I rimedi erboristici fanno parte di quelle cure che la medicina classica definisce cure non tradizionali o non convenzionali. Si tratta, infatti, di cure naturali che non prevedono l’utilizzo di farmaci, ma solo di piante o comunque di approcci non chimici per curare e soprattutto prevenire tantissime patologie.

Rimedi erboristici: gli italiani sono sempre più interessati

Una volta venivano considerati come “rimedi della nonna”, mentre adesso, questo tipo di cure hanno dimostrato avere delle solidissime basi scientifiche alle spalle, e non dobbiamo mai dimenticarci che le prime medicine, anche le tradizionali, derivavano dalle erbe e dalle piante, che oggi puoi acquistare comodamente da casa tua con le erboristerie online.
rimedi a base di erbeIn linea di massima queste terapie danno un’immagine molto rassicurante e positiva: vengono percepite dalla gente, a volte anche con un po’ di superficialità, come più sicure, non chimiche, più naturali e di conseguenza meno invasive rispetto alla medicina tradizionale.
Un altro vantaggio a loro favore sta nell’approccio al paziente ed alla sua cura, molto più personalizzato e meno standardizzato: si fa molta più attenzione alle esigenze del singolo soggetto ed i medici o il personale a cui ci si affida risultano essere più predisposti all’ascolto.

I rimedi erboristici non sono in grado di risolvere tutti i problemi di salute

E’  fondamentale, perciò, fare una corretta informazione, evitando di associare o mettere sullo stesso livello cure che hanno solide basi scientifiche, come la fitoterapia, appunto, con altre le cui evidenze sono più fragili o inesistenti.
È importante informarsi in maniera corretta sulle ricerche scientifiche che sono alla base di queste cure naturali, soffermandosi sulle evidenze scientifiche quando ci sono, ma anche concentrandosi sulle tante eventuali controindicazioni ed interazioni farmacologiche che ci sono. Perchè bisogna precisare che il fatto di essere ‘naturale’ non rende per certo sicura o non dannosa una terapia a base di erbe medicinali. Ma come mai queste terapie naturali, da qualche decennio a questa parte, hanno avuto questo boom di consumi?

Quello che è cambiato è la percezione della medicina convenzionale da parte dei pazienti; si può affermare che, fino a pochi anni fa, si aveva una percezione di fiducia nei confronti della scienza classica, nella medicina tradizionale. Esisteva molta fiducia nel futuro e nelle scoperte che si sarebbero dovute fare per la cura di malattie anche molto gravi, si aveva fiducia nella ricerca medica. cosa possono curare i rimedi naturali?Poi, col passare degli anni, questa fiducia è andata a scemare e quindi hanno avuto maggiore slancio tutte queste medicine alternative che sono opposte, come concetto alla visione classica ed ufficiale della medicina.

Entrambe le tipologie di cure dovrebbero avere gli stessi obiettivi, ma si è visto che non è propriamente così. L’ultima precisazione da fare è però la seguente: il paziente che decide di intraprendere la via dei rimedi erboristici deve sapere che ci sono dei limiti che non possono essere valicati da questo tipo di medicina non convenzionale; perciò ci si deve porre da soli dei “paletti” e sapere quando è il caso di proseguire con le cure naturali e quando è il caso di rivolgersi alle cure più classiche.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento