le terapie alternative aiutano a curare i reumatismiI reumatismi sono fastidiose e dolorose manifestazioni che solitamente colpiscono i muscoli e le articolazioni. La natura dei reumatismi può essere varia, dalla troppo esposizione al freddo e all’umidità a situazioni di post traumi che portano ad assumere posture non corrette. Mentre la medicina tradizionale cura i reumatismi con i famosi FANS, i farmaci sfiammanti localizzati, le terapie alternative desiderano procedere con un percorso più profondo.

Ecco che la ricerca della zona trattare e l’impiego di terapie alternative mirate, porta ad una guarigione completa, probabilmente più lunga ma sicuramente efficace e duratura. Mentre i FANS agiscono inibendo il sistema nervoso, le cure alternative sfiammano la zona e al contempo la rigenerano attraverso l’impiego di particolari prodotti.

Le terapie alternative ed i metodi di cura naturale più in generale possono curare molti dei disturbi legati alla salute dell’uomo, anche quelli più diffusi e comuni come per esempio la tosse; scopri le terapie alternative per la tosse.

Terapie alternative e reumatismi: ecco le migliori.

Nella cura dei reumatismi viene spesso impiegata l’agopuntura, tecnica millenaria che si basa sull’applicazione di aghi posti in particolari punti energetici. Attraverso l’applicazione la zona viene sollecitata e quindi riportata alla normalità e al contempo il dolore cessa grazie allo scioglimento dei nodi negativi.

L’agopuntura non presenta controindicazioni, ma richiede una mano molto esperta per la procedura. Si consiglia quindi di affidarsi a centri specializzati, di comprovata esperienza e capaci di offrire un servizio sicuro e affidabile.

Anche i massaggi si pongono come una cura alternativa molto efficace, capace di donare sollievo alle zone interessate e al contempo di agire sulla parte in modo benefico, apportando alla muscolatura o alle articolazioni infiammate il giusto equilibrio.

Accanto alle terapie manuali, coesiste l’assunzione di prodotti mirati

 

tante erbe nelle terapie alternative contro i reumatismiI reumatismi sono fenomeni estremamente dolorosi e per questo motivo richiedo l’assunzione di prodotti volti a lenire il dolore e soprattutto a sfiammare le parti interessate agendo ‘dall’interno’. Molte sono le cure alternative possibili, dall’omeopatia fino ai fiori di Bach, dall’erboristeria alla fitoterapia.

Le erbe e le piante officinali più impiegate per combattere i dolori causati dai reumatismi sono:

1- l’artiglio del diavolo, erba con effetti analgesici e antinfiammatori, impiegata per la cura del dolore derivante da artriti e artrosi. Essa viene impiegata sia nell’assunzione per via interna che in preparati topici come pomate o unguenti, volti a sedare il dolore in modo immediato attraverso i massaggi.

2-il frutto della passione, capace di donare sollievo e al contempo di apportare particolari elementi antiossidanti. Utile soprattutto in età avanzata come rimedio alla cronicità dei reumatismi.

3- la corteccia di salice. Elemento impiegato nella cura dei reumatismi ‘di stagione’, in quanto gli estratti riescono a lenire il dolore e a combattere anche la possibile insorgenza di cefalee e di stati di nausea collegati. Il salice, inoltre, s presenta utile per combattere i problemi delle vie respiratorie ed è quindi la ‘pianta giusta’ su cui fare affidamento durante il periodo invernale.

4- il ribes nero. Definita una pianta cortisone-simile, essa aiuta a sconfiggere i reumatismi grazie alla capacità di aiutare nell’espulsione degli acidi urici molte volte causa di reumatismi. Essa, inoltre offre proprietà analgesiche e sfiammanti e quindi si presenta come un reale toccasana per la cura naturale dei reumatismi.

Non va mai dimenticata che nella cura dei reumatismi deve essere previsto il consumo di magnesio, minerale fondamentale per la muscolatura.

Qualora non vi fosse una corretta introduzione del magnesio, la parte muscolare ‘soffre’ e il dolore può divenire più acuto. Una buona integrazione dello stesso è quindi da considerarsi come fondamentale.

5- l’equiseto o coda cavallina. Impiegato fin dall’antichità per le sue grandi doti sfiammanti, l’equiseto può rappresentare un coadiuvante nel limitare il dolore, soprattutto se viene assunto in combinazione con altre erbe votate allo stesso scopo.

6- l’ortica e il finocchio. Pur non essendo antidolorifiche, queste piante aiutano la depurazione, principale atto da perseguire e aiutano soprattutto nel caso di insorgenza di gotta e di dolori reumatici collegati alle vie urinarie.

Ecco che le terapie alternative, affiancate alla somministrazione di prodotti erboristici e fitoterapici votati a sedare il dolore e sfiammare le zone, possono realmente porsi come cura contro i reumatismi. Il problema verrà risolto alla radice se si decide di scegliere una sinergia tra cure manuali e prodotti da assumere, in un contesto positivo, naturale e assolutamente privo di effetti collaterali.

 

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento