Il nuovo millennio ha visto sempre più persone scegliere di affidarsi alle cure proposte dalle terapie alternative. Stanche di costosi farmaci dagli sconosciuti effetti collaterali, esse hanno, infatti,  preferito dedicarsi ad una scelta basata su cure più dolci ma ugualmente efficaci sotto molti punti di vista.

La frenesia che contraddistingue i nostri giorni porta spesso ad affidarsi alla velocità dei rimedi tradizionali, composti molte volte da farmaci oppure da cure dalla natura invasiva. Ecco che le terapie alternative possono rappresentare una via diversa verso il cammino della guarigione, certamente più lenta, ma sicuramente più dolce e meditata; ma quali sono pro e contro di questi metodi?

Ma su cosa si basano le terapie alternative?

L'omeopatia, un esempio efficace tra le terapie alternativeLe terapie alternative si basano principalmente su due fattori:

-la presenza di elementi di origine vegetale e naturale nella composizione dei preparati

-la necessità di affrontare dei cammini di natura mentale

Appartengono alla prima categoria le terapie alternative che basano la loro cura su preparati come l’Omeopatia e i Fiori di Bach.

L’Omeopatia basa la sua attività nella somministrazione di granuli zuccherini da sciogliere sotto la lingua. Essi sono composti da sostanze vegetali e la loro somministrazione può essere molto utile per sfiammare dolori muscolari ma anche in casi di patologie come l’ansia oppure gli attacchi di panico.

I Fiori di Bach, dai nomi bellissimi e dal sapore delizioso, consistono in preparati distillati per l’appunto da fiori, capaci di risolvere molti problemi soprattutto di origine psicosomatica. Essi vengono inoltre utilizzati in aiuto ai problemi dell’alimentazione e per favorire il rilassamento del sistema nervoso.

Anche la Cromoterapia, abbinata ai cibi, può essere intesa come una cura alternativa appartenente a questa categoria. Essa infatti si basa sulla scelta dei cibi in base ai loro diversi colori e può rappresentare un valido aiuto in caso di problemi legati all’alimentazione soprattutto nei bambini.

L’Ayurveda, pratica di origine indiana antichissima, vede l’uso di medicine dalla composizione erboristica, abbinarsi a consigli sull’alimentazione, sullo stile di vita ed è strettamente legato alla pratica dello Yoga. In essa si annoverano molti prodotti cosmetici quali oli da massaggio, creme e impacchi, ma anche integratori a base di erbe e di sostanze naturali molto efficaci.

Alla seconda categoria appartengono le cure alternative che implicano un coinvolgimneto di natura mentale durante lo svolgimento della terapia stessa.

 

Massaggi energetici, tra le terapie alternative utili a donare per un lungo beneficioAppartengono alla categoria la Metamedicina, terapia ideata all’inizio degli anni novanta da Claudia Rainville e tuttora diffusa nei suoi centri in tutto il mondo. L’applicazione della Metamdicina richiede una grande forza ed un coinvolgimento mentale importante.

La terapia si basa infatti sulla ricerca delle cause del problema da risolvere attraverso un percorso mentale di ricerca. Una volta concluso tale percorso la Metamedicina chiede di impegnare le proprie forze mentale per avviare un processo di guarigione indotta.

Un’altra importante pratica alternativa legata al coinvolgimento della mente è rappresentata dall’Ipnosi. Sottoporsi all’ipnosi significa abbandonare la mente alla ricerca delle cause scatenanti del problema in un processo mentale profondo e coinvolgente.

Un’ulteriore categoria di pratiche alternative si basa su una serie di applicazioni e di atti fisici compiuti dagli specialisti della fisioterapia, atti a risolvere i  vari problemi.

Parte di queste tipologie di terapie alternative sono ad esempio l’Agopuntura e i Massaggi Energetici.

L’Agopuntura, tecnica di origine millenaria orientale, si basa sull’applicazione di aghi ad incidere dei punti energetici del corpo. Attraverso la puntura viene indotta la guarigione del problema.

Anche i Massaggi Energetici mirano a trattare i punti del corpo dove risiede l’energia e a ristabilirne le funzioni vitali corrette attraverso delle imposizioni o dei massaggi mirati a ‘risvegliare’ in modo positivo la parte.

Qualunque sia la scelta effettuata ci si deve ricordare che le cure alternative richiedono dei tempi di guarigione più lunghi rispetto alla medicina tradizionale.

La loro origine, composta da processi mentali e da prodotti di provenienza naturale riesce comunque a rappresentare la base per una guarigione dolce, realizzata attraverso un cammino di autocoscienza dove il corpo è sottoposto a terapie alternative,  lente ma importanti nella loro essenza, dove la mente riceve un beneficio a lungo termine visibile giorno dopo giorno.

1 Commento

Lascia un commento
  • Silla Magnolfi

    Buongiorno, le medicine omeopatiche alternative ricercate via internet a differenza delle medicine omeopaticheacquistate in farmacia sono consigliabili oppure ci sono dei rischi non indifferenti?
    Grazie.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento