Ecco cosa curano le terapie alternativeAttualmente sono moltissime le persone che ricorrono alle terapie alternative. Infatti per poter curare vari disturbi, la medicina tradizionale non è l’unica scelta possibile.

E’ stato dimostrato anche da vari studi scientifici l’efficacia che hanno alcune piante officinali nel combattere diverse patologie.

Le terapie alternative vengono applicate nell’ambito di molte malattie e da un numero di persone sempre maggiore, e quindi possibile curarsi senza farmaci? Ecco i rimedi depressione senza l’ausilio dei farmaci!

Tra le terapie alternative, rientrano in questa categoria la fitoterapia, l’aromaterapia, l’omeopatia e l’agopuntura.

Infatti da tempo l’uomo ha trovato nelle erbe un valido aiuto per la sua salute: tutti i popoli hanno utilizzato dei principi attivi naturali per curare vari disturbi fisici che li affliggevano, apportando degli ottimi risultati.

La fitoterapia ad esempio, nota per le sue origini antiche, non viene riconosciuta pubblicamente come  terapia medica, bensì come medicina alternativa. Soltanto in Inghilterra è nata un’associazione professionale riconosciuta sia a livello nazionale che istituzionale.

Tuttavia in natura ci sono moltissime piante che grazie ai loro principi attivi hanno la capacità di curare qualsiasi disturbo.

Ad esempio, gli alcaloidi sono delle sostanze davvero molto diffuse e sono in grado di ottenere dei risultati significativi: rientrano in questa categoria la caffeina, la morfina, la nicotina. Ci sono anche i polifenoli aventi proprietà antiossidanti.

Nelle piante sono presenti anche altre sostanze quali terpeni responsabili di profumi di erbe e fiori, i glicosidi invece sono delle sostanze che presentano proprietà dolcificanti e conservanti per gli alimenti. I più noti sono l‘echinacea, liquirizia, ginseng, e rabarbaro.

Per ricavare questi principi attivi, gli esperti di fitoterapia si avvalgono di alcune tecniche: spesso essiccano la pianta estraendo quello di cui si ha maggiormente bisogno. Con l’aiuto di alcool, acqua o solventi vengono estratti i principi attivi curativi.

Tuttavia per avere il giusto dosaggio, i soggetti devono rivolgersi a persone esperte in materia.

 

utilizzare l'agopuntura come rimedio alternativoGrazie alla fitoterapia è possibile curare vari disturbi quali raffreddore, influenza, acufeni, disfunzione erettile, depressione e via dicendo.

Tra le varie terapie alternative, troviamo anche l’agopuntura. Si tratta di una medicina “dolce” in grado di alleviare vari sintomi. Infatti i suoi effetti su determinate malattie sono oggi riconosciute anche dalla comunità scientifica. I piccoli aghi agiscono con efficacia non solo contro il dolore.

L’agopuntura è nota per combattere il mal di schiena e soprattutto è utile per combattere anche problemi digestivi, gambe pesanti, disturbi del sonno.

Le terapie alternative spesso aiutano a ritrovare la serenità come nel caso dell’omeopatia. Oggetto di animate controversie, l’omeopatia a tutt’oggi risulta una valida alternativa nel curare varie problematiche.

Malgrado il grande successo, il principio di diluizione attualmente rimane un mistero anche se una recente scoperta ha riacceso nuovamente i riflettori su questa terapia.

La maggior parte delle preparazioni omeopatiche si ottengono attraverso la tecnica delle alte diluizioni.

Questa tecnica è indicata soprattutto nei bambini dove l’organismo è altamente reattivo e privo di effetti collaterali. Si cura benissimo la dermatite da pannolino, bronchite asmatica, influenza.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento