Cure naturali per la difunzione erettile: ecco quali

Le cure naturali per la disfunzione erettile possono appartenere a due tipologie: quelle che intervengono chimicamente per la curare a livello fisiologico la patologia e quelle che invece intervengono a livello psicologico. Noi ci occuperemo delle prime.

Ma quanto possono essere efficaci le cure naturali per la disfunzione erettile, più comunemente nota come impotenza? Ora lo vedremo, ma intanto scopri se vuoi la differenza tra terapie naturali e tradizionali.

Cure naturali per la disfunzione erettile: esistono?

L’impotenza maschile rappresenta un grande problema: in Italia  si contano più di tre milioni di uomini che ne soffrono. Rappresenta quindi un problema di una certa importanza.

Prima di vedere quali possono essere i rimedi naturali per questo problema è bene capire cos’è esattamente la disfunzione erettile: tecnicamente l’impotenza è l’incapacità di raggiungere e mantenere l’erezione durante l’atto sessuale.

Le cause possono essere, come detto prima, sia fisiche che psicologiche e a volte possono interagire reciprocamente. Tra le cause psicologiche possono esserci lo stress, gli stati d’ansia, la depressione, conflitti psicologici ecc. ( da citare la famosa “ansia da prestazione”, molto comune tra i giovani).

Tra le cause fisiologiche tra le più diffuse abbiamo i problemi di tipo vascolare, di tipo endocrino, neurologico, alcune malattie come il diabete, l’uso di certi farmaci, e poi l’abuso di fumo, alcol, l’obesità ed anche l’utilizzo di droghe.

Grazie alla fitoterapia è possibile curare l’impotenza in maniera efficace, poichè certe piante sono in grado di agire sui meccanismi fisiologici dell’erezione, anche agendo sull’intero organismo.

Ecco le piante più comunemente utilizzate per la cura della disfunzione erettile

 

Uno stile di vita sano per curare la disfunzione erettile

I rimedi naturali per la disfunzione erettile dovuta a cause fisiologiche, possono essere i seguenti:

Il Gingko biloba migliora la circolazione sanguigna, e quindi l’afflusso di sangue ai corpi cavernosi del pene, e rilassa la muscolatura liscia. E’ bene comunque stare attenti ad usarlo se si utilizzano farmaci anti-coagulanti contemporaneamente, perché ne aumenta l’effetto e quindi può essere pericoloso.

Il Ginseng è una radice ampiamente usata nella medicina tradizionale cinese da molti secoli. Grazie alla sua azione, stimolando il rilascio di ossido nitrico, è in grado di consentire una buona vasodilatazione e quindi di migliorare notevolmente l’erezione.

L’Arginina, come il Ginseng, potenzia il rilascio di ossido nitrico e quindi consente un’erezione più vigorosa. Tuttavia anche qui bisogna stare attenti agli effetti collaterali, (soprattutto se si assumono dosi eccessive) come calo della pressione sanguigna, dolori addominali, nausea e diarrea.

La Damiana è in grado di agire direttamente sugli organi genitali, stimolando il centro dell’erezione favorendo quell’area grazie ad un maggiore afflusso di sangue e migliorandone anche la sensibilità a livello dei nervi. Come le erbe precedenti migliora il sistema circolatorio del pene consentendo una migliore e durevole erezione.

Queste sono solo alcune delle erbe da utiizzare come cure per la disfunzione erettile. E’ comunque sempre bene consultare un medico. Inoltre è consigliato anche di migliorare il proprio stile di vita limitando alcol, fumo, cibi molto grassi, stress e dormando le ore necessarie.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento