Le caratteristiche delle terapie alternativeLe terapie alternative si propongono spesso come metodo di cura verso i più disparati disordini fisici e delle malattie in generale.

Una delle caratteristiche tipiche delle terapie alternative, quella che nel corso del tempo ha determinato un progressivo aumento dell’interesse che le persone nutrono nei loro confronti, è la relativa assenza di effetti collaterali e controindicazioni. Non sempre, però, questa comune credenza corrisponde all’effettiva realtà; ecco l’utilità delle terapie alternative.

Le principali prerogative delle terapie alternative

Le caratteristiche forse più importanti che accomunano moltissime terapie alternative sono quelle legate alle loro origini.

Tecniche come l’agopuntura, la medicina Ayurvedica, la riflessologia e la Medicina Tradizionale Cinese hanno origini molto antiche e sono legate alla cultura e alla filosofia orientale.

Quando ancora la medicina vera e propria non esisteva le terapie alternative erano l’unico strumento utile per migliorare la salute in caso di malattia e favorire il benessere psicofisico.

L’avvento del metodo scientifico e della ricerca medica ha permesso di compiere un notevole passo avanti. I rimedi tipici delle terapie alternative sono stati via via messi da parte a fronte di medicinali molto specifici e più efficaci.

Ai nostri tempi, quindi, una delle prerogative di base delle terapie alternative è individuabile nella loro impossibilità di rispondere ai medesimi requisiti di efficacia tipici dei medicinali moderni.

Considerato l’interesse che moltissime persone mostrano verso le terapie alternative, però, sempre più ricerche oggi vengono svolte in questo ambito per cercare di scoprire quanto effettivamente possano essere utili nella cura dei disordini fisici e mentali.

Altra importante prerogativa delle terapie alternative oggi è il loro qualificarsi esclusivamente come tecniche da associare alla medicina tradizionale o da utilizzare a suo completamento. È per questo, infatti, che assumono anche il nome di medicina complementare.

Le terapie alternative: consigli utili

 

I benefici della medicina alternativaSono molte le terapie alternative scelte dalle persone oggi: l’agopuntura, l’omeopatia, la fitoterapia, la chiropratica… Queste sono soltanto alcune delle più praticate.

Tenendo in considerazione le loro caratteristiche, però, è opportuno tenere in considerazione alcuni consigli utili:

  1. quando ci si appresta a scegliere una delle numerose terapie alternative disponibili è sempre importante e utile chiedere un parere al proprio medico curante;
  2. è importante anche nel caso delle terapie alternative che ci si affidi a mani esperte ovvero a medici professionisti che oltre al normale corso di studi, abbiano seguito percorsi abilitativi all’uso di queste tecniche;
  3. considerare le terapie alternative prive di rischi o effetti collaterali è sbagliato: bisogna affidarsi a mani esperte che sappiano indirizzare la persona verso la tecnica più adatta a lei così da minimizzare i costi e massimizzare i benefici.

Le terapie alternative, quindi, possono essere utili in moltissime occasioni. L’importante è agire sempre con buon senso.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento