Ci sono poche malattie terrificanti nella vita di una persona come il tumore. E nonostante ciò, non sono ancora note le possibili terapie per il cancro.
Attualmente un terzo della popolazione si ammala di cancro a un certo punto propria vita, ed è quasi impossibile rimanere impassibili di fronte alla malattia.
La cosa peggiore è che non esistono terapie contro il cancro, per sconfiggerlo totalmente, ma solo palliativi per migliorare lo stile di vita di chi ne è stato colpito.

Il cancro ci spaventa a tal punto che le discussioni su di esso vengono spesso evitate e il linguaggio che usiamo è formulato in eufemismi.

Internet è il mezzo di comunicazione maggiormente pieno di disinformazione sulle terapie per il cancro, con conseguenze potenzialmente tragiche per i pazienti.

Recentemente, su un canale della tv americana è andato in onda un documentario che raccontava la storia di Neon Roberts, un giovane ragazzo la cui terapia per un cancro al cervello è stato fermata dalla madre Sally, poichè convinta che la radioterapia avrebbe potuto arrecare un danno a lungo termine a suo figlio e voleva provare i trattamenti medici alternativi.

Dopo una battaglia legale difficile, Neon ha ricevuto come terapia per il cancro la radioterapia, ed alla fine non ce l’ha fatta, sotto lo sconcerto totale della madre.

“La morte vista da un medico è molto comune, ma per fortuna, grazie ad internet in questi giorni molti di noi si sono informati bene sulle terapie del cancro, anche su quelle alternative”

dice la madre nel documentario.

Il caso di Neon Roberts è tragico e rivela il pantano di disinformazione che circonda la malattia e le terapie del cancro, convenzionali o meno che siano. Ma il commento della signora Roberts non dovrebbe essere completamente respinto.terapie naturali per il cancro
Anche se il suo parere potrebbe risultare a primo impatto sbagliato, il suo punto di vista sul discorso che internet è pieno di informazioni sulle terapie per il cancro non si può negare.
Gran parte di essa è dubbia e frutto di ricerche non propriamente scientifiche, ma distinguere tra realtà e finzione può essere difficile e una serie di miti sul cancro hanno trovato nuova vita online.

Mentre sarebbe impossibile affrontare tutte le leggende sul tema, vale la pena di dissipare alcuni dei malintesi più persistenti.

Lo spettro delle presunte terapie per il cancro è fortemente ampia ed allarmante.

 

In genere il prodotto è “naturale” e facilmente acquistabile – per esempio, semi di albicocca, graviola, vischio e persino il bicarbonato di sodio è stato sostenuto come terapia per il cancro, nonostante poca o nessuna evidenza clinica; mentre per altre patologia, come la pressione sanguigna alta, esistono rimedi naturali.

Combinazioni esotiche di ogni cosa, dalle erbe alle vitamine, vengono vendute e commercializzate come potenziali cure, ma non vi è alcuna prova che semplicemente funzionano.
La FDA mantiene un elenco di note terapie contro il cancro false nel tentativo di combattere tale disinformazione.

radioterapia per cancroAlcuni sostengono che i magneti siano in grado di curare il cancro, ma la ricerca di “terapia magnetica” mostra che tali campi statici sono biologicamente inerti.
A volte si è anche sostenuto che l’omeopatia potesse essere una valida terapia per il cancro – che naturalmente è una sciocchezza, perché l’omeopatia ha dimostrato di lavorare con diluizioni che rasentano il placebo e avrebbe dovuto sfidare le leggi della fisica e della chimica per essere efficace.

Mentre queste informazioni potrebbero avere buone intenzioni ma portare comunque a male informazione, ci sono ambiti più discutibili, come la clinica Burzynski, che afferma di aver sperimentato delle nuove forma di terapie del cancro conosciute come antineoplaston.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento