Il curarsi con una terapia naturale è attualmente molto in voga. Per terapia naturale intendiamo, ovviamente, tutto ciò che non contenga o preveda l’utilizzo di sostanze di origine chimica e/o sintetica, ma solo a base naturale, appunto.
Terapie naturali sono quindi la fitoterapia (curarsi con le piante officinali), l’agopuntura (curarsi attraverso i meridiani della medicina cinese), i fiori di Bach, l’omeopatia (curarsi con soluzioni omeopatiche molto diluite), ecc.

Ma doce acquistare i prodotti per le terapie naturali? Facile, nelle erboristerie online, si risparmia veramente.

Le terapie naturali sono sempre più utilizzati, sia in Italia, che altrove e stano equiparando sempre di più la medicina tradizionale.

Ci sarebbe da analizzare in maniera più accurata, però, quali sono i reali vantaggi e gli svantaggi di una terapia naturale, con tutti i pro e contro del suo utilizzo, sia esso acuto che cronico.terapia naturale vantaggi
Una terapia naturale dovrebbe sempre essere concepita non tanto come cura, ma più che altro nella prevenzione di un disturbo o di una malattia vera e propria: per questo motivo, ad esempio, le erbe medicinali si utilizzano maggiormente come terapie naturali  a livello cronico e mai nella fase acuta della patologia.
Un mal di testa, ad esempio, o un’emicrania di quelle forti non potrà mai alleviarsi col semplice utilizzo di una terapia naturale.
La prevenzione di disturbi più o meno gravi ed invasivi dovrebbe, invece, sempre avere come base una terapia naturale, a mio parere: come ad esempio, rinforzare le difese immunitarie per evitare le malattie da raffreddamento invernali o prepararsi all’esposizione solare in maniera adeguata, evitando la formazione di eritemi.

Le terapie naturali sono, anche per tutta questa serie di motivi che abbiamo elencato, chiamate anche col termine di cure dolci, ovvero terapie non invasive, con un’azione non aggressiva o troppo potente.

 

Ci sono poi anche alcune terapie naturali che possono essere utilizzate anche quando la malattia è già in fase più acuta, come la propoli per l’apparato respiratorio, o il tea tree per le infezioni da funghi.
pro e contro terapie naturaliNaturalmente, in quest’ultimo caso, parliamo di problematiche non propriamente al culmine della loro intensità e virulenza.
Ovviamente esiste anche l’altro lato della medaglia, che è rappresentato dal fatto che una terapia naturale non comporta quasi mai, se consigliata da un esperto, effetti collaterali o interazioni con altri farmaci e/o sostanze.
Ma anche soltanto incontrare personale non qualificato o non esperto, potrebbe far incappare un potenziale paziente di terapie naturali in situazioni poco piacevoli, come l’interazione tra il pompelmo e moltissimi farmaci o il fatto che il fucus sia sconsigliatissimo a chi soffre di problemi di qualsiasi tipo alla tiroide.
Quindi il nostro consiglio è di valutare per bene prima quale tipo di problematica si dovrà affrontare e a che stadio di intensità essa si trova e poi di discutere di un’eventuale terapia naturale con una persona esperta del settore.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento