terapie alternative: ecco quali sono le controindicazioniNegli ultimi anni le terapie alternative stanno prendendo sempre più piede nella nostra società e non solo. Infatti aumentano i medici omeopati, i naturopati e anche le farmacie tendono a dare maggiore spazio a questi rimedi.

Le terapie alternative possono essere utili per prevenire, combattere ed in alcuni casi risolvere, diverse patologie, ma quali punti hanno in comune con la medicina tradizionale? Terapie alternative e farmaci convenzionali, ecco la differenza.

Ma le terapie alternative non provengono tutte dalla medesima tradizione.

Alcune di esse provengono da una cultura perlopiù orientale come ad esempio lo shiatsu e l’agopuntura, altre invece dalla cultura occidentale ed europea come l’omeopatia e la floriterapia.

Infatti alcune sono molto antiche caratterizzate da un patrimonio terapeutico riconosciuto anche da varie ricerche scientifiche, altre invece sono perlopiù recenti caratterizzate da una grande diversità nell’utilizzo di metodi terapeutici.

La medicina naturale definita anche complementare o non convenzionale ha in comune con la medicina tradizionale una concezione olistica dell’uomo.

In pratica, l’olismo concepisce l’uomo come un’unione indissolubile di corpo-mente-spirito.

Quindi, in base a tale approccio, questo metodo mira a curare la persona in tutta la sua totalità, non solo il corpo ma anche lo spirito e la mente.

Ma curare diverse patologie con l’uso delle terapie alternative è una buona cosa, ma è altrettanto vero che non tutte le patologie possono essere curate con i rimedi naturali. Purtroppo ci sono alcune patologie che possono essere curate soltanto con la medicina tradizionale.

Per tale ragione è opportuno porre attenzione ai falsi esperti di cure olistiche. E’ vero che gli operatori olistici possono curare le persone con pratiche del tutto naturali, ma attenzione ai falsi medici.. lo scopo delle terapie alternative è quello di aiutare tutte le persone a trovare un proprio equilibrio personale.

E’ proprio per questo che è fondamentale stare alla larga di tutti coloro che dichiarano di essere degli esperti in materia e che professano di guarire una malattia senza il ricorso di alcuni farmaci.

 

Quindi per evitare delle brutte sorprese ecco una serie di accorgimenti da tenere in considerazione, prima di recarsi da qualcuno gli effetti collaterali delle cure olistichepoco esperto:

  1.  innanzitutto la prima regola fondamentale è assicurarsi che l’operatore sia un medico
  2. diffidare da tutti coloro che praticano queste terapia alternative da pochi anni
  3. è bene sempre controllare che esista un’associazione nazionale che abbia naturalmente dei riferimenti
  4. infine, l’operatore che pratica tale disciplina non può e non deve sostituirsi al medico di base, ma deve semplicemente collaborare con lui.

Detto questo, curarsi con le terapie alternative si può, ma è fondamentale stare attenti a chi ci si rivolge.  A volte anche un piccolo disturbo se non viene diagnosticato nella giusta maniera, può creare alla lunga dei seri danni all’organismo.

Secondo gli ultimi sondaggi, è stato rilevato che sono moltissime le persone che ricorrono alle terapie alternative per curare diversi malesseri. Questo perchè a differenza dei farmaci tradizionali, la medicina naturale non ha effetti collaterali.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento