curare la depressione con le terapie alternative è possibileCurare la depressione con le terapie alternative si presenta come una scelta molto particolare, la quale richiede l’inizio di un percorso votato ad una guarigione probabilmente più lenta, ma sicuramente efficace e dalla durata perenne.

Le terapie alternative agiscono, infatti, con un’ideologia diversa dalla medicina tradizionale, la quale chiede ai farmaci di inibire il sistema nervoso per bloccare i sintomi della malattia, ma non ricerca le ragioni scatenanti della malattia stessa.

Curare la depressione con le terapie alternative significa prendere coscienza di eventuali traumi, anche sconosciuti, eventi scatenanti passati e presenti e particolari aspetti del proprio IO.

Un percorso intricato, ricco di prese di coscienza, ma volto a comprendere quali effettivamente sono le ragioni della nascita della depressione; è quindi possibile curare la depressione senza psicofarmaci?

Curare la depressione con le terapie alternative: per tornare a sorridere in modo naturale

La depressione manifesta i propri sintomi sia sotto il punto di vista mentale che fisico. Essa rende la persona colpita dalla patologia malinconica, perennemente triste e toglie la voglia di interessarsi alle piccole cose di ogni giorno.

Dal punto di vista fisico, la depressione si manifesta con spossatezza diffusa, dolori muscolari e articolari, forti nevralgie e soprattutto con la possibilità di insorgenza di attacchi di ansia e di panico.

Ogni persona colpita dalla depressione manifesta sintomi diversi, ma il filo conduttore è lo stesso per tutti e deve essere ricercato attraverso un percorso di autoanalisi mirato. A tal scopo le terapie alternative propongono sedute di ipnosi e di meditazione profonda, capaci di far affiorire traumi presenti e passati e di prendere coscienza di luoghi, stati sociali e persone che possono indurre lo sfogo della malattia.

Anche la metamedicina si basa su questo principio. Disciplina teorizzata e diffusa a partire dagli anni ’90 da Claudia Rainville, la metamedicina chiede al proprio paziente di compiere un percorso dove le cause della patologia si trasformano in veri e propri punti di forza nel combattere la malattia. Attraverso strumenti diversi, viene analizzata la situazione mentale del paziente, per far emergere le cause psicologiche del problema e viene richiesto di affrontarle  a viso aperto.

Situazioni che portano disagio, persone non gradite e luoghi che non si sentonio affini diventano per la metamedicina un’occasione di guarigione, in quanto essi si convertono grazie al potere mentale in occasioni di nascita di energia positiva.

Alle terapie alternative che si occupano della parte mentale, la guarigione chiede di essere coadiuvata dall’assunzione di prodotti capaci di aiutare il paziente lungo il cammino

 

curare la depressione per ritrovare l'ottimismoCombattere la depressione da soli è impossibile, in quanto il fisico è debilitato e purtroppo non sempre vi è la coscienza di essere soggetti alla malattia. Degli specialisti sensibili potranno aiutare i pazienti durante il cammino con l’assunzione di farmaci naturali, volti a combattere i sintomi più fisici della patologia.

E’ questo il caso dei preparati a base di erbe, capaci di apportare beneficio a livello fisico e di aiutare muscoli, articolazioni e sistema nervoso a funzionare in modo corretto.

Nel particolare vi sono dei prodotti erboristici e fitoterapici capaci di sedare i problemi legati agli attacchi di ansia e di panico, di aiutare il sonno ad insorgere naturalmente, apportando al contempo elementi ricostituenti per il fisico debilitato.

Erbe calmanti quali la camomilla, la valeriana e la melissa, si accompagnano a piante dall’effetto sedante, quali la passiflora e l’iperico, per aiutare a trascorrere delle notti dolci e senza pensieri e al contempo donare un leggero effetto euforizzante.

Anche gli oli essenziali vengono spesso impiegati nelle cure alternative alla depressione, in particolare l’olio di neroli e l’olio di lavanda. Essi riescono con la loro azione olfattiva ad apportare sensazioni di benessere e di calma solamente attraverso l’inalazione, in modo naturale e dolce.

La prima terapia alternativa in aiuto alla depressione si basa comunque su un‘alimentazione mirata alla guarigione. Essa deve essere multivitaminica nutriente, ma al contempo non deve appesantire il fisico che si presenta molto debole. Via libera a tanta frutta e verdura, a composizioni di insalate con cereali, fonti di carboidrati complessi utili e benefici e alla pratica di bere tantissimi liquidi non gassati.

Il corpo chiede un continuo apporto di sali minerali, in quanto essi tendono ad essere ‘bruciati’ dal cervello. Nel particolare il magnesio chiede di essere introdotto anche in via integrativa, per evitare la spossatezza mscolare e l’insorgenza di fastidiosi dolori articolari.

Accanto alla pratica di una buona alimentazione, gli stati depressivi chiedono che il paziente svolga tanta buona attività fisica, soprattutto all’aperto. Un recente studio inglese, ha evidenziato che almeno trenta minuti di corsa o passeggiata svolti all’aria aperta portano a benefici incredibili sul fisico delle persone depresse, in quanto il tono muscolare diventa più forte, il corpo subisce un’ottima ossigenazione e al contempo la corsa si pone come un ‘perfetto scacciapensieri’.

Curare la depressione con le terapie alternative è possibile e consigliabile, in quanto la risoluzione del problema interessa sia la parte mentale che i risvolti fisici e le cure cercano di risolvere il problema in via davvero definitiva. Anche se inizialmente il percorso potrà sembrare in salita, dopo poco tempo i benefici inizieranno a rendersi visibili e tutto apparirà più semplice, in un percorso di guarigione positivo e naturale.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento