlo.

Anche in questo caso la cura con le erbe, può essere di fondamentale importanza.
Infatti ricorrendo alla fitoterapia, è possibile alleviare il dolore della laringe e della faringe oltre a far espellere il muco e liberare le vie espiratorie.

Pertanto, le piante emollienti e fluidificanti sono capaci di modificare le secrezioni bronchiali. A tale riguardo è possibile ricorrere alla cura con le erbe, in particolar modo:

Lichene D’Islanda: può essere usato come antinfiammatorio per gargarismi. Evitare l’assunzione in caso di ulcera peptica o in caso di gastrite.
Malva: usata sotto forma di infusione, ha un’azione anch’essa antinfiammatoria contro le mucose con le quali viene direttamente a contatto.
Marrubio: utilizzato come mucolitico e sedativo della tosse. Poichè contiene sostanze amare che aumentano la secrezione gastrica, è necessario evitare l’assunzione di tale erba in caso di gastrite.
Mentre il terzo disturbo classico che colpisce molte persone è l’influenza. Sono in molti che ricorrono all’utilizzo di farmaci per contrastare tale disturbo. Ma ricorrendo alla cura con le erbe, i risultati che si possono trarre possono essere davvero soddisfacenti.
Ecco una serie di rimedi naturali per combattere tale disagio:

Rosa canina: contiene vitamina C come il rame e lo zinco. Consigliato il preparato in gocce
Chiodi di garofano: Consigliato in forma di tisana. Grazie alle sue proprietà benefiche, questa pianta funge da antisettico ed anestetico.
Cannella: è antibatterica. Anche qui si consiglia l’infusione. Si può scegliere inoltre, di mescolare insieme cannella e chiodi di garofano per ottimizzare gli effetti.
Quindi come si può denotare, effettuare la cura con le erbe può essere di grande aiuto per eliminare tali disturbi.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento